Aprile 19, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo l’attentato a una sinagoga: un altro attentato a Gerusalemme est

Dopo l’attentato a una sinagoga: un altro attentato a Gerusalemme est

Stato: 28/01/2023 20:00

DUE ATTACCHI IN 24 ORE: Dopo l’attacco mortale a una sinagoga venerdì notte, due persone sono state ferite oggi da colpi di arma da fuoco a Gerusalemme est. Secondo la polizia, l’autore ha solo 13 anni.

Dopo il micidiale attacco terroristico nei pressi di una sinagoga a Gerusalemme est, un tredicenne ha compiuto un altro attacco in città, secondo la polizia. Ha aggiunto che il ragazzo ha sparato e ferito due persone nel quartiere di Silwan. C’è il sospetto di terrorismo. La polizia ha detto che gli astanti armati delle loro licenze di gravidanza hanno sparato al ragazzo. I media hanno riferito che è palestinese.

I due uomini gravemente feriti sono stati portati in ospedale per cure, secondo il servizio di ambulanza Magen David Adom. La polizia dice che sono padre e figlio. Il sospetto era in una clinica per cure e la sua pistola è stata confiscata. “Stava aspettando di tendere un’imboscata ai civili il Sabato Santo”, ha detto all’Associated Press il portavoce della polizia Dean Elsden.

Un altro tentativo di attacco sarebbe avvenuto in serata nei pressi di Gerico, in Cisgiordania. L’esercito israeliano ha detto che un uomo ha sparato un colpo in un ristorante. Sembra che nessuno sia rimasto ferito. Poi l’uomo è fuggito e attualmente le forze armate lo stanno cercando. I media israeliani hanno riferito che i filmati delle telecamere a circuito chiuso lo mostravano armato di un fucile d’assalto. Ma c’erano problemi con la pistola.

Il gabinetto di sicurezza si riunisce la sera

Venerdì sera un altro aggressore ha aperto il fuoco su una sinagoga in un insediamento israeliano a Gerusalemme est. Sette persone sono state uccise e molte altre sono rimaste ferite. Secondo la polizia, l’assassino è stato colpito mentre cercava di scappare. All’inizio non era chiaro se i due attacchi fossero collegati.

Si dice che il presunto assassino di venerdì sia un palestinese di 21 anni che vive a Gerusalemme est. Secondo gli ultimi accertamenti, l’uomo non aveva un passato terroristico, anche se – secondo quanto riportato dai media israeliani – avrebbe simpatizzato per l’organizzazione terroristica estremista Hamas.

Finora sono stati arrestati non meno di 42 sospetti a questo proposito. La polizia ha detto che si trattava di parenti e vicini dell’assassino. Non è chiaro se i detenuti siano accusati di essere coinvolti o di aver preparato l’attacco.

Netanyahu mette in guardia dalla vigilanza

Ieri sera, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha visto in prima persona la situazione sulla scena del crimine nell’insediamento di Neve Jakov a Gerusalemme est. Ha detto che i cuori del popolo di Israele sono con le famiglie di coloro che sono stati uccisi. Netanyahu ha anche annunciato “contromisure immediate”. Il gabinetto di sicurezza dovrebbe riunirsi questa sera e discutere i risultati, come ha spiegato il primo ministro alla televisione israeliana.

Il controverso ministro israeliano della sicurezza nazionale, Itamar Ben Gvir, ha annunciato una dura risposta sul luogo dell’attacco. La sua apparizione a Gerusalemme è stata accompagnata da diverse reazioni da parte della gente. Alcuni hanno cantato “Morte alla sinistra” e “Morte agli arabi”, mentre altri hanno condiviso la responsabilità del crimine con Ben Gvir, che di recente ha provocato ripetute azioni.

Questo è uno dei motivi per cui il primo ministro Netanyahu ha invitato la popolazione a mantenere la calma. “Esorto le persone a non farsi giustizia da sole. Abbiamo l’esercito, la polizia e le forze di sicurezza per farlo”, ha detto.

Chiedi più cittadini armati

Come faccio giornalista dell’ARD Sophie von der Tann ha riferito che le forze erano già state rafforzate in Cisgiordania e lungo le barriere che separano Israele e la Cisgiordania. “Il nuovo ministro della sicurezza nazionale di estrema destra, Itamar Ben Gvir, è stato sul posto ieri e ha nuovamente chiesto che più cittadini possano portare armi per proteggersi da tali attacchi”.

