Aprile 14, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crisi dentro e fuori dal campo: Cristiano Ronaldo ha licenziato il suo allenatore

Crisi dentro e fuori dal campo: Cristiano Ronaldo ha licenziato il suo allenatore

Crisi dentro e fuori dal campo
Licenziato l’allenatore Cristiano Ronaldo

Notizie da Cristiano Ronaldo. Il portoghese gioca con discreto successo in Arabia Saudita dal gennaio 2023. Segna sempre gol, ma non in tutte le partite. Ora la grande star ha individuato il colpevole, dicono. L’allenatore Rudi Garcia dovrebbe fare le valigie.

Al-Nasr conferma che Cristiano Ronaldo perderà un allenatore verso la fine della stagione in Arabia Saudita. È una notizia che dovrebbe piacere al nazionale portoghese, in quanto ne è responsabile, secondo quanto riportato dai media spagnoli. Al-Nassr separa Rudi Garcia dalla Francia, pochi giorni dopo lo 0-0 contro Al-Fahiya. Si dice che il 59enne sia stato preso di mira dal 38enne dopo il pareggio e che sia stato inarrestabile dopo.

Secondo quanto riportato da “Marca” e “AS”, il club ha perso la pazienza con il tecnico francese dopo meno di una stagione. Perché in campo le cose non andavano bene e perché di recente è andato a sbattere contro la cabina. Si dice che uno dei leader del Riyadh Tamarod sia Ronaldo, che avrebbe perso la fiducia in Garcia e non si fidasse di lui per realizzare il pieno potenziale della squadra.

Prima di entrare nel Sahara, Garcia è stato allenatore dell’OSC Lille, dell’Olympique de Marseille e della Roma. La sua missione in Arabia Saudita era chiaramente definita. Deve guidare Al-Nassr a vincere il suo primo scudetto dalla stagione 2018/19. Ma con sette partite di campionato rimaste, il club è ora a tre punti dai campioni dell’Al-Ittihad. Il club di Jeddah ha anche espulso la squadra di Ronaldo dalla Supercoppa saudita a gennaio e ha vinto il trofeo. I disaccordi si erano già sviluppati tra Ronaldo e Garcia in questa fase iniziale, dopo che il francese ha in parte incolpato le occasioni fallite del portoghese a 1:3.

Buon tasso di mira, ma non preciso in tutti i giochi

Ronaldo ha segnato ben undici gol in dieci partite di campionato con il club della capitale saudita, Riyadh. Ha segnato nove di questi gol in sole tre partite contro Al Wahda, Damac e Al Dalah. Ma in metà delle partite Ronaldo non è riuscito a segnare. Dal suo arrivo a fine gennaio, Al-Nasr ha collezionato sette vittorie e due pareggi in campionato. Tuttavia, nella partita decisiva contro l’Al-Ittihad, si è conclusa con un punteggio di 0: 1. La squadra di Ronaldo ha perso il comando in classifica e, dopo lo 0-0 contro l’Al-Fahia, era impaziente. Sono stati in grado di scendere di 5:0 la settimana precedente.

Garcia si è lamentato dopo la partita: “Il risultato è decisamente negativo. Non sono soddisfatto della prestazione dei giocatori. Ho chiesto loro di giocare allo stesso livello dell’ultima partita, ma non è successo”. Secondo quanto riferito, questa è stata una delle sue ultime dichiarazioni da allenatore del club saudita.

Missione Ronaldo in Arabia Saudita

Cristiano Ronaldo si è trasferito in Arabia Saudita con grande clamore dopo la Coppa del Mondo del 2022. Durante il torneo in Qatar a novembre e dicembre dello scorso anno, il suo vecchio club, il Manchester United, ha rescisso il contratto con la vecchia stella. Alla fine, è stato l’attacco di Ronaldo a Erik ten Hag, il nuovo allenatore, a essere il fattore decisivo. In un’affascinante intervista con Piers Morgan, ha accusato l’olandese di “tradimento” dopo aver perso la sua solita statura. Ronaldo ha detto: “Non lo rispetto perché lui non rispetta me”. Per la leadership dei Red Devils, questo è stato un motivo gradito per separarsi dal cantante.

Dopo un Mondiale deludente per Ronaldo, che gli ha visto anche perdere il posto in Nazionale, ha lasciato l’Europa per concludere la sua carriera da calciatore professionista in una delle nazioni emergenti dello sport mondiale. Il suo contratto è valido fino alla metà del 2025. Il miglior giocatore del mondo riceve più di mezzo miliardo di euro. “Sono un giocatore unico”, Ronaldo ha giustificato il suo contratto quando è stato presentato. Un sacco di soldi, ma ancora da pensare: come il Qatar, che ospita la Coppa del Mondo, l’Arabia Saudita non si occupa principalmente di sport. Oltre alla diversificazione e al lavaggio sportivo, il Paese è interessato anche a posizionarsi come roccaforte sportiva per eccellenza nella regione del Golfo rispetto al Qatar o agli Emirati Arabi Uniti, che hanno la stessa ambizione.

rappresentante di un grande potere

La Coppa del Mondo 2030 sarà portata nel deserto e le possibilità che ciò accada non sono affatto male. I bizzarri Giochi Invernali Asiatici previsti per il 2029 vicino alla città grattacielo nel deserto di Neom sono ancora un altro elemento costitutivo di questa strategia. Inoltre, il regno si è fatto un nome negli ultimi anni con il suo campionato mondiale di boxe dei pesi massimi tra Andy Ruiz Jr. e Anthony Joshua e la LIV Golf International Series, che è stata criticata come un “tour con soldi insanguinati” perché vale milioni. Come in ogni altro Paese del Golfo che si rispetti – Qatar, Emirati e Bahrein – anche il circus della Formula 1 fa tappa nel Paese.

The Guardian ha scritto questa settimana: “Chiamare Ronaldo il calciatore più pagato al mondo è come chiamare Tom Cruise il pilota di caccia più pagato al mondo. Ha bisogno di un controllo della realtà. Ronaldo non è più un attore sportivo, un amplificatore pubblico e uno strumento di potere. ” Apparentemente, il ben pagato Ronaldo ha ancora abbastanza influenza per determinare attori e registi al suo fianco. Si attende ancora la conferma ufficiale della partenza.