Giugno 28, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Da Aiways a Vinfast: i nuovi marchi automobilistici sono in aumento?

Nio (19° posto) introduce anche una nuova idea con il concetto di cambio batteria e veicoli iperconnessi: ci sono già più di 800 stazioni di cambio in Cina. Le infrastrutture sono già in costruzione in Europa, inizialmente in Norvegia. Nio prevede di entrare nel mercato tedesco alla fine dell’anno.

Con un nuovo concetto di batteria: in primo luogo, Nio vuole decollare in Norvegia. Altri paesi europei seguiranno l’esempio. (Fonte: / Immagini del produttore)

La seconda ondata: qui per restare?

I marchi automobilistici sconosciuti che entrano nel mercato non sono nuovi. È una seconda grande ondata, dopo la prima una decina di anni fa. A quel tempo apparvero marchi come Landwind e successivamente Borgward e Byton, per poi scomparire di nuovo.

Il fallimento in quel momento aveva diverse cause:

  • Tecnicamente, le auto erano inferiori.
  • Aspetto e sicurezza non possono convincere i clienti, giustamente in parte.
  • Gli automobilisti tedeschi in particolare hanno mostrato una chiara fedeltà al marchio.

Molto è cambiato in tutto questo da allora. “La nuova ondata avrà più successo perché alcuni produttori offrono innovazione e valore aggiunto tecnicamente alla pari con i marchi affermati”, afferma il professor Bratzel. Questo include anche il produttore americano Rivian, che al momento non vende le sue auto in Europa. “Ci vorrà del tempo prima che Tog e Finfast riescano a vendere automobili nel mercato europeo”, afferma Bratzel.

Tuttavia, gli investimenti cinesi nelle case automobilistiche europee esistono da molto tempo. Tra le altre cose, Geely possiede Volvo dal 2010 e Polestar dal 2015. Il proprietario dell’azienda Li Shufu possiede anche circa il 9,7% delle azioni Daimler e Geely possiede metà del marchio Smart. Beijing Automotive Group (BAIC), partner della joint venture Daimler in Cina, detiene il 9,98% dei diritti di voto.

C’è una cosa che i nuovi marchi non hanno ancora: un salto di fiducia

Tutte le case automobilistiche lavorano in aree chiave come autonomia, capacità di carico, connettività e design. Il vantaggio per i nuovi clienti del marchio è solitamente il prezzo.

“I nuovi marchi possono rompere le strutture tradizionali e ridursi. Ciò significa creare un’esperienza di acquisto il più digitale possibile e collaborare con partner di fiducia”, afferma Bratzel. Invece di una vasta rete di rivenditori, i nuovi marchi possono cercare partner che offrano test drive, lavori di assistenza, manutenzione e riparazione. Con i veicoli di servizio che accedono al veicolo, la manutenzione può essere eseguita direttamente nel luogo desiderato dal cliente.

Ma questo non accadrà dall’oggi al domani. “I nuovi marchi devono sempre conquistare la fiducia dei clienti in primo luogo nei veicoli, nel servizio continuo e in una vasta rete. Questo richiede anni, se non un decennio”, afferma il Prof. Bratzel.

Per fare questo, la qualità del prodotto deve essere corretta, deve resistere al confronto con la concorrenza e le batterie devono essere garantite – circa otto anni o 150.000 chilometri. “I nuovi marchi possono essere venduti male solo in base al prezzo”, afferma.

Scarica…

Scarica…

Scarica…

READ  Cifre mostrate: GameStop Stock ancora alto dopo il trading: GameStop continua ad estendere le perdite | newsletter