Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo una telefonata con Merkel e Lukashenko – Battaglia alle frontiere esterne dell’UE – Politica all’estero

Se il cancelliere Merkel aveva sperato di alleviare la situazione al confine polacco dopo il richiamo del dittatore Lukashenko, quelle speranze non sarebbero state soddisfatte martedì mattina.

esattamente il contrario!

Martedì mattina, centinaia di agitatori di migranti, alcuni armati di strumenti da taglio, hanno tentato di prendere d’assalto il confine esterno dell’Unione europea intorno al valico di frontiera polacco a Koznica.

Foto e video realizzati dalle guardie di frontiera polacche e dai media del regime bielorusso hanno mostrato una vera battaglia alle frontiere esterne dell’Unione europea.

I migranti hanno cercato di raggiungere il territorio dell’Unione Europea armati di legname, tronchesi e pietre. Guardie di frontiera polacche, agenti di polizia e soldati hanno difeso il confine con granate stordenti, cannoni ad acqua e nuove barriere di filo spinato.


Alcuni immigrati hanno lanciato pietre contro le guardie di frontiera polacche, tra le altre coseFoto: Leonid Shcheglov / AP

I video mostrano anche come i rifugiati hanno lanciato fumogeni contro le guardie di frontiera polacche. Sembra che fossero equipaggiati dal regime di Lukashenko per provocare una risposta armata da parte dei polacchi.

Un elicottero Blackhawk polacco e i droni del sistema di Lukashenko hanno sorvolato, ciascuno producendo immagini di come entrambe le parti vorrebbero vedere la situazione a livello internazionale.

Intorno alle 14:00, i bielorussi hanno ripulito il campo di battaglia. I soldati del regime di Lukashenko hanno scortato gli emigranti in un campo ai margini della foresta non lontano dal confine, dove avevano già trascorso le ultime notti. Come procederà ora: incerto!

“I nostri soldati e funzionari hanno svolto perfettamente il loro lavoro. La prima ondata di attacchi al confine si è fermata”, ha scritto su Twitter il portavoce del coordinatore dei servizi segreti Stanislav Zarin.

Un agente di polizia è rimasto gravemente ferito negli scontri tra le forze di sicurezza polacche ei rifugiati al confine con la Bielorussia. La polizia polacca ha detto che martedì l’ufficiale ha riportato la frattura del cranio.

Ieri, circa 2.000 migranti sono stati prelevati dal loro campo appena a sud del valico di frontiera verso la strada Polonia-Bielorussia. La menzogna del regime è che gli autobus tedeschi sono pronti per essere trasportati nell’Unione Europea. Invece non è venuto nessuno ei profughi hanno piantato le tende a pochi metri dalle barricate polacche e dai cannoni ad acqua.


Martedì, i migranti hanno cercato di rimuovere a mani nude il filo spinato che proteggeva l'Unione europea

Martedì, i migranti hanno cercato di rimuovere a mani nude il filo spinato che proteggeva l’Unione europeaFoto: Ministero della Difesa Polacco

In serata, il cancelliere Merkel ha discusso con il governatore Lukashenko, su richiesta di Putin, “della difficile situazione al confine tra Bielorussia e Unione europea”. Martedì, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiamato il presidente russo in merito alla situazione sul campo.

Ovviamente, nessuna delle telefonate ha fatto nulla. Critiche ai Verdi:

^ Portavoce per la politica estera del Partito dei Verdi al Bundestag, Omid Nouripur (46)Il cancelliere è stato molto critico nei confronti della sua telefonata. Martedì, Nouribur ha dichiarato sul sito web Deutschlandfunk di aver trovato “devastante che la signora Merkel gli abbia parlato al telefono”.

► Esperto esterno FDP Alexander Graf Lampsdorf (55) A BILD: “La telefonata tra il consigliere esecutivo e il dittatore Lukashenko è stata difficile, non ci sono dubbi. Farò dipendere il mio giudizio finale dall’esito. Nei prossimi giorni vedremo se la telefonata esatta ha contribuito a alleviare le sofferenze umane alla frontiera e se Lukashenko consentirà ai rifugiati di tornare nei loro paesi di origine. Se ciò è accaduto, la chiamata è stata purtroppo necessaria”.

Al confine della Polonia con la Bielorussia, migliaia di migranti hanno aspettato per giorni dalla parte bielorussa a temperature vicine allo zero in campi di fortuna nei boschi. Lukashenko è accusato di portare in modo ordinato i rifugiati dalle regioni di crisi alle frontiere esterne dell’Unione europea.

READ  Crisi in Bielorussia: "Trascinare famiglie e bambini nella tragedia"