Dicembre 9, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diagnosi anni prima della comparsa dei sintomi: la pratica della guarigione

Il morbo di Alzheimer può essere diagnosticato prima della comparsa dei sintomi

Un nuovo studio mostra che Crohn Alzheimer anni prima del verificarsi di sintomi può essere diagnosticato. Ciò può comportare un avvio più rapido del trattamento, aumentando le possibilità di prevenire o rallentare il declino cognitivo in futuro.

Un ampio studio condotto dall’Università di Lund in Svezia ha mostrato che le persone con Alzheimer Può essere riconosciuto ora prima che compaiano i sintomi. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista “medicina della naturaPetto.

Due proteine ​​legate al morbo di Alzheimer

come in corrente Messaggio Dall’Università di Lund, è noto da tempo che esistono due tipi di proteine ​​associate al morbo di Alzheimer: l’amiloide-beta, che forma placche nel cervello, e la tau, che successivamente si accumula nelle cellule cerebrali.

specchi alti Di queste proteine ​​in combinazione con il deterioramento cognitivo hanno costituito la base per la diagnosi del morbo di Alzheimer.

“Da dieci a vent’anni prima che un paziente manifesti sintomi significativi, cambiamenti cervello È solo quando si diffonde la rugiada che i neuroni muoiono e la persona colpita soffre dei primi problemi cognitivi”.Spiega Oscar Hanson, primario in neurologia allo Skene University Hospital e professore alla Lund University.

Per questo esiste il morbo di Alzheimer fase iniziale È molto difficile da diagnosticare”.Secondo il dottore.

Non un fattore di rischio, ma una diagnosi

Il mondo ora ha una grande internazionale studio di ricerca Condotto con 1.325 partecipanti provenienti da Svezia, Stati Uniti, Paesi Bassi e Australia. All’inizio dello studio, i soggetti non presentavano deterioramento cognitivo.

con l’aiuto di Scansioni tomografiche a emissione di positroni La presenza di tau e amiloide può essere visualizzata nel cervello dei partecipanti.

È stato riscontrato che le persone le cui due proteine ​​​​sono state rilevate da 20 a 40 volte superiori rischio Ha sviluppato la malattia dopo diversi anni di follow-up rispetto a coloro che non avevano cambiamenti biologici.

“Quando sia l’amiloide-beta che la tau sono presenti nel cervello, questo non può essere considerato un fattore di rischio, ma piuttosto diagnosticare È considerato”afferma Rick Ussenkopong, primo autore dello studio e ricercatore senior presso l’Università di Lund e il Centro medico dell’Università di Amsterdam.

«Un patologo così campioni di cervello Sarà immediatamente sottoposto a screening per diagnosticare il morbo di Alzheimer nel paziente”.

Due scuole di pensiero tra i ricercatori

Secondo Ossenkuplunge, i ricercatori del morbo di Alzheimer appartengono a due scuole di idee D’altra parte, coloro che credono che il morbo di Alzheimer non possa essere diagnosticato fino all’inizio del deterioramento cognitivo.

Poi ci sono quelli, compresi lui ei suoi colleghi, che dicono che la diagnosi si basa esclusivamente su biologia E cosa si può vedere nel cervello.

Puoi confrontare i nostri risultati con il cancro alla prostata, per esempio. Se hai biopsia E se vengono trovate le cellule tumorali, la diagnosi è cancro, anche se la persona non ha ancora avuto sintomi”.Secondo Ossenkuplunge.

Il nuovo farmaco dà speranza

Come dice il comunicato, sono stati recentemente pubblicati risultati positivi dello studio, che sono coerenti con il nuovo medicinale Contro il morbo di Alzheimer, lekanimab. Su questa base, lo studio dell’Università di Lund è particolarmente interessante, affermano i ricercatori.

“Se siamo in grado di diagnosticare la malattia prima che sorgano problemi cognitivi, potremmo essere in grado di utilizzare il farmaco per curare la malattia in una fase molto precoce rallentalospiega Hanson.

In combinazione con l’attività fisica e una buona alimentazione, avrai maggiori possibilità di prevenire o rallentare il declino cognitivo in futuro. Tuttavia, prima di una sono necessarie ulteriori ricerche trattamento o trattamento Consigliato per le persone che non hanno ancora sviluppato l’amnesia”dedurre il mondo. (anno Domini)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme ai requisiti della letteratura medica specializzata, delle linee guida mediche e degli studi attuali ed è stato verificato da professionisti del settore medico.

Fonti:

  • Università di Lund: il morbo di Alzheimer può essere diagnosticato prima della comparsa dei sintomi (consultato: 13.11.2022), Università di Lund
  • Rick Ussenkoplong, Alexa Bechet-Bennett, Colin Grout, Robin Smith, Olof Strandberg, Sebastian Palmqvist, Eric Stumrud, Pontus Tiedman, Thomas Olson, Jonas Jogi, Keith Johnson, Risa Sperling, Vincent Dory, Colin L.Masters, Christopher Rowe, Dennis Visser, Bart NM van Berckel, Wiesje M van der Flier, Suzanne Baker, William Jagust, Heather J Wiste, Ronald C Petersen, Clifford R Jack Jr e Oskar Hansson: le cognizioni PET-positive amiloide e tau sono ad alto rischio per il futuro declino cognitivo In: Nature Medicine (data di pubblicazione: 11-10-2022), medicina della natura

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.

READ  Cosa favorisce il rilassamento e cosa rivelano i capelli sullo stress