Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo i numeri deboli di Tesla: ‘Auto-DAX’ è sotto pressione

Dopo i numeri deboli di Tesla: ‘Auto-DAX’ è sotto pressione


Rapporto di mercato

A partire dal 20/04/2023 16:32

Sotto la guida dei titoli automobilistici, fortemente rappresentati nel DAX, l’indice tende al ribasso. I numeri deboli di Tesla abbassano l’umore. Anche l’impianto di laboratorio Sartorius sta vivendo una giornata nera.

L’umore nel mercato azionario domestico è stato influenzato dalla debolezza dei titoli automobilistici. L’indice principale ha perso lo 0,7% nel pomeriggio ed è sceso sotto la soglia dei 15.800 punti. L’indice ha finora oscillato tra 15.734 e 15.883 punti. Di recente, l’indice DAX ha faticato a superare la soglia dei 16.000 punti. Anche l’indice MDAX, un indice azionario a media capitalizzazione, ha perso circa l’1%.

“Il corso di ulteriori azioni nei mercati azionari nelle prossime settimane sarà determinato dall’attuale stagione dei rapporti”, ha affermato l’analista Christian Henke di Broker IG. Dopo un inizio promettente, ora ci sono state alcune delusioni.

Tesla fa tremare l’auto

I giornali del settore industriale più importante della Germania, ben rappresentati nell’indice DAX, soffrono soprattutto di un debole rapporto trimestrale del produttore statunitense di auto elettriche Tesla. Soprattutto, gli analisti hanno criticato la redditività inaspettatamente debole, che era al centro del mercato. Tesla ha perso più dell’otto percento a New York nelle prime contrattazioni.

“L’obiettivo del rapporto trimestrale è sempre stato se Tesla possa mantenere margini di profitto straordinariamente alti”, ha scritto l’analista Josh Gilbert della casa di investimento eToro. Tuttavia, il margine lordo è ora sceso al 19,3%, il livello più basso dal 2020. È anche molto più debole del consenso di mercato del 21,2%. Un anno fa c’è stato un rendimento record del 32,9%.

Il leader del mercato globale ha avviato una guerra dei prezzi per le auto elettriche, che infuria soprattutto in Cina. Solo negli Stati Uniti, Tesla ha tagliato i prezzi sei volte dall’inizio dell’anno. Questa non è una buona notizia per l’industria automobilistica tedesca, soprattutto perché la pressione competitiva dalla Cina sta crescendo allo stesso tempo. Sulla scia della debolezza dei titoli automobilistici, che sono scesi tra il 3,5 e il 5,0% circa, Infineon, i cui chip sono installati principalmente nell’industria automobilistica, è scesa nel DAX.

Giornata nera per Sartorius

Una quota del produttore di attrezzature da laboratorio Sartorius, che ha perso quasi il dodici per cento, sta facendo peggio delle automobili, cosa insolita per il valore del Dax. La società ha iniziato l’anno con un calo degli utili dovuto alle minori vendite e all’aumento dei costi. Il risultato operativo (EBITDA) è sceso del 22,1% a 272 milioni di euro e le vendite al netto della valuta sono diminuite del 13,2% a 903 milioni di euro. Ha affermato che le perdite erano dovute all’unica attività marginale di Corona e al continuo calo delle scorte da parte dei clienti.

Guadagni record dalle società DAX

Tuttavia, oggi ci sono anche buone notizie per gli azionisti: possono sperare di ottenere un importo record di dividendi per lo scorso anno fiscale. Nonostante i numerosi oneri dello scorso anno, le società quotate tedesche vogliono pagare un totale di circa 75 miliardi di euro, secondo i calcoli dell’Associazione tedesca di protezione per la proprietà di titoli (DSW) e dell’ISF Institute for Strategic Finance dell’Università FOM. Questo supera addirittura del nove percento il record dell’anno precedente.

