Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo l’attacco di Hamas: continuano gli attacchi in Israele e nella Striscia di Gaza

Dopo l’attacco di Hamas: continuano gli attacchi in Israele e nella Striscia di Gaza

Al: 9 ottobre 2023 alle 13:35

L’esercito israeliano afferma di aver ripreso in gran parte il controllo delle città attaccate da Hamas. Nel frattempo, le sirene aeree hanno suonato a Gerusalemme e Tel Aviv.

Due giorni dopo l’inizio del grande attacco di Hamas contro Israele, a Gerusalemme è stato lanciato un allarme aereo per attacchi missilistici, a seguito del quale si sono udite diverse esplosioni. Le sirene hanno suonato anche a Tel Aviv.

L’esercito israeliano aveva precedentemente annunciato di aver ripreso il controllo delle zone attaccate da Hamas nel sud di Israele. Tuttavia, il portavoce dell’esercito Daniel Hagari ha detto che i terroristi sono ancora presenti nella zona.

L’esercito mette in sicurezza la recinzione di confine

In mattinata l’esercito israeliano aveva inizialmente annunciato che vi erano ancora “tra sette e otto” luoghi di combattimento aperti nella zona di confine con la Striscia di Gaza, dove i combattimenti continuavano. Ha aggiunto che non può escludere la possibilità che altri militanti penetrino nel territorio israeliano.

È stato riferito che l’esercito sta attualmente cercando di mettere in sicurezza la recinzione di confine, che è stata violata in diversi punti Corrispondente del canale ARD Sophie von der Tann Da Tel Aviv. Negli ultimi giorni tra gli 800 e i 1.000 militanti palestinesi avrebbero sfondato la recinzione di confine, riferisce von der Tann.

Una rissa in una piscina nella città di confine di Sderot

I media hanno riferito che in una piscina nella città israeliana di Sderot si è verificato un violento scontro a fuoco, che ha provocato il ferimento di numerosi israeliani. L’esercito israeliano ha affermato che la Brigata dei paracadutisti stava conducendo una “battaglia ostinata” durante la quale i soldati hanno perquisito Sderot “per liberare la città dai terroristi”. Sderot si trova a circa un chilometro dalla Striscia di Gaza. Ha chiesto agli abitanti della città di restare nelle loro case e di non permettere a nessuno di entrare.

– Mobilitare 300.000 soldati di riserva

In risposta agli attacchi di Hamas, l’esercito israeliano ha mobilitato circa 300.000 soldati di riserva. Un portavoce dell’esercito ha confermato che si tratta della più grande mobilitazione nella storia di Israele in un periodo di tempo così breve.

Nella notte, un portavoce delle forze armate israeliane ha detto che l’obiettivo era quello di garantire che alla fine della guerra Hamas non sarebbe più in grado di minacciare militarmente gli israeliani. Allo stesso tempo, si garantirà che Hamas non possa più governare la Striscia di Gaza.

Attacchi aerei sulla Striscia di Gaza: molte vittime civili

Nel frattempo, Israele continua a bombardare obiettivi nella Striscia di Gaza. Secondo l’esercito israeliano, più di 1.000 obiettivi sono stati bombardati nella Striscia di Gaza a seguito dell’attacco, comprese le case degli attivisti di Hamas. Nel frattempo, l’esercito israeliano ha affermato che diversi centri di comando di Hamas sono stati attaccati. Ha aggiunto che l’esercito israeliano ha preso di mira anche una struttura operativa di Hamas situata in una moschea nella città di Jabalia.

Secondo informazioni palestinesi, anche il campo profughi di Jabalia è stato bombardato da attacchi aerei. Il Ministero della Sanità di Gaza ha affermato che un gran numero di palestinesi sono stati martirizzati e feriti.

Secondo una valutazione Corrispondente del canale ARD Da Tan Sempre più civili muoiono a causa della densa popolazione nella Striscia di Gaza. Il Ministero della Sanità palestinese ha affermato che almeno 493 persone sono state uccise negli attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza. Almeno 78 bambini e 41 donne sono stati uccisi. 2.751 persone sono rimaste ferite.

