Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Disturbo bipolare in adolescenza

Il disturbo bipolare inizia spesso nella tarda adolescenza o nella prima età adulta. È un grave disturbo dell’umore.

Disturbo bipolare in adolescenza

Ultimo aggiornamento: 03 dicembre 2022

Come la schizofrenia, i disturbi schizoaffettivi e la depressione maggiore, il disturbo bipolare è uno dei principali disturbi mentali. Chi ne soffre sperimenta gravi sbalzi d’umore tra euforia (mania) e depressione, che si verificano senza alcuna causa esterna. Nella maggior parte dei casi, i primi sintomi compaiono nell’adolescenza o nella prima età adulta. in tutto il mondo stanno soffrendo 0,5 percento della popolazione da questo disturbo.

Disturbo bipolare è l’abbreviazione comune per disturbo affettivo bipolare (BAD).

Il disturbo bipolare adolescenziale ha una prognosi infausta.

Disturbo bipolare: cos’è?

Per una diagnosi di questo disturbo, devono esserci due episodi emotivi, almeno uno dei quali deve essere ipomaniacale, maniacale o misto. L’American Psychological Association (APA) descrive la mania come segue:

  • umore insolitamente alto,
  • Dura almeno una settimana.

Inoltre, i malati mostrano i seguenti sintomi: autostima esagerata, paranoia, iperattività, allegria, desiderio di parlare, fuga dal pensiero, irrequietezza motoria, propensione al rischio, comportamento impulsivo, ottimismo esagerato o perdita delle inibizioni sociali. La mania e la depressione portano entrambe a problemi di sonno e disturbi alimentari.

In un episodio misto, i sintomi di mania e depressione si verificano contemporaneamente. L’ICD-10 richiede il verificarsi simultaneo di due serie di sintomi per almeno due settimane per una diagnosi.

“Ho rinunciato all’idea di una vita senza tempeste molto tempo fa… Dopotutto, sono i singoli momenti di quiete e desolazione che fanno la vita.”

Camporosso

Disturbo bipolare in adolescenza

allo psicologo Sala Stanley Unica adolescenza“Tempo personale per tendenze paradossali”. È una sfida in sé, ma avere il disturbo bipolare rende questa volta particolarmente complessa. Gli adolescenti possono sperimentare esplosioni emotive accompagnate da violente esplosioni di rabbia. L’irritabilità, al contrario dell’euforia, è più comune in questo gruppo demografico.

READ  Ecco perché alcune persone non prendono il virus

Luby, uno psichiatra dell’Università di Washington, ha descritto una serie di modelli comportamentali caratteristici del disturbo bipolare adolescenziale:

  • comportamenti eccessiviche potrebbe consistere nel toccare gli altri o addirittura nel masturbarsi in luoghi inappropriati.
  • allegria Uno stato d’animo eccessivamente felice accompagnato da risate immotivate e continui salti su e giù.
  • grandezza. Non riconoscono l’autorità, sono uniti, socialmente liberi e non misurati Rischi le loro azioni né le conseguenze che ne derivano.

Negli adolescenti, il disturbo bipolare viene solitamente diagnosticato tra i 13 ei 18 anni, sia nei ragazzi che nelle ragazze. Di solito si verifica all’improvviso: non ci sono prove della sua insorgenza.

Disturbo bipolare: differenze tra adolescenza ed età adulta

Il disturbo bipolare spesso si presenta in modo diverso negli adolescenti rispetto agli adulti:

  • Cicli rapidi sono sempre più osservati negli adolescenti. Ciò significa che spesso sperimentano almeno quattro episodi di mania o depressione in un periodo di 12 mesi. I cambiamenti possono essere molto improvvisi nello stesso giorno.
  • Di solito ne hanno di più sintomi psicoticiin particolare allucinazioni uditive.
  • La prognosi è peggioredove di solito c’è un disturbo neurobiologico significativo.
  • Il recupero dopo ogni episodio è più complicato.
  • È una malattia altamente ereditaria.
  • È probabile che gli adolescenti lo abbiano pensieri suicidi.

Negli adolescenti, il disturbo bipolare di solito inizia con un episodio depressivo che progredisce in un episodio maniacale. Negli adulti, di solito accade il contrario.

Fattori prognostici sfavorevoli

Sono stati identificati vari fattori che complicano la prognosi e il decorso di questo disturbo dell’umore. Per esempio ha dimostrato che una mancanza di affetto materno porta a uno sviluppo più rapido delle ricadute.

“Il bipolare ti toglie l’identità.”

Reynans

READ  Ricerca sul cancro: la regina Atusa fornisce energia

Anche la storia familiare (fattori genetici) gioca un ruolo. Anche uno stato socioeconomico basso ha un impatto negativo, in quanto ciò può favorire sintomi resistenti al trattamento. Le interazioni familiari disfunzionali hanno un impatto negativo, Eventi particolarmente traumatici come gli abusi nella prima infanzia.

Il disturbo bipolare inizia spesso nell’adolescenza.

trattamento

Il disturbo bipolare adolescenziale viene trattato su più fronti: farmacologicamente, psicologicamente e psicologicamente. Oltre al trattamento farmacologico con stabilizzatori dell’umore e Antidepressivi è lei Interferenza psicologica Di base. L’educazione è una parte essenziale del trattamento. Chi ne soffre deve imparare ad affrontare la propria malattia, migliorare i sintomi di mania e depressione e sviluppare capacità di coping.

Forme comprovate di trattamento sono la psicoeducazione, la terapia comportamentale dialettica e la terapia interpersonale PsicoterapiaE il Vengono utilizzati anche ritmi sociali (terapia del ritmo sociale). Questo tipo di terapia consente ai giovani di regolare le proprie emozioni, organizzare la vita quotidiana e ottenere sostegno. Gli strumenti includono un diario dell’umore per registrare episodi di mania o depressione.

“Anche se mi trovo spesso nel profondo della miseria, c’è ancora armonia e musica che è pura e serena dentro di me.”

Van Gogh

La diagnosi del disturbo bipolare è complessa, Molti esperti sottolineano che questa malattia è sovradiagnosticata. È particolarmente importante identificare il guasto il prima possibile in modo da poter prendere le misure appropriate. Sono assolutamente necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio la malattia e sviluppare farmaci efficaci che abbiano il minor numero possibile di effetti collaterali spiacevoli.

Potrebbe interessarti anche questo…