Febbraio 4, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo le proteste alla Foxconn: Apple probabilmente accelererà i piani per allontanarsi dalla Cina

Dopo le proteste alla Foxconn
Apple sta accelerando i suoi piani per allontanarsi dalla Cina

Una parte significativa della serie iPhone Pro è prodotta in Cina. Tuttavia, di recente ci sono state proteste per i bassi salari e le restrizioni del Covid 19. Questo sta rallentando la produzione. Secondo un rapporto, Apple vuole spostare i suoi impianti di produzione in altri paesi asiatici.

Nelle ultime settimane, Apple ha accelerato i piani per spostare alcune delle sue fabbriche fuori dalla Cina, che è stata a lungo il paese dominante nella catena di approvvigionamento. Questo è ciò che i partecipanti alle discussioni hanno detto al Wall Street Journal. La società ha esortato i suoi fornitori a pianificare più attivamente l’assemblaggio dei prodotti Apple in altri paesi asiatici, in particolare India e Vietnam, e a ridurre la dipendenza dagli impianti di assemblaggio a Taiwan guidati da Foxconn Technology Group, ha affermato la società.

L’interruzione in un luogo chiamato iPhone City ha aiutato Apple a cambiare rotta. In questa megalopoli all’interno di Zhengzhou, ben 300.000 lavoratori lavorano in una fabbrica gestita da Foxconn che produce iPhone e altri prodotti Apple. Secondo la società di ricerche di mercato Counterpoint Research, solo lì è stato prodotto circa l’85% della serie iPhone Pro.

Violente proteste hanno scosso la fabbrica di Zhengzhou alla fine di novembre. I video pubblicati online mostravano i lavoratori infuriati per i salari e le restrizioni del COVID-19, che lanciavano oggetti e gridavano “Difendi i tuoi diritti!” Urlò. I video mostrano la presenza della polizia antisommossa. Il luogo da cui è stato girato uno dei video è stato verificato dall’agenzia di stampa e dal servizio di verifica video Storyful. Il Wall Street Journal ha confermato gli eventi mostrati nei video attraverso interviste ai lavoratori locali.

Un anno dopo che gli eventi hanno eroso lo status della Cina come hub di produzione stabile, gli analisti e le persone della catena di fornitura Apple hanno affermato che lo sconvolgimento significava che Apple non si sentiva più a suo agio nel legare così tanto della sua attività in un unico posto. “In passato, la gente non prestava attenzione ai pericoli della concentrazione”, ha detto Alan Young, ex dirigente statunitense alla Foxconn. “Il libero scambio era la norma e le cose erano molto prevedibili. Ora siamo entrati in un nuovo mondo”.

Una risposta, diceva la gente, è quella di utilizzare un gruppo più ampio di società di assemblaggio, anche se quelle società sono le stesse con sede in Cina. Due aziende cinesi desiderose di ottenere più ordini da Apple sono Luxshare Precision Industry e Wingtech Technology.

READ  Aggiornamento mercato olio combustibile: i dati del Ministero dell'Energia fanno scendere i prezzi del petrolio