Chiusura della Striscia di Gaza

Inoltre, l’area palestinese densamente popolata sarà completamente chiusa fino a nuovo avviso. Il ministro della Difesa Yoav Galant ha detto di aver impartito le istruzioni appropriate. “Non ci sarà elettricità, né cibo, né carburante”, ha detto Gallant. Abbiamo a che fare con barbari e agiremo di conseguenza. Il Consiglio di Sicurezza israeliano ha deciso domenica sera di sospendere sostanzialmente l’importazione di elettricità, carburante e merci nella Striscia di Gaza.

Sono oltre 130.000 gli sfollati nella Striscia di Gaza

Secondo le Nazioni Unite, finora nella Striscia di Gaza sono state sfollate più di 123.000 persone. L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha affermato che 123.538 dei 2,3 milioni di residenti della Striscia di Gaza hanno lasciato le proprie case “a causa della paura e della preoccupazione per la loro protezione e a causa della distruzione delle loro case”. Più di 73.000 rifugiati sono ospitati nelle scuole.

Secondo un portavoce dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi (UNRWA), è previsto un ulteriore aumento del numero dei rifugiati. L’elettricità è disponibile nelle scuole e alcune sono state dichiarate rifugi di emergenza. Ha detto all’AFP che il personale delle Nazioni Unite ha anche fornito alle persone “un pasto, acqua pulita, supporto psicologico e cure mediche”.

Più di 700 israeliani furono uccisi

Secondo l’esercito, finora sono state uccise circa 700 persone da parte israeliana. Tra loro c’erano principalmente civili e più di 40 soldati. Almeno 260 persone sono state uccise in un attacco dei terroristi di Hamas durante un festival musicale nel solo deserto del Negev.

L’esercito israeliano ha affermato che in totale sono rimaste ferite più di 2.100 persone. Molti di loro sono in condizioni critiche, motivo per cui il bilancio delle vittime potrebbe continuare a salire.

Secondo il governo israeliano, dall’inizio degli attacchi Hamas ha anche rapito almeno 100 persone da Israele alla Striscia di Gaza, tra cui donne, bambini e anziani. Secondo le informazioni pervenute al Ministero degli Affari Esteri, tra gli ostaggi ci sono anche cittadini tedeschi. Secondo Hamas, gli ostaggi verranno rilasciati se in cambio verranno liberati migliaia di palestinesi imprigionati da Israele.

Portavoce di Hamas: “La lotta è aperta per difendere il nostro popolo”

Inoltre, Hamas vuole porre fine a tutte le provocazioni israeliane in Cisgiordania e Gerusalemme, in particolare alla moschea di Al-Aqsa, ha detto telefonicamente all’AP Abdul Latif Al-Qanou.

I membri di Hamas hanno continuato a combattere contro l’esercito israeliano e durante la mattinata hanno catturato altri israeliani. Ha detto: “Siamo in una battaglia aperta per difendere il nostro popolo e la Moschea di Al-Aqsa”. Ha aggiunto: “Questo combattimento è legato alla liberazione di tutti i prigionieri palestinesi e alla fine delle attività di questo governo fascista a Gerusalemme”.

Cittadini evacuati e avvisi di viaggio nella regione

Sempre più paesi trasferiscono i propri cittadini da Israele. La Romania ha trasportato in aereo 245 dei suoi cittadini da Tel Aviv. Ciò include anche due gruppi di pellegrini. Lo ha annunciato il Ministero degli Affari Esteri romeno.

La Polonia ha trasferito quasi 300 cittadini su tre aerei militari atterrati a Varsavia questa mattina. “Le prime persone evacuate da Israele sono già in Polonia”, ha detto al servizio online X il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak. Inoltre, un aereo Boeing delle forze armate è in viaggio verso Israele “per evacuare altre persone”, ha aggiunto Blaszczak.

Compagnie aeree come Lufthansa, United Airlines e Air France hanno temporaneamente sospeso tutti i voli da e per Israele. Inoltre, diversi paesi hanno inasprito i loro avvertimenti contro i viaggi in Israele e nei territori palestinesi.

Il peggior attentato degli ultimi 50 anni

L’attacco di Hamas è stato il peggiore attacco contro Israele dalla guerra dello Yom Kippur, esattamente 50 anni fa. L’organizzazione terroristica islamica che governa la Striscia di Gaza ha lanciato inaspettatamente il suo grande attacco sabato mattina. Migliaia di razzi sono stati lanciati contro Israele e, secondo l’esercito israeliano, circa 1.000 combattenti sono entrati nel territorio israeliano. Gli Stati Uniti hanno promesso di fornire pieno sostegno e assistenza militare globale.