Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DDR: che fine ha fatto la “pensione complementare volontaria”.

DDR: che fine ha fatto la “pensione complementare volontaria”.

Ogni settimana t-online risponde a domande sulla previdenza con esperti. Oggi: cosa è successo all’assicurazione pensionistica complementare volontaria della RDT? Non viene preso in considerazione per i dipendenti della Deutsche Post (GDR).

L’assicurazione pensionistica complementare volontaria (FZR) è stata introdotta nell’ex RDT nel marzo 1971 ed è inclusa nella tessera di previdenza sociale della RDT. Il suo scopo era quello di garantire un reddito che superasse il limite mensile di 600 marchi.

La FZR è riconosciuta per tutti i gruppi professionali, afferma Katja Braubach della Deutsche Rentenversicherung Bund t-online. Lei afferma che fino al dicembre 1973 il regime pensionistico dei dipendenti della Deutsche Post prevedeva una pensione aggiuntiva anche senza aderire alla FZR.

“Se al 31 dicembre 1973 un dipendente era in servizio da almeno dieci anni, esisteva la protezione della proprietà, quindi molti dipendenti delle poste non aderivano alla FZR”, afferma Braubach.

In “La domanda sulla pensione di questa settimanaRispondiamo alle domande che ci inviate, ai nostri lettori. In questa pagina troverete tutte le vostre domande sulla previdenza a cui è già stata data risposta. Se avete altre domande sulle prestazioni di vecchiaia e sulle pensioni legali, scriveteci a wirtschaft-finanzen@stroeer .de”.

Ciò significa: a seconda di questo sistema pensionistico, i dipendenti della Deutsche Post (DDR) possono ricevere contributi fittizi al FZR. Per il periodo dal marzo 1971 al dicembre 1973, secondo Braubach, tutti i dipendenti e dal gennaio 1974 solo i dipendenti con almeno dieci anni di servizio in quel momento ricevono contributi fittizi. Questi contributi immaginari aumentano la tua pensione.