Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Delegazione talebana a Oslo: la visita controversa si conclude con le promesse

Stato: 26/01/2022 09:08

La prima visita dei talebani in Europa si è conclusa dopo la presa del potere in Afghanistan. L’appello di Oslo rimane molto controverso in Occidente ei talebani hanno valutato favorevolmente i colloqui.

Di Sofia Donges, ARD Studio Stoccolma

La delegazione ha trascorso tre giorni in un hotel per conferenze appena fuori Oslo. I talebani sedevano a lunghi tavoli nelle sale conferenze, di fronte a loro alternativamente rappresentanti della società civile afgana, di vari paesi europei e degli Stati Uniti.

I talebani sono venuti su invito del ministero degli Affari esteri norvegese, ma il ministro degli Esteri Anken Hoetfeldt non li ha incontrati di persona e invece ha inviato il suo.

Dopo la partenza della delegazione, Heutfeldt ha sottolineato che i colloqui erano inevitabili a causa della situazione umanitaria nel Paese: “L’intera delegazione è composta da terroristi. Sostengono l’uccisione e il terrorismo. Era importante per noi decidere quali attivisti dovessero incontrarsi qui. Il nostro anche i partner internazionali hanno inviato negoziatori”.

“Il problema è che i talebani hanno una vera forza in Afghanistan. Se vogliamo fornire aiuti umanitari, dobbiamo parlare con loro in modo da poter ottenere cibo e medicine”.

Il punto di vista dei talebani parla positivamente

I talebani sono giunti a una conclusione positiva dopo la visita: secondo il ministro degli Esteri del governo di transizione, Amir Khan Muttaki, c’è stato un buon scambio, soprattutto con gli Stati Uniti.

Non c’è stata alcuna conferenza stampa durante i tre giorni, ma alcuni media norvegesi hanno rilasciato interviste ai talebani. Le domande sulle violazioni dei diritti umani sono state respinte.

READ  Corona live tape 17 gennaio: pandemia in Baviera - notizie da Rosenheim, Traunstein, Muldorf, Altötting e Berchtesgadner Land

Violenza contro le donne manifestanti – questi video vengono messi in scena, Mottaki dice: “Le manifestazioni sono state accuratamente pianificate con urla e telecamere. A Kabul, le donne hanno aggredito verbalmente i soldati. Li hanno insultati per provocarli e poi li hanno fotografati. Vedo le immagini di questi soldati dubito che provengano dagli Stati Uniti”.

Discussione sulla visita in Norvegia

La prima visita dei talebani in Europa dopo la presa del potere in Afghanistan ha suscitato polemiche in Norvegia e proteste fuori dalle ambasciate norvegesi in altri paesi.

Zaher al-Athari, un afgano esiliato in Norvegia, ha denunciato un membro della delegazione alla polizia con l’accusa di crimini di guerra. Chiamata della Norvegia – il suo insulto: Questi colloqui avrebbero potuto facilmente aver luogo in Afghanistan o nei paesi vicini. I talebani non avrebbero dovuto essere onorati della loro capacità di viaggiare in Norvegia su un aereo privato”.

D’altra parte, un’attivista afgana per i diritti delle donne vede le cose da una prospettiva diversa. Jamila Afghani ha partecipato alle discussioni con la delegazione. Alla fine è giunta a una conclusione positiva: “È stato un incontro molto positivo, il primo approccio. Speriamo che seguano più dialogo e negoziati”.

Le ragazze dovrebbero poter tornare a scuola

Jan Egelund, segretario generale dell’Agenzia norvegese per i rifugiati, ha confermato che i talebani avevano assicurato, ad esempio, che le ragazze di tutte le età avrebbero potuto tornare a scuola dalla primavera. Devi misurarli in base a quello ora.

“Allo stesso tempo, dobbiamo anche lavorare per migliorare la situazione a Washington, Londra e Bruxelles. Attualmente ci sono sanzioni che rendono molto difficile aiutare la popolazione. La NATO semplicemente non ha capito che stavano per cadere. Ha lasciato il Paese ad agosto, lasciando dietro di sé 40 milioni di afgani, tra cui molte donne”.

READ  Dopo una telefonata con Merkel e Lukashenko - Battaglia alle frontiere esterne dell'UE - Politica all'estero

La delegazione talebana è partita quella notte. L’alloggio a Oslo è stato interamente finanziato dai norvegesi.