Aggiornamento economico dal 20/04/2023

Ann Katherine Beck, risorse umane, 20/04/2023 09:48

I prezzi alla produzione in Germania stanno diminuendo

Anche questa notizia dell’Ufficio federale di statistica è positiva: a marzo i prezzi alla produzione sono aumentati solo del 7,5% su base annua, dopo il 15,8% di febbraio. Rispetto al mese precedente, i prezzi alla produzione sono diminuiti del 2,6%.

I mercati azionari statunitensi aprono più deboli

All’inizio del trading a Wall Street, dopo i dati misti della società, le cose stavano andando in discesa su tutta la linea. Il principale indice Dow Jones, come altri importanti indici, è sceso di circa mezzo punto percentuale. L’umore degli acquisti è stato effettivamente limitato ieri, a causa delle continue speculazioni su ulteriori azioni da parte della banca centrale statunitense.

Oltre alla delusione per i numeri di Tesla, anche il gigante delle carte di credito American Express non è stato in grado di soddisfare le aspettative del mercato. La quota contenuta nel Dow Jones ha perso quasi il quattro per cento.

Il gruppo statunitense di telecomunicazioni AT&T e il rivale statunitense T-Mobile hanno aumentato gli importi di fatturazione per le comunicazioni mobili nel primo trimestre e hanno attirato un numero sorprendente di nuovi clienti a contratto. Tuttavia, l’aumento dei costi lo ha influenzato, causando un drastico calo delle scorte. IBM e Philip Morris resistono meglio trimestre dopo trimestre.

I professionisti fanno affidamento sul calo dei prezzi

Nel frattempo, gli investitori professionali negli Stati Uniti sono scettici sul rally delle ultime settimane e, secondo una ricerca di Handelsblatt, hanno recentemente scommesso quasi $ 1 trilione su prezzi più bassi. Una valutazione del fornitore di dati finanziari S3 Partners lo ha mostrato: “In totale, sono stati chiusi (a marzo) nuovi accordi brevi per un valore di 44,4 miliardi di dollari”, ha detto a Handelsblatt l’analista di S3 Ihor Dusaniwsky. Di conseguenza, i rischi sono particolarmente elevati nei settori della tecnologia, dei beni di consumo ciclici e dei titoli finanziari.

Il settore immobiliare è sotto pressione

Le conseguenze delle recenti turbolenze bancarie negli Stati Uniti sono particolarmente evidenti nel settore immobiliare. In futuro, ottenere i prestiti necessari per la costruzione o la ristrutturazione potrebbe diventare più difficile per le aziende che soffrono di tassi di interesse elevati.

Dal crollo della banca della Silicon Valley, l’indice immobiliare S&P 500 negli Stati Uniti è sceso di circa il 2%. “Non c’è nulla nell’attuale situazione bancaria che renda la vita più facile alle società immobiliari”, afferma Peter Tose del gestore patrimoniale Chase Investment Consultan.

euro leggermente più alti

L’euro ha registrato un leggero rialzo nella sessione pomeridiana, ma la volatilità rimane sotto controllo. Di recente, la moneta condivisa è costata $ 1,0979, circa lo 0,2% in più rispetto a ieri. Il massimo di un anno di poco più di $ 1,10, raggiunto alla fine della scorsa settimana, è ancora a portata di mano. Ieri pomeriggio la Banca centrale europea ha fissato il tasso di interesse di riferimento a 1,0933 dollari.

Le richieste iniziali degli Stati Uniti sono leggermente superiori

Negli Stati Uniti, il numero di richieste iniziali di disoccupazione ha continuato a crescere. È aumentato la scorsa settimana da 5.000 a 245.000, ha annunciato giovedì il Dipartimento del lavoro di Washington. Si prevedeva una media di 240.000 domande depositate sui mercati finanziari. Le prime domande di indennità di disoccupazione sono un indicatore tempestivo degli sviluppi generali del mercato del lavoro. Nonostante l’aumento, il mercato del lavoro nella più grande economia del mondo è ancora descritto come forte.

