Giugno 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Domanda 25.000 euro: la stagflazione è (quasi) perdente

Domanda da 25.000 euro
La stagflazione conosce solo (quasi) i perdenti

Contributo ospite di Marco Hermann

L’obiettivo di inflazione intorno al 2% fissato dalla Banca centrale europea non è in vista. Allo stesso tempo, l’economia si sta calmando. C’è il rischio di stagflazione. Leggi qui cosa rivela la storia su uno scenario del genere e come dovrebbero posizionarsi gli investitori.

Politici, banchieri centrali, investitori e il “piccolo ragazzo” hanno i loro timori per l’attuale alta inflazione. La riduzione dell’imposta sugli oli minerali e il mitico biglietto di 9 euro consentiranno uno sgravio temporaneo nei prossimi tre mesi. Tuttavia, questo non è un riflesso della tendenza al meglio.

Non ci si dovrebbe aspettare molto dall’azione coordinata con cui il Cancelliere federale Olaf Schultz vorrebbe discutere con i rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori su come controllare l’inflazione. È probabile che alti tassi di inflazione rimangano con noi più a lungo di quanto vorremmo.

Marco Hermann lavora in note banche e società di investimento dal 1992. In qualità di amministratore delegato, è responsabile della strategia di investimento di FIDUKA dal 2010.

La ristrutturazione della nostra industria energetica che si è resa necessaria a seguito della guerra russa contro l’Ucraina, ovvero la sostituzione del gas russo a basso costo con gasdotti con il costoso gas naturale liquefatto (GNL) dal mercato mondiale, una transizione simultanea verso soluzioni energetiche sostenibili e parziale transizione o riproduzione, ovvero de-globalizzazione per ragioni strategiche Tra i driver di prezzo nei prossimi dieci anni.

Il rischio di inflazione accompagnato da stagflazione

Ciò farà aumentare i prezzi anche in altre regioni. Ad esempio, il gruppo immobiliare Vonovia ha promesso i necessari aumenti degli affitti che dovrebbero corrispondere all’inflazione. In Germania, questo è stato un enorme 7,9 percento (8,1 percento nella zona euro). Le attuali previsioni di inflazione della Banca centrale europea nell’unione monetaria per il 2023 e il 2024 rispettivamente del 3,5 e del 2,1 per cento sono più un pio desiderio che la realtà.

Vi sono alcune somiglianze con la stagflazione degli anni ’70, non da ultimo a causa dello shock esterno dell’aumento dei costi energetici a causa dei vincoli di approvvigionamento. Gli esperti chiamano stagflazione dello sviluppo economico aumenti dei prezzi insieme alla stagnazione o addirittura alla deflazione. All’epoca, le banche centrali hanno reagito a massicci aumenti dei tassi di interesse (negli Stati Uniti in multipli) provocando così rendimenti obbligazionari superiori al tasso di inflazione.

L’economia è in stallo a causa dello shock dei tassi di interesse

Non c’è da stupirsi che l’economia globale sia scivolata in recessione in quel momento. Tuttavia, la situazione attuale differisce da quella degli anni ’70 per aspetti importanti. Oggi, il debito globale di nazioni, aziende e individui rappresenta circa il 250% della produzione economica, e quindi più del doppio rispetto a 50 anni fa.

Aumenti eccessivi dei tassi di interesse possono causare seri problemi: anche le banche centrali lo sanno. Pertanto, i ritorni obbligazioni inferiore al tasso di inflazione. Ad ogni modo, gli investitori obbligazionari guardano al loro anno peggiore dalla fine della seconda guerra mondiale. Non ci sono mai state perdite di prezzo intorno al 10% con i titoli di stato tedeschi in passato. Gli investitori in cerca di sicurezza sono delusi.

Nel Mercato azionario C’è anche una sensazione di insicurezza. Tuttavia, la volatilità è all’interno del normale intervallo – non buona, ma sfortunatamente fa parte della natura delle azioni. È andato A malapena i profitti dalla svalutazione e dalla criptovaluta hanno assistito a un enorme crollo. Come dovresti investire le tue risorse in un ambiente del genere, diciamo € 25.000?

Guardare indietro aiuta. In uno studio, i ricercatori hanno studiato l’evoluzione di diverse classi di attività nelle fasi di bassa, media e alta inflazione del mercato statunitense negli ultimi 50 anni. In una situazione simile oggi – alta inflazione combinata con la minaccia di una recessione e di una politica monetaria sempre più restrittiva – i titoli hanno fatto bene e hanno generato una media nominale del 7% all’anno. Ciò almeno garantiva la conservazione del capitale dopo aver dedotto l’inflazione.

I metalli preziosi, come l’oro e l’argento, hanno avuto rendimenti reali positivi nella fascia media a una cifra. In generale, fanno anche un buon lavoro Materie prime, in particolare petrolio e gas, funziona bene in tali fasi. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è uno dei fattori che causano l’aumento dei prezzi.

Domanda da 25.000 euro

Quindi gli investitori a lungo termine dovrebbero rimanere concentrati su asset tangibili come le azioni e non farsi impazzire dalla volatilità temporanea. Tuttavia, qui è necessaria una buona diversificazione per ridurre il più possibile i rischi individuali. Storicamente, i titoli a valore più basso, che attualmente includono titoli di materie prime e farmaci, hanno ottenuto risultati migliori rispetto ai titoli in crescita come i titoli tecnologici in rapida crescita in tali fasi.

Tuttavia, gli investitori non dovrebbero abbandonare del tutto il settore tecnologico in forte crescita, poiché molti hanno ancora un ampio flusso di cassa e ora hanno anche valutazioni accettabili. È più probabile che si verifichino rischi nell’area del consumo in eccesso rispetto al fabbisogno giornaliero. È probabile che le vacanze e i grandi acquisti come automobili, mobili e televisori vengano posticipati a causa del basso reddito reale.

L’oro rimane un’eccellente aggiunta al portafoglio grazie alla sua bassa correlazione con le azioni. Anche se di recente non c’è stato molto movimento nel prezzo del metallo prezioso, esiste un potenziale al rialzo fintanto che il tasso di interesse reale, ovvero il tasso di interesse al netto dell’inflazione, rimane chiaramente negativo.

Gli investitori dovrebbero investire la minima percentuale del loro denaro in obbligazioni. Qui entrano in discussione le obbligazioni societarie con un buon merito di credito e scadenze fino a cinque anni o le obbligazioni a rischio abbastanza basso con tassi di interesse variabili, i cosiddetti float. Tuttavia, ognuno deve determinare da sé il rapporto tra materiale e valore nominale, ovvero azioni e oro rispetto alle obbligazioni, a seconda dell’età e della tolleranza al rischio.

Marco Hermann lavora in note banche e società di investimento dal 1992. Dal 2010 è responsabile della strategia di investimento come amministratore delegato Viduka.

READ  L'indice DAX perde lo 0,8 per cento: l'incertezza colpisce il mercato azionario