Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dow chiude in rosso: settembre nero per i mercati azionari statunitensi


Rapporto di mercato

Stato: 30/09/2022 22:35

Settembre non ha una buona reputazione in borsa, in quanto è considerato il mese più debole in borsa durante l’anno. Anche questo mese i mercati sono stati sostanzialmente in ribasso.

I mercati azionari statunitensi hanno avuto un inizio misto l’ultimo giorno di negoziazione della settimana, non sono sicuro in quale direzione andare. Ma alla fine del trading, hanno preso una decisione chiara: il principale indice statunitense, il Dow Jones, è sceso dell’1,71% a 28.726 punti, mentre il più ampio indice Standard & Poor’s 500 è sceso dell’1,51% a 3.586 punti. L’high-tech Nasdaq 100, che include titoli come Apple e Microsoft, è sceso dell’1,73% alla chiusura di oggi.

Gli investitori hanno reagito solo brevemente con sollievo alla dichiarazione del vicepresidente della Fed Lael Brainard secondo cui gli effetti dell’aumento dei costi finanziari sulla stabilità del mercato globale dovrebbero essere monitorati. Negli ultimi tempi, ci si è resi conto che la tendenza al rialzo dei prezzi è nuovamente aumentata. L’indice dei prezzi PCE, che si basa sulla spesa dei consumatori statunitensi, è cresciuto più del previsto sia su base annua che su base mensile. La Federal Reserve americana preferisce l’indice dei prezzi delle spese per consumi personali al noto CPI.

L’indice Dow Jones ha chiuso settembre in calo dell’8,8%. L’ultima volta che si è verificata una perdita mensile significativa è stata a marzo 2020, quindi al culmine della crisi del Corona. Tuttavia, il bilancio del terzo trimestre è meno negativo rispetto al trimestre precedente con meno 6,7%. Nei primi tre trimestri di quest’anno, le borse americane hanno dovuto accettare tre ribassi consecutivi. È stato un trimestre molto doloroso per il mercato azionario, ha affermato Tim Gresky, specialista del mercato azionario presso Ingalls & Snyder a New York.

Guadagni di prezzo del fine settimana su DAX

Si chiude oggi il mese in perdita di settembre per il DAX, che comunque si è concluso con una nota conciliante. Il DAX è rimasto sopra i 12.000 punti fino alla chiusura delle contrattazioni. E ha chiuso l’ultimo giorno di negoziazione della settimana, in rialzo dell’1,16% a 12114 punti. L’indice MDAX delle azioni di medie dimensioni è salito del 2,66% a 22.370 punti. Nonostante un buon inizio, l’indice principale è in calo di oltre il cinque percento.

Uno sguardo al passato alimenta qualche speranza di miglioramento. Perché “con i mesi da ottobre a dicembre, il miglior trimestre per il mercato azionario si sta avvicinando”, secondo Uwe Streiche, esperto di borsa della Landesbank Baden-Württemberg. Tuttavia, gli analisti hanno appena iniziato ad abbassare le loro stime sugli utili aziendali. E con le previsioni che potrebbero essere riviste molto meno, le valutazioni esistenti sono più allettanti.

Il mercato del lavoro tedesco è forte

mercato del lavoro tedesco Ancora molto forte nonostante la crisi economica. Il numero di disoccupati a settembre è diminuito rispetto al mese precedente di 62 mila a 2,49 milioni, ha annunciato oggi l’Agenzia federale per l’occupazione (BA). La data di riferimento per l’indagine era il 12 settembre. Quindi la ripresa autunnale è stata leggermente più debole del solito poiché le aziende sono diventate più caute quando si tratta di assumere. Ma a differenza delle crisi precedenti, hanno cercato di trattenere i loro lavoratori e lavoratori qualificati, ha detto il presidente della Bibliotheca Alexandrina Andrea Nahles a Norimberga.

Inflazione nell’area dell’euro a livelli record

Dopo la stima iniziale di ieri dell’Ufficio federale di statistica sull’inflazione tedesca, tornata a doppia cifra per la prima volta da decenni, sono stati seguiti i dati odierni sull’inflazione dell’Eurozona. Pertanto, l’inflazione già elevata nell’area dell’euro è aumentata ancora di più. nel mese di settembre I prezzi al consumo sono aumentati del 10,0 per cento rispetto allo stesso mese dell’anno scorsoLo ha annunciato oggi anche Eurostat. È l’aumento più forte da quando l’euro è stato introdotto come moneta contabile nel 1999. Gli analisti si aspettavano che il tasso di inflazione fosse del 9,7%. Nel mese precedente, i prezzi al consumo sono aumentati del 9,1%.

