Febbraio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Disturbi dell’alimentazione: come l’anoressia si relaziona alla flora intestinale

Disturbi dell’alimentazione: come l’anoressia si relaziona alla flora intestinale
Scienze Problemi alimentari

Ruolo del microbiota intestinale nell’anoressia

Adolescente seriamente triste che cammina nel porto.

Il numero di adolescenti trattati come ricoverati con disturbi alimentari è aumentato fino al 40% durante la pandemia

Fonte: Getty Images / Olga Pankova

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Le giovani donne e le ragazze che attraversano la pubertà sono spesso colpite da: Anoressia. Recentemente, le diagnosi sono salite alle stelle a livello nazionale. La malattia spesso finisce con la morte. Secondo uno studio, i cambiamenti nel microbiota intestinale possono contribuire allo sviluppo.

UNSecondo uno studio, anche il microbiota intestinale può essere coinvolto in modo significativo nello sviluppo dell’anoressia. Lo ha riferito un gruppo di ricerca internazionale dopo aver analizzato i batteri nel tratto digestivo di 147 donne, 77 delle quali soffrivano di anoressia nervosa (AN). Di conseguenza, un disturbo alimentare è associato a un cambiamento nel microbioma, che a sua volta influisce sul metabolismo, sull’appetito e sull’umore.

Un esperto tedesco riporta uno “studio molto buono”, ma non vede alcuna prova di un coinvolgimento causale del microbioma nello sviluppo di un disturbo alimentare. Tuttavia, lo studio potrebbe dare slancio allo sviluppo di possibili approcci terapeutici, afferma Beate Herpertz-Dahlmann dell’Ospedale universitario di Aquisgrana, che non è stata coinvolta nel lavoro.

Il team guidato da Olof Pedersen dell’Università di Copenaghen scrive sulla rivista “L’anoressia nervosa, che di solito inizia durante la pubertà, ma anche sempre più recentemente durante l’infanzia, colpisce il 95 per cento delle donne.Microbiologia della naturaSebbene i trattamenti possano ridurre i danni causati dalla malattia potenzialmente fatale, molte persone che ne sono affette non guariranno mai completamente.

Leggi anche

Il disturbo mentale aumenta non solo nelle ragazze, ma anche nei ragazzi

È noto che il materiale genetico può svolgere un ruolo molto importante e che i cambiamenti ormonali associati alla pubertà possono essere coinvolti nello sviluppo dell’anoressia nervosa. Il gruppo di ricerca, che comprendeva personale dell’Università di Magonza, ha ora esaminato se il microbiota intestinale può influenzare l’appetito, le emozioni e il comportamento, tra le altre cose, e quindi contribuire allo sviluppo del disturbo.

Per fare questo, il team ha prima esaminato la flora intestinale di 77 donne affette e 70 di peso normale, che avevano in media 23 anni. In effetti, i ricercatori hanno trovato chiari cambiamenti: alcuni gruppi di batteri erano meno comuni nelle donne con anoressia nervosa, mentre altri erano chiaramente sovrarappresentati. Anche la frequenza e la diversità dei virus differivano tra i due gruppi.

Il gruppo scrive che la flora intestinale alterata e i suoi metaboliti possono influenzare la formazione di vari neurotrasmettitori come la serotonina, la dopamina e il glutammato. Questo può influenzare l’umore, l’appetito e le abitudini alimentari.

Un microbioma intestinale malfunzionante può contribuire all’anoressia

Per stabilire una relazione causale, il team ha trapiantato campioni di feci di donne simili in entrambi i gruppi in topi giovani e privi di germi che sono stati inizialmente alimentati con una dieta ipocalorica per tre settimane. Quegli animali che hanno ricevuto escrementi da donne con anoressia nervosa avevano ridotto il peso corporeo dopo tre settimane. Questo non è sostanzialmente cambiato anche quando gli animali mangiano a loro piacimento. In generale, i geni per le proteine ​​coinvolte nella sazietà e nell’umore sono stati attivati ​​nel loro tessuto adiposo e nella regione cerebrale dell’ipotalamo.

“L’attività della serotonina e la regolazione dell’appetito possono essere coinvolte nello sviluppo e/o nel mantenimento della sindrome da anoressia nervosa”, ha scritto il gruppo. “I nostri risultati supportano l’ipotesi che un microbioma intestinale gravemente danneggiato contribuisca ad alcuni dei processi coinvolti nello sviluppo dell’anoressia nervosa”.

Herbertz-Dallmann potrebbe chiedersi se un microbioma alterato sia, in effetti, una delle principali cause di anoressia nervosa. È anche possibile che il disturbo alimentare stesso modifichi la composizione della flora intestinale nel corso degli anni a causa di un’assunzione di cibo inadeguata e alterata, afferma il direttore della Clinica di psichiatria, medicina psicosomatica e psicoterapia per bambini e adolescenti. In questo contesto, si lamenta specificamente del fatto che lo studio non contenesse alcuna informazione su quanto tempo i partecipanti soffrissero di un disturbo alimentare.

Maggiori informazioni sulla giovinezza

WON Collezione Michael Kölch Una giovane donna si copre il volto con un cappuccio.  Sensazione di malessere 1062253138 |  Ross Cole/Getty Images

Psichiatra dell’infanzia e dell’adolescenza

Durante la pubertà, i bambini iniziano a cambiare.  L'insegnante laureato Jung può spiegare come e di cosa hanno bisogno ora

Da bambino ad adolescente

Dall'inizio dell'epidemia, un bambino su sei in Germania è aumentato di peso

Tuttavia, è del tutto possibile che i cambiamenti nell’intestino riscontrati nello studio abbiano contribuito a rendere il disturbo alimentare più radicato nel tempo. Ciò complica il trattamento già difficile. Questo potrebbe spiegare perché molti pazienti hanno problemi ad aumentare di peso e poi a mantenerlo.

I risultati potrebbero quindi avere un impatto sui trattamenti futuri, afferma l’esperto: sono in corso studi, ad esempio, per arricchire la dieta con alcuni nutrienti come gli acidi grassi omega-3 o con batteri vivi durante il trattamento al fine di alterare l’intestino microflora. Anche i trapianti fecali sono oggetto di ricerca, ma finora hanno avuto risultati contrastanti.

Ma ciò che è chiaro, e non preso in considerazione nello studio attuale: la malattia ha anche una chiara componente psicosociale. Il numero di giovani e bambini trattati come pazienti ricoverati è aumentato in Germania durante la pandemia di Covid e i blocchi associati dal 30 al 40 per cento.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Aha! Dieci minuti di conoscenza quotidiana” è il podcast della conoscenza di WELT. Ogni martedì, mercoledì e giovedì rispondiamo alle domande quotidiane nel campo della scienza. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE DezerE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.