Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Decisione inasprimento prevista: il presidente distrettuale della Fed è aperto alla sospensione dei tassi di interesse

Decisione inasprimento prevista: il presidente distrettuale della Fed è aperto alla sospensione dei tassi di interesse

Aspettati una decisione ravvicinata
Il capo della regione della Federal Reserve è aperto a una pausa temporanea del tasso di interesse

Il tasso di interesse della Federal Reserve statunitense è al livello più alto degli ultimi 16 anni. La prossima decisione su un possibile ulteriore aumento verrà presa a metà giugno. In un’intervista, il capo della guardia valutaria del comitato presieduto dal presidente della Fed Powell si è ora mostrato aperto a uno stop dei tassi e ne ha fornito le ragioni.

Il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell sta ricevendo sostegno per la sua idea di saltare il prossimo rialzo dei tassi di interesse a giugno. Il presidente della Fed di Minneapolis Neel Kashkari ha dichiarato al Wall Street Journal che potrebbe prendere in considerazione un voto per lasciare i tassi di interesse invariati alla prossima riunione del FOMC per dare agli esperti più tempo per valutare l’impatto dei passati aumenti dei tassi e le prospettive di inflazione.

“Sono aperto all’idea che possiamo muoverci un po’ più lentamente da qui”, ha detto il membro votante del FOMC. La Fed ha aumentato rapidamente i tassi lo scorso anno per combattere l’inflazione, più recentemente questo mese a un intervallo compreso tra il 5 e il 5,25%. È al suo livello più alto in 16 anni.

I funzionari della Fed hanno lasciato intendere che una decisione di rialzo dei tassi alla riunione del 13-14 giugno potrebbe essere molto vicina. Alcuni hanno affermato che l’inflazione e l’attività economica non stanno rallentando abbastanza da giustificare il mancato aumento dei tassi di interesse. Tuttavia, altri, tra cui il presidente della Fed Powell, hanno suggerito che potrebbero saltare un movimento dei tassi per esaminare meglio il potenziale effetto ritardante dei rapidi aumenti.

“Resisterei a qualsiasi forma di affermazione che abbiamo smesso di aumentare i prezzi. Se il comitato decide di saltare una riunione perché vogliamo raccogliere più informazioni, posso sostenere perché ha senso”, ha detto Kashkari. “Penso che rinunciare a una sessione per ottenere maggiori informazioni sia molto diverso dal dire: ‘Ehi, pensiamo di aver finito'”.

Kashkari ha affermato che mentre l’inflazione non sta diminuendo così rapidamente come sperato, “sembra che stia diminuendo”. “Almeno non è peggiorata. E poi ci sono le incertezze nel settore bancario: gli stress sono davvero alle nostre spalle? Ci sono ancora altre tensioni in arrivo? Penso che questo ci dia motivo di dire: ‘Ehi, rallentiamo giù un po’.'”

Kashkari è passato da un sostenitore di lunga data di una politica monetaria accomodante nell’ultimo anno a un politico che abbraccia politiche più aggressive su tutta la linea.