“È probabile che la Banca centrale europea comincerà ad aumentare di nuovo i tassi di 75 punti base nella riunione di ottobre”, afferma Thomas Getzel, capo economista di VP Bank. “Maggiore inasprimento della politica monetaria sarà all’ordine del giorno nelle riunioni successive, anche se probabilmente in fasi leggermente inferiori”.

L’euro con perdite contro il dollaro

C’è una domanda di dollari nel mercato dei cambi. D’altra parte, la moneta unica è scesa dello 0,16% a 0,9813 dollari.

Prezzi delle materie prime sotto pressione

I prezzi della maggior parte delle materie prime di base hanno continuato a diminuire a settembre. “La recessione economica e il peggioramento dell’umore tra imprese, consumatori e mercati finanziari in molti luoghi stanno facendo sì che i prezzi delle materie prime continuino a scendere su tutta la linea”, spiega Dora Borbély di DekaBank. Anche l’oro ne risente, nonostante l’aumento dell’inflazione. Un’oncia troy costa oggi $ 1.663. Al suo massimo storico a marzo di quest’anno, era ancora di $ 2.069. “Alla luce del rapido aumento dei tassi di interesse, l’oro come investimento senza interessi non sta andando bene al momento, soprattutto con un dollaro USA forte che rappresenta un onere aggiuntivo”, ha commentato Barbara Lambrecht di Commerzbank.

Tuttavia, l’attenzione rimane sui prezzi dell’energia. Il prezzo del petrolio è notevolmente diminuito rispetto a base mensile: il prezzo del petrolio Brent è di 88 dollari al barile, con un massimo di 133 dollari. “I maggiori rischi economici in un mercato petrolifero già ben fornito tengono sotto controllo i prezzi del petrolio”, afferma Lambrecht. Anche il gas naturale è diventato più economico, ma recentemente è diventato di nuovo un po’ più costoso a causa di una perdita di gasdotto.

Adidas e Puma sulla scia di Nike

Adidas e Puma sono tra i maggiori perdenti del mercato azionario tedesco. La concorrente americana Nike Aveva segnalato un rallentamento degli utili e avvertito di ulteriori pressioni sui margini. L’analista James Grzinic della banca di investimento Jefferies ha commentato che le crescenti campagne di sconti sono di cattivo auspicio per i produttori europei di articoli sportivi. Forse dovrebbero seguire l’esempio. Le azioni Nike sono scese di oltre il 12%.

Avviso di vulnerabilità di Microsoft Exchange

Il Federal Bureau of Information Security (BSI) ha avvertito di gravi vulnerabilità di sicurezza nella piattaforma di comunicazione Microsoft Exchange, per la quale non sono ancora disponibili aggiornamenti di sicurezza. L’autorità ha citato oggi un’analisi della società di sicurezza GTSC sulle due vulnerabilità. I ricercatori di GTSC hanno spiegato che gli aggressori provenienti dall’ambiente cinese stanno già attaccando i server Exchange e si annidano nei sistemi tramite backdoor. Dopo gli attacchi riusciti, è possibile eseguire codice dannoso. Microsoft ha confermato due vulnerabilità. La società ha affermato di aver abilitato “attacchi a bersaglio limitato”. La versione cloud di Exchange non dovrebbe essere interessata, ma solo i sistemi dei clienti che eseguono Microsoft Exchange sui propri dispositivi.

Tempi duri per gli operatori cinematografici

La seconda catena di cinema più grande del mondo, Cineworld, dipinge un quadro desolante per gli operatori cinematografici e prevede che il numero di visitatori ristagnerà nei prossimi anni. La società britannica ha registrato una perdita ante imposte di $ 364,9 milioni per la prima metà dell’anno, dopo aver perso $ 576,4 milioni un anno prima, ha annunciato oggi il gigante del cinema. Il numero di spettatori nella prima metà dell’anno è stato di quasi 83 milioni, circa il 61% del livello prima della pandemia. Il settore sta affrontando le pressioni competitive delle piattaforme di streaming e i cambiamenti di accompagnamento nel comportamento dei consumatori che sono stati esacerbati dai blocchi di Covid.

Le azioni Porsche sono rimaste a 82,50 euro

Il prezzo delle azioni Porsche di oggi è superiore al prezzo di emissione di € 82,50. Il secondo giorno dopo l’IPO, è aumentato dello 0,7% a 83,08 euro. Il principale azionista Volkswagen è aumentato dello 0,8% dopo il sell-off di giovedì.

