Dicembre 1, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco perché il virus RS è così pericoloso per i bambini | Conoscenza e ambiente | DW

Il virus respiratorio sinciziale (RSV) viene trasmesso dalle goccioline di starnuti o tosse e colpisce le vie aeree. I sintomi sono simili a quelli di un raffreddore: naso che cola, perdita di appetito, tosse, starnuti e febbre.

La maggior parte delle persone guarisce dopo poche settimane. Tuttavia, nei neonati, nei bambini piccoli e negli anziani, il rischio di malattie gravi è molto maggiore.

Soprattutto nei mesi invernali fino ad aprile, la malattia si diffonde a ondate e porta a un numero elevato di casi. Dei milioni di bambini che contraggono il virus ogni anno, circa il 2-3% richiede il ricovero in ospedale.

Dice che il tasso di mortalità è molto basso nei paesi ricchi Cristoforo VerdeDocente e consulente in Malattie infettive presso l’Università di Birmingham, Regno Unito. La malattia può essere “molto terribile”, dice Green, specialmente per i bambini prematuri, perché le loro vie aeree sono strette e non hanno costruito abbastanza immunità al virus.

Nei paesi poveri, dove spesso i bambini non hanno accesso adeguato a cure e cure adeguate, i rischi sono molto maggiori che nelle società più ricche. “Si stima che circa il 99% di tutti i decessi infantili dovuti al virus respiratorio sinciziale si verificano nei paesi a basso e medio reddito”, spiega. Cristoforo ChiuProfessore di Malattie Infettive all’Imperial College di Londra.

Negli Stati Uniti e in Europa, il virus RS è particolarmente diffuso in autunno e in inverno

L’RSV è particolarmente pericoloso per i bambini piccoli e gli anziani

persone con asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva Oppure è più probabile che l’insufficienza cardiaca sviluppi una malattia grave. Anche il rischio di sviluppare sintomi gravi aumenta con l’età. Il sistema immunitario di queste persone è solitamente indebolito. Questo rende difficile per i loro corpi combattere le infezioni.

READ  Il suolo fertile si trasforma in polvere: rapporto delle Nazioni Unite: la siccità sta diventando più comune e dura più a lungo

“Negli adolescenti che sviluppano anticorpi contro il virus, le malattie respiratorie sono molto simili al comune raffreddore”, afferma Green. La maggior parte delle infezioni da RS si verificano anche in autunno e in inverno, durante la tipica stagione fredda.

Perché il virus si sta diffondendo così rapidamente negli Stati Uniti in questo momento?

“La stagione del virus respiratorio sinciziale è stata piuttosto insolita durante la pandemia di COVID negli ultimi anni. Nel 2020 e in alcune aree anche nel 2021, non ci sono state praticamente infezioni da RSV”, afferma Christopher Chiu. Ora i numeri stanno salendo di nuovo. Qiu ritiene che il percorso dell’epidemia e il calo del numero di corona sia una delle ragioni di ciò.

“Le persone inizialmente si isolavano socialmente, lavandosi spesso le mani e indossando maschere, anche i bambini nati in questo periodo in particolare non avevano quasi alcun contatto con RSV”, descrive Chiu.

Indonesia - Donne sul treno da Jakarta

L’uso della mascherina, il distanziamento sociale e il lavaggio delle mani hanno contenuto l’infezione da RSV durante la pandemia

“Quest’anno la situazione si è calmata nella maggior parte delle aree e la vita è tornata alla normalità. C’è un folto gruppo di persone che non hanno ancora sviluppato l’immunità contro l’RSV”. Ora sono più suscettibili alle infezioni.

Richard Peabody, capo dell’High-Risk Pathogens Team presso l’Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa, spiega che mentre l’RSV sta circolando a bassi livelli in Europa, non si sono verificati focolai di infezione importanti. “Tuttavia, è tempo che il numero di casi aumenti di nuovo e potrebbe essere che l’RSV circoli insieme all’influenza e al COVID”, ha affermato Peabody.

