Marzo 23, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Demenza: come il fruttosio altera la capacità di pensare e porta all’atrofia cerebrale

I ricercatori incolpano il fruttosio per la perdita di alcune parti della capacità di pensare. Un meccanismo che era utile per il foraggiamento in tempi primitivi, ma che ora si verifica nella demenza.

DENVER – La maggior parte delle persone probabilmente sa che mangiare zucchero non è salutare. Pertanto, molte persone rinunciano volontariamente a dolci e simili, ora durante la Quaresima o in modo permanente. Ma per quanto riguarda lo zucchero nella frutta? Dopotutto, i frutti sono sani e contengono molte vitamine e altri nutrienti.

Anche questo è vero, ma ora i ricercatori dell’Università del Colorado hanno esaminato più da vicino il fruttosio nella frutta e hanno trovato un legame intrigante con demenze come l’Alzheimer. che riporta Kreiszeitung.de.

Secondo i ricercatori, il morbo di Alzheimer è un “disallineamento evolutivo della sopravvivenza”.

Nel loro studio attuale, che Giornale americano di nutrizione clinica È stato pubblicato, gli scienziati partecipanti hanno descritto la malattia di Alzheimer come “una mancata corrispondenza di un metodo di sopravvivenza basato sull’evoluzione”. E in questa sopravvivenza, il semplice fruttosio presente in natura ha svolto un ruolo cruciale.

I ricercatori hanno spiegato che poiché i nostri antenati umani hanno sperimentato ripetutamente fasi di fame estrema, nel loro cervello è stata attivata una sorta di meccanismo di emergenza per garantire la sopravvivenza. Il foraggiamento di successo e mirato dovrebbe diventare il cardine del loro pensiero. Tuttavia, altre idee che distraggono dalla ricerca dovevano essere soppresse. Secondo i ricercatori, si tratta essenzialmente di un’antica preda umana.

Qual è l’effetto del fruttosio nella demenza sulle aree del cervello?

Il fruttosio era apparentemente responsabile del necessario cambiamento cognitivo, poiché il team guidato dal Dr. spiegò Richard Johnson. Il fruttosio blocca le aree del cervello che tendono a interferire con la ricerca mirata del cibo. Ciò include ricordi, pensieri vaganti e paure e un senso del momento presente. Quindi i nostri antenati sarebbero stati molto concentrati, con “visione a tunnel” sull’essenziale, per iniziare la ricerca.

READ  Gli esperti avvertono della sovrapposizione di influenza e diffusione di COVID-19

Tuttavia, altre regioni del cervello che controllano tali proprietà benefiche di foraggiamento non sono state colpite. I ricercatori sono stati in grado di dimostrare che la concentrazione, la volontà di prendere decisioni e la volontà di assumersi dei rischi, ad esempio, non sono cambiate.

Quanto è accurata la relazione tra demenza e fruttosio?

Ma in che modo esattamente questo meccanismo è correlato al fruttosio e alla demenza? Secondo i ricercatori, il fruttosio riduce il flusso sanguigno alla corteccia cerebrale, che è responsabile del pensiero orientato agli obiettivi, nonché all’ippocampo e al talamo. D’altra parte, il flusso sanguigno aumenta nell’area della corteccia visiva associata alla ricompensa alimentare.

Ciò che aveva senso quando ai nostri antenati mancava il cibo è un problema oggi. Perché se questo interruttore di sopravvivenza viene “attivato” in modo permanente dall’eccesso di zucchero di oggi e rimane in quella modalità, come descrivono i ricercatori, potrebbe portare a un’infiammazione nel cervello, le cui conseguenze potrebbero a loro volta essere la demenza o l’Alzheimer.

Nella malattia di Alzheimer, la comunicazione tra i neuroni è interrotta. Il fruttosio può essere coinvolto.

© Biblioteca di immagini scientifiche / IMAGO

Demenza e morbo di Alzheimer: una sovrapproduzione di fruttosio nel cervello è spesso causata da una dieta ricca di zuccheri, grassi e sale.

ha detto Richard Johnson, autore principale dello studio, in un comunicato stampa dell’università. L’atrofia cerebrale è una graduale perdita di massa cerebrale. Secondo l’esperto, la dieta diffusa oggi che contiene molto zucchero, grassi e sale fa aumentare costantemente la produzione di fruttosio nel cervello.

