Agosto 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crollo del prezzo del petrolio: Wall Street inizia in modo turbolento

Crollo del prezzo del petrolio
Wall Street ha un inizio di settimana turbolento

Non sono solo le preoccupazioni per i rialzi dei tassi di interesse che continuano a pesare su Wall Street. Gli investitori sono anche preoccupati per la paura della crisi energetica in Europa. L’euro è sceso al livello più basso in quasi 20 anni. È chiaro che i prezzi del petrolio sono sotto pressione.

Tra la tensione tra i timori di una recessione e il forte calo dei prezzi del petrolio, le borse statunitensi erano turbolente. Un inizio molto debole è stato seguito da una forte ripresa guidata dai titoli tecnologici e growth, particolarmente sensibili ai tassi di interesse. I fattori trainanti della ripresa sono stati i tassi di mercato che hanno continuato a scendere in modo significativo, il dollaro molto forte e il crollo del prezzo del petrolio, che ha ridotto i timori di inflazione e quindi le aspettative di rialzi dei tassi di interesse.

Tuttavia, persistevano i timori che l’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense per frenare l’inflazione potesse portare a una recessione. A ciò si aggiunge il timore di una crisi energetica in Europa, con gravi conseguenze per l’economia. È stato ampiamente ignorato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di annullare alcune delle tariffe commerciali imposte alla Cina dal suo predecessore Donald Trump.

Standard & Poveri 500 3829.84

subordinare Indice Dow Jones Ha perso lo 0,4 percento a 30.968 punti. In fondo era più basso di oltre 600 punti. per lui Standard & Poveri 500 È aumentato dello 0,2 percento, il proprietario dell’heavy tech Indici Nasdaq Si è persino spostato in modo significativo in territorio positivo ed è aumentato fino all’1,7%. Secondo le informazioni preliminari, alla Borsa di New York c’erano 1.394 (ven: 2412) vincitori di prezzo e 1.861 (828) perdenti. 122 (87) Indirizzo chiuso senza modifiche.

Il rendimento del Tesoro USA a 10 anni è sceso di altri 7 punti base al 2,82%, appena al di sotto del rendimento a due anni in quello che è considerato un segnale di recessione. A metà giugno aveva raggiunto il 3,50 per cento. Le obbligazioni sono state ricercate come un presunto rifugio più sicuro e anche con la speculazione che la Federal Reserve statunitense potrebbe premere i freni per aumentare i tassi di interesse dati i crescenti segnali di rallentamento economico. Nel frattempo, gli ordini statunitensi a maggio sono stati molto migliori del previsto.

Oro al minimo annuale

subordinare dollaro È salito contro l’euro al livello più alto degli ultimi 20 anni. Sebbene ciò tenda a essere sfavorevole per gli esportatori, aiuta a ridurre l’inflazione negli Stati Uniti. subordinare Euro È sceso dell’1,6% a $ 1,0260.

Greggio (Brent)
Greggio (Brent) 104.80

Da un lato, la crisi energetica in Europa ha colpito l’Euro e, dall’altro, il fatto che la Banca Centrale Europea abbia annunciato solo il primo e unico rialzo dei tassi di interesse per luglio, mentre la Banca Centrale degli Stati Uniti ha da tempo modificato i tassi di interesse e continua a farlo. Tuttavia, il dollaro ha mostrato una forte forza anche nei confronti delle altre valute (indice del dollaro +1,3 per cento) perché ricercato anche nella sua funzione di bene rifugio in un contesto di grande incertezza.

Il prezzi del petrolio È crollato con le preoccupazioni per l’economia e la forza del dollaro. È sceso di circa il 10 percento nella parte superiore e ha raggiunto il livello più basso da metà maggio. Un altro motivo citato dai partecipanti al mercato è che è probabile che la produzione petrolifera statunitense aumenterà dopo che la Corte Suprema ha appena privato l’EPA in qualche modo della sua voce in capitolo sui nuovi siti di produzione.

subordinare prezzo dell’oro È sceso drasticamente del 2,3% e ha raggiunto il livello più basso durante l’anno. Ha risentito della forza del dollaro e della possibilità di tassi di interesse più elevati. L’analista Shintan Karnani di Insignia Consultants ha parlato di una recessione tecnica – anche per argento e rame – esacerbata dai timori di una recessione e da rialzi più rapidi dei tassi da parte di varie banche centrali.

Caso Curevac v Biontech al microscopio

Sul mercato azionario, i titoli del settore energetico sono stati gli ultimi con meno 4,0 per cento, seguiti dai titoli dei servizi pubblici (-3,4 per cento).

corevac
corevac 14.07

un sentiero corevac (-1,1%) non è rimasto impressionato dalla notizia che il produttore del vaccino ha perso i suoi diritti di proprietà intellettuale sulla tecnologia mRNA a causa di un concorrente. Biotecnologia (+2,2%) Vede una persona lesa e quindi chiede un risarcimento attraverso una querela. Moderna guadagnato il 3,7 per cento. Anche il produttore di vaccini negli Stati Uniti fa affidamento sulla tecnologia mRNA.

Exxon Mobile Ha perso il 3,1%, anche se è probabile che l’utile del secondo trimestre raggiunga i 18 miliardi di dollari, secondo una dichiarazione della US Securities and Exchange Commission. Sarà il più alto in quasi 25 anni.

per Tesla Era in aumento del 2,6 per cento. Alla fine della settimana si è appreso che le spedizioni di auto sono diminuite per la prima volta in più di due anni rispetto al trimestre precedente, ma sono aumentate in modo significativo rispetto all’anno precedente.

READ  Contanti: Berkshire Hathaway AGM: Buffett adotta una strategia collaudata in tempi di alta inflazione | newsletter