Novembre 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Difese deboli? Cosa significa una pandemia per il sistema immunitario?

Alcune malattie stanno diventando più rare nella pandemia di Corona. Ma il sistema di difesa del corpo è davvero fuori pratica? – Immagine icona: dpa

Non di nuovo: ogni poche settimane i bambini si ammalano – raffreddore, GI, ecc? Il nostro sistema immunitario ha dimenticato come difendersi dagli agenti patogeni per mancanza di attività?

Alcuni adulti riferiscono anche l’impressione di portare con sé ogni raffreddore in questo momento. Dopo due anni di innumerevoli appelli all’azione per evitare il contagio e con restrizioni di viaggio, i tanti requisiti dell’home office, mascherine, tosse e annusate possono sembrare insoliti. Soprattutto in questo periodo dell’anno. Ma c’è di più in lei?

L’influenza e la pertosse si verificano raramente in una pandemia

Molte malattie come l’influenza e la pertosse stanno diventando rare nell’epidemia, afferma Bernd Salzberger, presidente della Società tedesca per le malattie infettive, dell’ospedale universitario di Regensburg. All’inizio del 2021, un’analisi del Robert Koch Institute (RKI) di diverse malattie soggette a denuncia dalla tubercolosi all’epatite E ha mostrato che tra marzo e l’inizio di agosto 2020 è stato segnalato un terzo in meno di casi rispetto al previsto sulla base dei valori dell’anno precedente ​​- Covid-19 escluso. Le malattie respiratorie, ad esempio, sono diminuite in modo particolarmente netto, il che è anche il risultato di misure corona come maschere e distanza.

Ma qual è la situazione ora, quando goccioline, aerosol e quindi molti agenti patogeni possono spesso passare di nuovo tra le persone senza impedimenti? Se si osservano i dati del gruppo di lavoro sull’influenza dell’RKI, che, oltre all’influenza e al Covid-19, si occupa dei comuni patogeni del raffreddore come i rinovirus, si possono osservare sviluppi insoliti.

READ  Ricerca sul cancro: la regina Atusa fornisce energia

Significativamente più malattie respiratorie

I virus dell’influenza, ad esempio, sono in aumento tra i bambini solo da Pasqua, il periodo in cui la stagione di solito volge al termine. Dopo che la pandemia influenzale è fallita due stagioni fa, i numeri 2021/202 indicano ancora eventi nel complesso molto restrittivi.

La curva del tasso stimato di malattie respiratorie nel suo insieme nella popolazione riflette in una certa misura questo: da gennaio è stato molto più alto della stagione 2021/201, che è stata gravemente colpita dal Corona, ma non ha raggiunto le vette del tre. Le stagioni pre-pandemiche, durante le quali ha prevalso la pandemia influenzale. Invece, le cose ora sembrano ritardare di più in primavera: nelle ultime settimane, l’RKI ha mostrato valori più elevati rispetto a questo periodo nelle quattro stagioni precedenti.

Medici: “Non c’è accumulo a livello distrettuale”

Tuttavia, i medici generici non vedono una situazione del tutto fuori dall’ordinario. “Al momento non osserviamo alcun chiaro accumulo di malattie respiratorie nelle pratiche generali”, ha affermato un portavoce dell’Associazione tedesca dei medici di base. “La situazione può variare da regione a regione, così i medici di famiglia trattano un numero particolarmente elevato di pazienti con sintomi simili”. Tuttavia, non c’è una chiara tendenza a livello nazionale.

Un immunologo parla dell’effetto di recupero

Ma qual è la verità del sospetto prevalente che il sistema immunitario sia stato indebolito dall’epidemia o dalle misure del corona? “Il sistema immunitario non è un muscolo: non diminuisce quando non viene utilizzato o utilizzato di meno”, afferma Karsten Watzl, segretario generale della Società tedesca di immunologia. Certo, il sistema immunitario è sopravvissuto un po’ negli ultimi due anni, ma non è diventato ridondante. “Tuttavia, c’era qualcosa che doveva essere fatto: le persone entrano in contatto con agenti patogeni non solo attraverso il sistema respiratorio, ma anche attraverso la pelle o il cibo, in modo che il sistema immunitario si attivi”.

READ  Corona: Perché alcune persone vengono infettate e altre no?

Un immunologo ha un’interpretazione diversa: per alcuni raffreddori, devi semplicemente farlo ogni due o tre anni. I coronavirus stagionali ne sono un esempio. Chiunque l’abbia perso negli ultimi due anni ora può prendere più raffreddori di seguito. Questo è un effetto di recupero, simile a quello che è stato osservato con l’infezione da RSV nei bambini lo scorso autunno. RSV sta per virus respiratorio sinciziale. Può causare polmonite grave ed è particolarmente pericoloso per neonati prematuri, neonati e bambini piccoli. C’è stata anche una grande ondata tra i bambini di altri paesi.

Gli esperti vedono anche – a seguito dell’epidemia – un maggiore interesse per l’argomento e, di conseguenza, un cambiamento nella percezione di sé. “Durante un’epidemia, molti di noi sono abituati a non avere il raffreddore per molto tempo alla volta. Vengo beccato più e più volte”, dice Watzel.

Watzel: Fai attenzione in autunno

Watzl afferma che l’insolita epidemia di vaiolo delle scimmie attualmente osservata non può essere spiegata dal sistema immunitario nei paesi occidentali presumibilmente indebolito dall’epidemia. “È piuttosto che i patogeni del regno animale si stanno diffondendo sempre di più negli esseri umani”. Ciò è dovuto al fatto che le persone stanno penetrando sempre più in aree precedentemente non sviluppate e ai numerosi movimenti di viaggio internazionali. Vedremo tali malattie più frequentemente in futuro. Se pensi all’emergere di MERS, SARS e SARS-CoV-2, il vaiolo delle scimmie è innocuo”, afferma Watzel.

Dal punto di vista degli scienziati, consiglia cautela il prossimo autunno: “Se non ci occupiamo dell’influenza in questi anni, è probabile che il virus “scappi” da noi in evoluzione, così che a volte il punto è che noi dovrà fare i conti con un virus che non conosciamo bene”, afferma Salzberger. Ma il sistema immunitario non dimentica i vecchi confronti così rapidamente.

READ  6 alimenti che riempiranno le tue riserve di vitamina D prima di cadere

Gli anticorpi contro l’influenza sono raramente ridotti durante una pandemia. Tuttavia, Salzberger afferma che “la fatica dell’innesto in autunno e in inverno sarà dovuta alla negligenza”. “Ogni vaccino antinfluenzale migliora la nostra risposta immunitaria all’infezione influenzale e questo è molto importante per i pazienti ad alto rischio”.

– d b a