READ  Psicologia: come superare l'insicurezza! | vita e conoscenza

Chiu è anche convinto che, come negli Stati Uniti, potrebbe esserci un aumento dei contagi da RSV in Europa durante l’inverno.

Esiste un vaccino contro il virus respiratorio sinciziale?

Attualmente non esiste un vaccino contro il virus respiratorio sinciziale. Il vaccino RSV è stato effettivamente sviluppato negli Stati Uniti negli anni ’60. Tuttavia, il vaccino ha fatto l’opposto di quello che avrebbe dovuto fare. Ha peggiorato la malattia nei bambini vaccinati. Alcuni soffrivano di malattie polmonari, per esempio. L’80 per cento è stato ricoverato in ospedale e due bambini sono morti.

immagine dell'icona di vaccinazione

Non esiste ancora un vaccino per la protezione dal pericoloso virus RS

Poiché il virus colpisce solo gli esseri umani, ha detto Qiu, non è stato possibile utilizzare modelli animali per sviluppare farmaci e vaccini, come è comune nei farmaci per combattere le malattie virali. Il virus ha anche trovato il modo di alterare il sistema immunitario in modo che le persone possano essere nuovamente infettate nel corso della loro vita.

Una volta che l’infezione è stata sconfitta, non significa immunità permanente al virus. “È difficile capire quali fattori devono essere stimolati affinché il corpo possa costruire una protezione adeguata”, spiega Chiu. “Negli ultimi anni, stiamo appena iniziando a capire i dettagli”.

In studi recenti, i vaccini delle aziende farmaceutiche Pfizer e GSK hanno ottenuto risultati positivi, mostrando un’efficacia dell’80% contro il virus. Questi vaccini potrebbero essere approvati nei prossimi tre o cinque anni. Tuttavia, è più adatto per vaccinare gli anziani e le donne in gravidanza, perché i ricercatori hanno preoccupazioni etiche circa la sperimentazione di vaccini e farmaci sui bambini.

READ  Il marchio ActiNovo di PlantaCorp offre salute con una promessa di qualità

Sono in corso ricerche anche sull’uso degli anticorpi. Chiu afferma che tali trattamenti sono già stati utilizzati con successo negli studi sui bambini prematuri e li proteggono dai casi gravi di RSV. Ma questo non è ancora generalmente disponibile.

Quanti bambini muoiono di RSV ogni anno?

Si stima che circa 3,2 milioni di bambini siano ricoverati in ospedale con RSV ogni anno in tutto il mondo e circa 120.000 bambini muoiano di RSV. Uno Lo studio è stato pubblicato all’inizio del 2022 Tuttavia, la Boston Medical University ritiene che il numero sia molto più alto, sulla base di sondaggi condotti principalmente nei paesi e negli ospedali ad alto reddito.

Non sono stati presi in considerazione i decessi avvenuti al di fuori degli ospedali. Per avere un’idea di quanti bambini potrebbero essere, i ricercatori hanno collaborato con il personale dell’obitorio di Lusaka, in Zambia, esaminando circa 2.200 bambini morti a causa del virus respiratorio sinciziale. Ciò corrisponde a circa l’80% dei decessi avvenuti a Lusaka tra il 2017 e l’agosto 2020.

Lo studio ha mostrato che il virus respiratorio sinciziale è responsabile del 4,7% di tutti i decessi extraospedalieri. Ciò indica che è probabile che i tassi di mortalità globali modellati siano sottostimati.

L’inverno, quando le infezioni da virus respiratorio sinciziale tendono ad accumularsi, è appena iniziato nell’emisfero settentrionale. Quindi Christopher Chiu consiglia di continuare a osservare le regole che sono state applicate durante la pandemia di Corona: indossare mascherine, stare lontano dagli altri e lavarsi le mani regolarmente.