Gennaio 26, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DAX è inarrestabile: da un massimo all’altro


Rapporto di mercato

A partire dal 13/01/2023 18:15

Il DAX ha livellato rapidamente un breve periodo di debolezza e quindi continua a salire. L’attenzione si è concentrata sui risultati delle banche statunitensi, che a una seconda occhiata sembravano migliori.

Il DAX è nuovamente salito alla fine della settimana, continuando così la sua striscia vincente dall’inizio dell’anno. Sebbene il principale indice tedesco sia salito solo dello 0,19% a 15.086 punti, il mercato ha mostrato una forza relativa durante le negoziazioni ed è riuscito a difendere la soglia dei 15.000 punti a un minimo giornaliero di 15.041 punti. Il massimo giornaliero è stato di 15.129 punti, che è anche un nuovo massimo per quest’anno. Il DAX è aumentato dell’8,3% da inizio anno e del 3% durante la settimana.

I risultati delle banche statunitensi sono inizialmente preoccupanti

La ragione di questa fase di debolezza del DAX è stata l’accoglienza inizialmente molto cauta dei risultati trimestrali delle grandi banche statunitensi, i cui risultati sono stati per lo più inferiori alle attese. Segna anche l’inizio di una nuova stagione dei rapporti per il quarto trimestre del 2022. Tuttavia, da allora le azioni si sono riprese e sono diventate positive a Wall Street.

Non c’è richiesta di stock car

Detto questo, oggi è stato pagato un po’ di denaro, soprattutto perché le azioni automobilistiche sono crollate di recente dopo i grandi guadagni. Daimler Trucks ha portato il fanalino di coda nel DAX e anche le preferenze di VW sono diminuite. Anche i tagli di prezzo di Tesla hanno danneggiato l’intero settore.

I guadagni di oggi sono Sartorius Assets, che è salito del 2,69% nell’indice principale. Hanno aderito anche Siemens Healthineers e Bayer. Le cose stanno accadendo in Bayer da quando un investitore attivista è entrato a far parte dell’azienda questa settimana.

Tesla abbassa i prezzi negli Stati Uniti e in Germania

Il produttore americano di auto elettriche Tesla Abbassa i prezzi dei suoi prodotti più venduti in Germania e negli Stati Uniti. Il gruppo ha annunciato il calo dei prezzi nella tarda serata di ieri. A seconda della configurazione, i clienti in Germania dovranno quindi pagare tra l’1 e il 17 percento in meno per la berlina Model 3 e il modello più venduto di Tesla in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, i prezzi scenderanno dal 6 al 20%.

Le azioni Tesla sono state recentemente sotto pressione perché gli affari in Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, non stanno più andando bene. I produttori nazionali, in particolare, stanno guadagnando sempre più quote di mercato, di cui soffrono anche i produttori tedeschi.

READ  Gigante tecnologico in numeri: le azioni Amazon salgono a doppia cifra davanti al mercato: Amazon con una forte crescita degli utili - numeri convincenti - annuncia l'aumento del prezzo di “Prime” | newsletter

Vento di coda dei dati economici

Tuttavia, l’umore fondamentale nel mercato azionario rimane positivo. Il giorno prima speravano Dati sull’inflazione più moderati negli Stati Uniti Conferma le speranze di molti investitori che la Federal Reserve (Fed) americana sarà in grado di appianare un po’ le cose quando si tratta di aumentare i tassi di interesse.

In Germania, dopo i forti numeri del PIL, cresce anche la speranza che il Paese emerga dolcemente e che ci sia una lieve recessione. In particolare, l’economia tedesca lo scorso anno Significativamente aumentato nonostante le conseguenze della guerra in Ucraina. Secondo stime preliminari, il prodotto interno lordo è aumentato dell’1,9%, ha riferito l’Ufficio federale di statistica.

“Nel corso della settimana, gli investitori sono diventati sempre più fiduciosi che il 2023 non sarà così negativo come temevano”, ha affermato l’analista di mercato Craig Erlam della società di trading Oanda. “Tuttavia, ora spetta ai bilanci aziendali statunitensi se lo stato d’animo partigiano persisterà, poiché l’entusiasmo per i tassi di inflazione non ha ancora soddisfatto le aspettative economiche”.

Wall Street si sta leggermente riprendendo

A Wall Street, i principali indici azionari hanno ora limitato le loro perdite iniziali e il benchmark principale, il Dow Jones, è leggermente in rialzo. Gli investitori si stanno attualmente concentrando sull’inizio della stagione dei rendiconti della società. “Questa stagione di rapporti sugli utili è molto importante perché gli investitori stanno valutando quanto un’economia più debole influenzerà i risultati, la redditività e le prospettive dell’azienda”, hanno scritto gli strateghi del Credit Suisse.

Gli indici azionari statunitensi sono ancora in ritardo rispetto al DAX: mentre il barometro del mercato azionario tedesco ha registrato un aumento dei prezzi di oltre l’otto percento dalla fine del 2022, il principale indice Dow Jones negli Stati Uniti è cresciuto di poco meno del tre percento.

I titoli bancari diventano positivi

Tradizionalmente, oggi le banche hanno aperto la stagione dei rendiconti negli Stati Uniti. A prima vista, hanno fornito numeri contrastanti, ma hanno recuperato in modo significativo nel corso dell’anno.

Perché diventa evidente a una seconda occhiata: operativamente, i tassi di interesse più elevati hanno aumentato l’importante reddito da interessi, ma gli effetti negativi sugli accantonamenti sui prestiti hanno superato questo vantaggio. “I risultati delle banche oggi sono stati forti”, riassume l’analista bancario Peter Torrente di KPMG.

