Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diluvio di auto elettriche dall'Estremo Oriente dal 2025?: i produttori di automobili cinesi costruiscono le proprie navi per l'esportazione

Diluvio di auto elettriche dall'Estremo Oriente dal 2025?: i produttori di automobili cinesi costruiscono le proprie navi per l'esportazione

Un’ondata di auto elettriche dall’Estremo Oriente a partire dal 2025?
Le case automobilistiche cinesi stanno costruendo le proprie navi per l'esportazione

Scritto da Diana Dettmer

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

I piani di espansione dei produttori cinesi di auto elettriche in Europa devono affrontare ostacoli pratici. Gli acquirenti occidentali non solo sono più scettici del previsto. C’è anche una carenza di aerei cargo per trasportare veicoli in Europa. BYD e Saic & Co. reagiscono.

La prevista invasione dei produttori cinesi di veicoli elettrici in Europa era prevista da molto tempo. Potrebbero passare anni prima che le auto cinesi raggiungano il continente, come immagina il governo cinese. Ciò è dovuto non solo alla riluttanza ad acquistare automobili nelle tradizionali roccaforti europee, ma anche al grave collo di bottiglia nel traffico marittimo attraverso gli oceani del mondo: non esistono navi adatte alle automobili. Pertanto, le case automobilistiche cinesi stanno adottando contromisure su richiesta di Pechino. I numeri delle esportazioni alla fine dovrebbero aumentare più rapidamente.

Secondo Handelsblatt nel mondo esistono circa 700 aziende di trasporto automobili, di cui meno di 100 appartengono alla Cina. Ciò che peggiora le cose è che solo una piccola percentuale di loro è idonea a raggiungere l’Europa. Ciò semplicemente non è sufficiente per inondare il mercato globale con i veicoli che le case automobilistiche cinesi ora producono in gran numero per l’esportazione.

E non è solo il settore a soffrire per la perdita di capacità di trasporto avvenuta durante la pandemia, quando la domanda globale di nuove auto è crollata nel 2020. All’epoca, le vecchie navi roll-on (“Ro-Ro”) furono semplicemente cancellate. Inoltre, nello stesso periodo non sono stati effettuati nuovi ordini a causa del dibattito su carburanti marittimi più rispettosi del clima in futuro, ha scritto il giornale citando uno studio della società di consulenza marittima londinese Clarksons.

Nonostante i colli di bottiglia nelle opzioni di trasporto, le case automobilistiche cinesi continuano ad accelerare la produzione per l’esportazione. Come indicano i calcoli del Center for Automotive Management e del Mercator Institute for China Studies, lo scorso anno la Cina probabilmente supererà il Giappone come maggiore esportatore di automobili al mondo. Mentre nel 2020 in tutto il mondo sono stati spostati meno di un milione di veicoli, nel 2023 si stima che siano stati quattro milioni, un numero record. Gran parte di esse è finita in Europa e una su tre era un'auto elettrica. Il boom della produzione automobilistica significò sovrapproduzione: le auto che non potevano essere esportate finivano nei parcheggi e nei cimiteri automobilistici. Si stima che nel 2022 circa un milione di automobili si siano fermate a causa della mancanza di opzioni di trasporto.

C’è un ampio divario tra domanda e offerta

Non si vede alcun rapido miglioramento in vista. Al contrario, la situazione potrebbe peggiorare, perché quasi la metà delle navi adatte al trasporto di automobili hanno ormai più di 15 anni e dovranno essere messe fuori servizio nel prossimo futuro. Anche se le navi mercantili venissero ordinate adesso, non verrebbero consegnate prima di tre anni. Un problema che non riguarda solo la Cina: i dati di Clarkson mostrano che la capacità marittima globale totale è aumentata solo del 2% nel 2019, mentre il commercio di veicoli marittimi è aumentato del 7% raggiungendo il livello record di circa 24 milioni di veicoli solo nel 2023.

L’aumento delle tariffe di spedizione riflette uno squilibrio tra domanda e offerta: i produttori di automobili di tutto il mondo sono stati costretti a sborsare 115.000 dollari al giorno per noleggiare navi nel 2023, il che equivale a un aumento del 10% in un anno. Per le esportazioni cinesi verso l'Europa, l'aumento dei noli è stato più marcato, in parte a causa dei disordini nel Mar Rosso dallo scoppio della guerra israeliana e dei requisiti più severi per il carburante bunker. Secondo un agente marittimo, il costo del trasporto di un veicolo dalla Cina all’Europa dodici mesi fa era compreso tra 580 e 670 dollari. Attualmente costa dai 700 agli 800 dollari.

Il mercato automobilistico cinese è in gran parte saturo di auto elettriche. Pertanto, Pechino cerca di aumentare più rapidamente il numero delle esportazioni. Pertanto, alcune case automobilistiche e compagnie di navigazione cinesi hanno già risposto e ampliato la propria flotta. BYD ha messo in servizio la sua prima nave da trasporto automobilistico, Explorer 1, a dicembre. Sono previste altre otto navi, per un valore di circa 640 milioni di euro.

Ordini per navi di capacità standard

BYD non è solo il più importante produttore di veicoli elettrici in Cina, ma ora è anche una delle più grandi aziende al mondo. Estrapolando al 2023, BYD ha registrato circa 206.000 unità di esportazione, un aumento di quattro volte rispetto al 2022. La flotta aziendale di autocarri speciali per il trasporto merci mira ad accelerare l'espansione di “Build Your Dreams”, come viene ufficialmente chiamato il gruppo, nel futuro.

Anche SAIC, il partner di cooperazione di GM e Volkswagen in Cina, ha ampliato la sua flotta. Alla fine di agosto dello scorso anno, l'azienda ha lanciato il telefono “H2659”. La nave viaggerà tra la Cina, l’Europa e l’Australia. Sono state ordinate altre dodici navi con una capacità standard di 9.000 auto. L'entrata in servizio è prevista per il 2026. La compagnia di navigazione statale cinese COSCO, che in precedenza si concentrava principalmente sul trasporto di container, si sta rivolgendo anche al mercato del trasporto automobilistico.

I problemi di approvvigionamento dovuti alla mancanza di opzioni di trasporto non sono ancora apparsi nelle vendite in questo paese, le aree portuali di Bremerhaven e Cuxhaven sono intasate di auto cinesi. La quota di mercato delle nuove registrazioni omeopatiche cinesi in Germania è dell'1,3%. L’ondata di auto elettriche che Pechino vuole costruire continuerà verso ovest? Lo ritiene Jörg Wuttke, da lungo tempo direttore della Camera di commercio dell'Unione europea a Pechino. Il tanto discusso “tsunami automobilistico” è previsto quando gli aerei cargo diventeranno operativi a partire dal 2025. Nel settore automobilistico ci sarà poi una “feroce battaglia e guerra dei prezzi”, ha detto al direttore Magazin. Ciò presuppone però anche che nel frattempo l’accettazione da parte degli acquirenti fosse aumentata.