Uno studio sulla relazione tra demenza e fruttosio: ratti con amnesia e perdita di orientamento dopo ingestione di fruttosio

Secondo gli scienziati, le loro scoperte sono supportate da molti altri studi che hanno consultato nelle loro indagini. Ad esempio, è stato dimostrato che i ratti che mangiavano fruttosio sperimentavano vuoti di memoria e neuroni che si infiammavano. Di conseguenza, perdono la capacità di orientarsi in un labirinto.

READ  Combattere il COVID-19 con il latte? Pratica di guarigione

Secondo Johnson, alte concentrazioni di fruttosio si trovano anche nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer. Anche la perdita di memoria a breve termine e la confusione improvvisa sono tra i primi sintomi della demenza. Secondo Johnson, la tendenza di molti malati di demenza a vagare senza meta è anche dovuta a modelli arcaici di foraggiamento.

La demenza è davvero causata dal fruttosio? Questo dice un esperto

La malattia è davvero causata dal fruttosio e può essere prevenuta semplicemente omettendolo? Sfortunatamente, non è così semplice come il Dr. Linda Thinbone Iniziativa di ricerca sulla malattia di Alzheimer Dall’altro lato la messa a fuoco spiegare. I risultati degli studi sui topi non possono essere trasferiti direttamente ai processi nell’organismo umano.

Inoltre, c’è ancora poca ricerca sulle cause esatte della demenza. Il metabolismo del fruttosio è solo una delle tante aree di ricerca. Ma a suo avviso, “è improbabile che la dieta sia l’unica causa dell’Alzheimer. Si presume che la malattia sia multifattoriale”.

Che ruolo gioca l’alimentazione? La demenza può essere prevenuta seguendo una dieta mediterranea

Tuttavia, è scientificamente riconosciuto che una dieta mediterranea con un’enfasi sui cibi vegetali può prevenire la demenza. Quindi, se ti affidi a molte verdure fresche, insalata e frutta, oltre a pesce invece di carne e olio d’oliva spremuto a freddo, allora stai facendo tutto bene. Una dieta povera di carne e zucchero può anche prevenire il diabete di tipo 2. Perché il diabete aumenta anche il rischio di demenza o Alzheimer, perché la malattia favorisce i processi infiammatori e l’accumulo di placca nei vasi sanguigni.

La dieta gioca ancora un ruolo importante nello sviluppo della demenza, anche se il fruttosio non può essere identificato come unico fattore scatenante. Non devi nemmeno aver paura della frutta. Inoltre, il contenuto di fruttosio del frutto è molto basso, va da 1 a 5 grammi per 100 grammi. Ma i più problematici sono i cibi o le bevande zuccherate: 100 ml di cola e limonata contengono circa 100 grammi di zucchero, metà fruttosio.

READ  Corona virus: la fine dell'epidemia? Drosten vede un'opportunità in Omicron

Dieta e demenza: gli alimenti con aggiunta di fruttosio dovrebbero essere evitati

È meglio evitare cibi contenenti fruttosio come dolcificante, non solo per prevenire la demenza, ma anche per prevenire altre malattie come diabete, infarto, ictus o alcuni tipi di cancro. Non è sempre facile capire se un prodotto contiene fruttosio, perché può essere nascosto dietro i seguenti termini: zucchero, sciroppo di zucchero invertito, sciroppo di fruttosio, isoglucosio, sciroppo di mais, sciroppo di glucosio-fruttosio, sciroppo di glucosio-fruttosio o concentrato di succo.

Il punteggio nutritivo su molte confezioni di prodotti, ad esempio, fornisce una tendenza generale sul fatto che il cibo offerto sia in qualche modo salutare, consentendo una valutazione rapida utilizzando un sistema a semaforo di facile comprensione.

Immagine elenco regole: © Science Photo Library / IMAGO