Il modo in cui i residenti si sentono riguardo a tali proposte dipende in gran parte da chi chiedi. Questo requisito era spesso presente, spesso in casi estremi. “È successo spesso che i militanti fossero in grado di fermare gli autori durante tali attacchi”, ha detto von der Tann. Tagesshaw 24.

Von der Tann ha spiegato che il governo di estrema destra guidato da Netanyahu è in lotta per un percorso difficile. Si è identificata attraverso la sicurezza e ora è un po’ sotto pressione. “La situazione in Cisgiordania è molto tesa. L’esercito israeliano opera lì da mesi. Ci sono battaglie e molti morti”, ha detto. Allo stesso tempo, l’Autorità palestinese sta perdendo il controllo. “I gruppi più radicali stanno guadagnando influenza, specialmente tra i giovani palestinesi che non vedono prospettive per se stessi, si radicalizzano e diventano violenti”.

Schulz è stato “terribilmente scosso” dopo l’attacco

Sul fronte internazionale, politici e capi di stato hanno espresso cordoglio dopo l’attacco e promesso sostegno a Israele. “Sono profondamente scioccato dalla notizia degli orribili attacchi a Gerusalemme”, ha detto su Twitter il cancelliere Olaf Scholz. “Ci sono stati morti e feriti nel cuore di Israele. I miei pensieri vanno alle vittime e alle loro famiglie: la Germania sta con Israele”.

Il ministero degli Esteri tedesco era preoccupato per una possibile ulteriore escalation. Una portavoce ha affermato che “la spirale di violenza, che quest’anno ha già causato molte vittime da entrambe le parti, non deve continuare”. “C’è bisogno più che mai di cooperazione e dialogo tra Israele e le autorità palestinesi per tagliare il tappeto al terrorismo”.

Critiche insolite dall’Arabia Saudita

Dopo una telefonata con Netanyahu, il presidente Usa Joe Biden ha parlato di “attacco al mondo civilizzato”. Gli Stati Uniti staranno “solidi come una roccia” con Israele. E Biden ha promesso tutti i mezzi appropriati per sostenere il primo ministro israeliano. Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha confermato che il Segretario di Stato Antony Blinken procederà con il suo viaggio in Medio Oriente come previsto nonostante l’attacco. Blinken parlerà lunedì al governo israeliano e martedì incontrerà il presidente palestinese Mahmoud Abbas.

Con una mossa rara, anche l’Arabia Saudita ha risposto all’attacco terroristico. “Il regno condanna tutti gli attacchi ai civili”, ha affermato il ministero degli Esteri. Allo stesso tempo, l’influente Stato del Golfo, che non ha relazioni diplomatiche con Israele, ha avvertito che la situazione tra palestinesi e israeliani potrebbe precipitare in un’altra pericolosa escalation. L’Arabia Saudita ha spesso commentato la situazione dei palestinesi in passato, ma non ha commentato il terrorismo contro gli israeliani.

Celebrazioni nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania

In diverse località della Striscia di Gaza e della Cisgiordania, i residenti hanno risposto all’attacco di ieri con festeggiamenti. A Ramallah, in Cisgiordania, ad esempio, una grande folla si è radunata e ha sventolato bandiere palestinesi, secondo Agence France-Presse. Secondo l’Associated Press, a volte nella Striscia di Gaza venivano distribuiti dei dolci per celebrare il crimine.

“È successo anche in passato dopo gli attacchi, quindi non è strano, succede ancora e ancora”, ha detto. giornalista dell’ARD Dall’abbronzatura al backstage. Il membro arabo-israeliano della Knesset Mansour Abbas ha condannato gli attacchi.

Hamas rivendica l’attentato

Hamas, che governa la Striscia di Gaza, ha rivendicato l’attacco. È stato un “attacco di rappresaglia per l’attacco dell’esercito israeliano al campo profughi di Jenin”. È successo giovedì nella città di Jenin, nel nord della Cisgiordania Nove palestinesi sono stati uccisi in un’operazione militare israeliana, compresa una donna anziana. Molti dei morti sarebbero appartenuti all’organizzazione armata palestinese “Islamic Jihad”.

A seguito del raid mortale, in Cisgiordania sono scoppiati violenti disordini. Venerdì notte due razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza, ma sono stati intercettati dal sistema di difesa missilistico israeliano Iron Dome. Israele ha risposto con attacchi aerei su obiettivi nella Striscia di Gaza.

Con informazioni di Julio Segador, ARD Studio Tel Aviv