Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

È stato licenziato senza indennità di fine rapporto: gli ex capi di Twitter vogliono milioni da Musk

È stato licenziato senza indennità di fine rapporto: gli ex capi di Twitter vogliono milioni da Musk

Espulsione senza benefici di fine servizio
Gli ex capi di Twitter vogliono milioni da Musk

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

L'inchiostro sul contratto di acquisto di Twitter non si è ancora asciugato prima che il nuovo proprietario butti fuori dalla porta la suite executive. Non sono previste indennità di fine rapporto. Gli ex top manager si sentono presi in giro e intentano una causa.

Quattro ex top manager di Twitter, licenziati da Elon Musk dopo aver acquistato il servizio, vogliono fargli causa per oltre 128 milioni di dollari di buonuscita. In più di un anno, il team di Musk è stato in grado di offrire solo deboli ragioni per il licenziamento, secondo la causa intentata, tra gli altri, dall'ex capo di Twitter Parag Agrawal, presso un tribunale federale in California. “Musk non paga i suoi conti, crede che le regole non si applichino a lui e usa la sua ricchezza e il suo potere per calpestare chiunque non sia d'accordo con lui”, hanno scritto i pubblici ministeri. Inizialmente non ci fu alcuna reazione da parte di Musk.

Musk ha acquistato Twitter nell'ottobre 2022 per circa 44 miliardi di dollari. Una volta completata l'acquisizione, licenziò gli amministratori. Le ragioni addotte includevano “negligenza grave” e “dolore condotta” – ma le lettere di risoluzione non includevano alcun esempio di ciò, secondo la causa. I bonus di successo agli avvocati che hanno aiutato Musk, che all'epoca era riluttante, a concludere l'accordo con Twitter, così come i bonus ai dipendenti, sono stati successivamente citati come giustificazioni.

Nella causa i registi hanno fatto riferimento anche all'autobiografia di Musk, pubblicata pochi mesi fa. L'autore Walter Isaacson descrive come Musk volesse licenziare rapidamente i dirigenti prima che potessero esercitare le loro stock option. Anche i pacchetti azionari svolgono un ruolo centrale nel soddisfare le esigenze degli ex manager. Agrawal chiede circa 57,36 milioni di dollari. Solo 1 milione di dollari di questo importo si riferisce allo stipendio annuo a cui ha diritto in base al contratto di fine rapporto. L'ex direttore finanziario Ned Segal chiede circa 44,5 milioni di dollari, mentre gli ex direttori legali Vijaya Gade e Sean Edgett chiedono 20 e circa 6,8 milioni di dollari. Il totale ammonta a circa 128,6 milioni di dollari (circa 118,5 milioni di euro).

I problemi sono iniziati anche prima dell'acquisizione

Musk era già in disaccordo con la gestione di Twitter mesi prima dell'acquisizione. Da un lato Gaddy è stato accusato soprattutto di reprimere opinioni politiche conservatrici sull'offerta online. Tuttavia, Agrawal ha bloccato le richieste di Musk di licenziare Gade durante l'acquisizione. Musk, d'altra parte, voleva annullare l'accordo poche settimane dopo aver annunciato l'acquisizione, sostenendo che il numero degli utenti era stato gonfiato da troppi bot automatizzati. Ma la direzione di Twitter è andata in tribunale per far rispettare l’accordo di acquisto. Alla fine Musk si arrese perché si aspettava di perdere la causa.

Musk ha ora rinominato Twitter in X e vuole utilizzare il servizio per creare una piattaforma multiuso per il networking e la ricerca di lavoro, tra le altre cose. Ha ammesso più volte che il fatturato si è dimezzato dopo l'acquisizione a causa della partenza di importanti clienti pubblicitari. Subito dopo l’acquisizione hanno dovuto lasciare l’azienda non solo i dirigenti, ma anche circa la metà dei dipendenti. Dopo un anno positivo, 1.500 degli 8.000 ex dipendenti lavoravano ancora in azienda.