Il Philly Fed Index è avvolto nel mistero

Il clima economico nella regione americana di Filadelfia è peggiorato significativamente ad aprile. Il Philly Fed Industry Index è sceso di 8,1 punti a meno 31,3, ha annunciato giovedì la Philadelphia Regional Central Bank. L’indice è stato quotato l’ultima volta in calo nei primi giorni della pandemia di Corona nella primavera del 2020. In media, gli analisti si aspettavano un leggero miglioramento a -19,2 punti.

I prezzi del petrolio scendono drasticamente

I prezzi del petrolio hanno continuato a scendere. Il prezzo di un barile di Brent North Sea (159 litri) è di 81,31 dollari, il 2,7% in meno rispetto al giorno precedente. Anche il prezzo di un barile del grado statunitense West Texas Intermediate (WTI) è sceso di circa il tre percento a 77,44 dollari.

Crediti d’imposta Volkswagen

Secondo la società, il numero di identificazione del veicolo elettrico Volkswagen 4 soddisfa i requisiti per i crediti d’imposta negli Stati Uniti. Tutti i veicoli del tipo che saranno prodotti negli Stati Uniti quell’anno potranno quindi beneficiare del vantaggio di $ 7.500. Ciò rende Volkswagen l’unica casa automobilistica straniera a offrire un veicolo elettrico dotato di tutti i comfort. Le agevolazioni fiscali previste fanno parte dell’Inflation Reduction Act (IRA) per promuovere gli Stati Uniti come luogo industriale.

Cambia rotta a Evonik

Il nuovo chief financial officer di Evonik, Mike Schuh, vuole andare avanti con la ristrutturazione del gruppo attraverso le vendite, vendendo prima il business dei superassorbenti: “Il teaser per i superassorbenti è uscito”, ha detto, aggiungendo che si aspettava un gran numero di feste. interessato. Inoltre, Evonik ha messo in vendita l’attività del broker di prestazioni. Schuh ha affermato che dovrebbe esserci chiarezza sul futuro dell’azienda con circa 1.000 dipendenti quest’anno.

Nokia è alle prese con l’aumento dei costi

Il fornitore di comunicazioni di Nokia ha iniziato l’anno sorprendentemente male. Sebbene le vendite siano aumentate del dieci percento a 5,8 miliardi di euro, il risultato operativo è diminuito del 18 percento a 479 milioni di euro. Gli analisti si aspettavano un calo meno marcato. Nokia ha giustificato lo sviluppo aumentando i costi operativi. La conclusione è che i profitti di Nokia sono inferiori nel primo trimestre: il surplus è sceso da 416 milioni nello stesso periodo dello scorso anno a 342 milioni di euro. Il gruppo ha giustificato tale calo non solo con oneri nei lavori in corso ma anche con maggiori imposte.

La Renault è notevolmente più debole nonostante il suo buon trimestre

La casa automobilistica francese Renault è riuscita a superare significativamente le aspettative con i dati sul fatturato del primo trimestre: le vendite sono aumentate di quasi il 30% su base annua, a 11,5 miliardi di euro. Nel primo trimestre di quest’anno, Renault ha venduto circa 535.000 veicoli, con un aumento del 14%. Il fatto che le vendite siano aumentate è dovuto principalmente all’aumento dei prezzi di vendita. In Europa, le vendite sono aumentate di oltre il 27%.

A Parigi, le azioni Renault hanno perso oltre l’otto per cento nonostante i numeri forti. Dopo la relazione trimestrale, anche le preoccupazioni per l’imminente riduzione dei prezzi delle auto elettriche hanno permeato il mercato, anche alla luce dei risultati negativi degli sconti sui prezzi di Tesla.

Snapchat si basa su costrutti digitali

I creatori dell’app fotografica Snapchat vogliono creare specchi digitali di dispositivi virtuali nella vendita al dettaglio. L’idea è di compilare un elenco di potenziali acquisti prima di provarli allo stand, ha affermato il direttore di Surprises Gil Pobelka. Uno Snapchat Snap può apparire sullo schermo come se stessi indossando un capo di abbigliamento.

Dove è diretto Snapchat?

Katharina Wilhelm, ARD Los Angeles, 20 aprile 2023 alle 9:57