Porsche SE ottiene successo in tribunale

Nella controversia legale multimiliardaria sulle conseguenze della mancata acquisizione della Volkswagen da parte di Porsche SE nel 2008, i querelanti hanno subito una grave battuta d’arresto. Un giudice dell’Alta Corte Regionale di Seal ha affermato che il rifiuto di molti degli obiettivi degli investitori significava che la tipica procedura dimostrativa non funzionava. Il risultato dell’Investor Test Case (KapMug) è vincolante per i procedimenti pendenti presso il tribunale regionale di Hannover, ha affermato un portavoce dell’OLG.

Uniper vuole un aiuto rapido

La società energetica in difficoltà Uniper ha chiesto un rapido aiuto diretto al governo federale dopo la fine della tassa sul gas. Un portavoce dell’importatore di gas ha dichiarato al quotidiano Rheinische Post: “Per garantire l’approvvigionamento di gas, devono essere sostenuti i costi di acquisto di gas alternativo”.

Il governo federale ha confermato che “gli importatori di gas riceveranno ora un supporto diretto e personalizzato per questo scopo”. Questo è un prerequisito affinché “gli importatori di gas possano continuare a svolgere il loro ruolo critico nel sistema”.

United Internet aumenta le aspettative sugli utili

Il gruppo Internet United Internet di Montabaur prevede maggiori profitti rispetto a quest’anno. Sullo sfondo però non ci sono speranze per ulteriori vendite: qui le previsioni restano invariate. Invece, la lenta costruzione della rete presso le Filiali 1 & 1 ha portato a una riduzione dei costi di investimento, ha annunciato la società in serata. In termini di vendite, United Internet continua ad aspettarsi un aumento fino a 5,85 miliardi di euro nel 2022.

La collaborazione Hyundai è l’ispirazione per TeamViewer

La collaborazione pianificata con Hyundai dà a TeamViewer una spinta in più. Le azioni della società di software hanno aumentato il dividendo e sono aumentate di oltre il tre percento. Secondo le informazioni fornite, l’azienda vuole fornire alla casa automobilistica prodotti per digitalizzare ulteriormente le fabbriche.

Una banca francese con un nuovo presidente

La principale banca francese Société Générale ha eletto il suo capo dell’investment banking come nuovo amministratore delegato. La banca ha annunciato oggi che la nomina di Slawomir Krupa sarà proposta alla prossima assemblea degli azionisti nel maggio 2023. Integrerà i cambiamenti avviati dal suo predecessore Frederic O’Dea, tra cui l’espansione dell’attività di autonoleggio di SocGen e lo sviluppo della loro attività online banca Boursorama. Odeh, in carica dal 2008, non vuole più prolungare il suo contratto e lascerà a maggio 2023.

Commerzbank chiude più filiali

La seconda società finanziaria più grande della Germania sta riducendo la sua rete di filiali in Germania. Invece di 450 sedi, il consiglio di amministrazione di Commerzbank ha ora solo 400 filiali valide. Un portavoce dell’Istituto di Francoforte non ha voluto commentare le informazioni inizialmente riportate da Handelsblatt. Il segretario sindacale Verdi Stefan Wittmann, membro del consiglio di sorveglianza della Commerzbank, ha dichiarato a dpa: “Noi sosteniamo questo: il comportamento dei clienti sta cambiando. A causa della riduzione del personale, logicamente non ci sono più consulenti qualificati disponibili per ridurre ulteriormente il numero di filiali a circa 400. “.

Presidente Vitesco: Rilassati nella fornitura di semiconduttori

Nonostante le cupe prospettive economiche, il fornitore di auto Vitesco è ancora sulla strada giusta. “Quello che i nostri clienti chiedono è costantemente alto”, ha affermato il presidente Andreas Wolff in un’intervista con l’agenzia di notizie finanziarie dpa-AFX. “Se riusciamo a produrre di più, verrà rimosso”. Il capo specialista di guida quotato alla SDAX prevede anche una fornitura in continuo miglioramento di semiconduttori rari che sono stati un freno per l’industria automobilistica per così tanto tempo. “È davvero migliorato con la disponibilità dei pezzi di ricambio e le previsioni per il 2022 e il 2023 mostrano ancora un miglioramento”. Il numero di componenti che lo stesso gruppo classifica come critici è stato notevolmente ridotto.

READ  Possibile divieto di petrolio: gli investitori richiedono azioni di ENCAVIS, Nordex & Co a causa di un possibile divieto di importazione di petrolio russo | newsletter