READ  Schufa könnte ins Ausland verkauft werden – Investor streckt die Fühler aus

Questo vale anche per il grosso cane di JPMorgan. Nonostante l’aumento degli utili nel quarto trimestre, JPMorgan ha guadagnato 37,7 miliardi di dollari per l’intero anno, circa il 22% in meno rispetto al 2021. All’epoca, la banca ha emesso accantonamenti per rischi per insolvenze imminenti sui prestiti per circa 9 miliardi di dollari, che beneficiato dei profitti. Nel 2022, invece, ha stanziato per questi scopi 6,4 miliardi di dollari. Il titolo, che include Dow Jones, è ora in rialzo dell’1,3%, dopo aver perso circa il 2,0% nei primi scambi.

Goldman Sachs brucia miliardi

La notizia negativa arriva da Goldman Sachs: la banca d’affari Usa ha già speso miliardi con i suoi tentativi di retail banking. Dall’inizio del 2020 alla fine di settembre 2022, le perdite ante imposte nel nuovo settore sono state pari a 3 miliardi di dollari, ha affermato la banca in un rapporto alle autorità di regolamentazione.

Citigroup guadagna meno

Anche la principale banca di New York, Citigroup, ha registrato un utile molto inferiore nel quarto trimestre a causa di preoccupazioni economiche e di un crollo nel redditizio business con acquisizioni e fusioni. L’utile netto per il periodo ottobre-dicembre è sceso del 21% su base annua a 2,5 miliardi di dollari. Citigroup ha guadagnato $ 1,16 per azione, rispetto a $ 1,46 dell’anno precedente.

L’attività di fusione e acquisizione è rallentata drasticamente nell’ultimo anno poiché l’aumento dei tassi di interesse, la guerra in Ucraina e la crescente incertezza economica hanno reso molte società riluttanti a impegnarsi in transazioni. I ricavi dell’investment banking di Citigroup sono diminuiti del 58% nel quarto trimestre. Tuttavia, grazie alle forti attività sui mercati dei capitali, i profitti del gruppo sono aumentati del sei percento a 18 miliardi di dollari.

Le preoccupazioni economiche sono state una delle ragioni per cui Citigroup ha aumentato gli accantonamenti per perdite su prestiti di 640 milioni di dollari nel quarto trimestre. Un anno fa, la banca ha emesso accantonamenti per 1,37 miliardi di dollari perché non si sono verificate perdite su crediti attese a seguito della pandemia di coronavirus. Il titolo Citi, che in precedenza aveva perso parecchio, è attualmente di nuovo moderatamente in rialzo.

L’euro torna a scendere

L’euro ha perso alcuni dei suoi recenti guadagni. Nel tardo pomeriggio, la valuta comune viene scambiata a $ 1,0809, in calo dello 0,35%. La Banca Centrale Europea ha fissato il tasso di riferimento a 1,0814 (giovedì: 1,0772) dollari. Il prezzo dell’oro continua a salire come ha fatto di recente. Un’oncia del prezioso metallo giallo attualmente costa $ 1.911, in aumento dello 0,7%.

READ  Apple non risponde: Musk attacca Apple con una serie di tweet - Nasdaq Apple Stocks scende | notiziario

I consumatori americani sono di nuovo più fiduciosi

La fiducia dei consumatori negli Stati Uniti è sorprendentemente migliorata all’inizio dell’anno. L’Università del Michigan ha annunciato oggi nel suo sondaggio mensile che la misura per questo è salita a 64,6 punti a gennaio da 59,7 punti a dicembre. Gli economisti intervistati si aspettavano un aumento a soli 60,5 punti. I consumatori hanno valutato la loro situazione molto migliore rispetto al mese precedente e sono anche più ottimisti riguardo al futuro di quanto non fossero di recente.

Secondo il sondaggio, i consumatori si aspettano un’inflazione per beni e servizi solo del 4,0% nei prossimi dodici mesi. A dicembre si aspettano ancora il 4,4%.

Il petrolio è di nuovo un po’ più economico

Come è avvenuto di recente, i prezzi del petrolio sono di nuovo in bilico intorno ai prezzi di chiusura e devono ancora trovare una direzione chiara. Nel tardo pomeriggio, il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord (159 litri) è di 84,80 dollari. Questo è circa lo 0,4% in più rispetto al giorno precedente.

IPO Ionos la prossima settimana?

United Internet sta attirando l’attenzione sul mercato azionario tedesco. Secondo Chambers, il provider di servizi Internet e il gruppo di telecomunicazioni stanno prendendo in considerazione, secondo Chambers, l’avvio dell’offerta pubblica iniziale della sua controllata di hosting Ionos la prossima settimana. UI spera di valutare Ionos fino a cinque miliardi di euro.

Hela sta diventando forte

Il fornitore di automobili Hella ha beneficiato della maggiore domanda dei suoi prodotti e dell’aumento delle vendite e dei profitti. Le vendite sono aumentate del 25,7% a 3,8 miliardi di euro nella prima metà del breve anno fiscale 2022, ha annunciato la società che opera con il marchio FORVIA. Il risultato operativo rettificato (EBIT) è aumentato del 29,5% a 202 milioni di euro.

Meno azioni per il capo Apple dopo le critiche degli azionisti

Il CEO di Apple, Tim Cook, dovrebbe guadagnare molto meno nell’anno fiscale in corso. Dopo le critiche degli azionisti e la raccomandazione di Cook, gli verranno assegnate meno azioni, ha annunciato Apple nei documenti per l’assemblea generale di marzo. Inoltre, la loro ricompensa dipenderà in misura maggiore rispetto a prima dall’andamento del lavoro. Lo stipendio base di Cook di $ 3 milioni rimarrà lo stesso.