Novembre 29, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crash risolto: problemi di pagamento con carta risolti

Stato: 19/07/2022 08:08

L’hardware difettoso ha reso i pagamenti con carta impossibili per giorni, a volte più a lungo. I problemi sono stati risolti quasi ovunque in Germania. Diversi terminali di carte interessati sono stati sostituiti.

Scritto da Stevie Claudius, tagesschau.de

È iniziato a fine maggio: improvvisamente, il pagamento con giroscopio o carta di credito non funzionava più in molti negozi, ma anche in altri istituti. La punta della scheda H5000 del provider Verifone è interessata. Ad oggi, lo sfondo è sfocato. Secondo una dichiarazione ufficiale di Verifone, il motivo dell’interruzione può essere trovato in una “firma del timestamp scaduta nel software della piattaforma del terminale Verifone H5000”.

I fornitori segnalano raramente eventuali disturbi

La verità è che i pagamenti con carta ora funzionano perfettamente quasi ovunque. Secondo i propri dati, i fornitori di servizi di pagamento responsabili della fornitura dei terminali sono stati in grado di fornire soluzioni per quasi tutti i loro clienti. ha detto il fornitore di servizi Payone tageschau.de: “Payone è riuscita a riparare o sostituire la maggior parte delle stazioni interessate dall’aggiornamento del software.” La ripresa dei pagamenti senza contanti a tutti i rivenditori interessati dall’interruzione di Verifone H5000 è ora in gran parte completa.

“Tuttavia, presumiamo che ci siano pochissimi dispositivi non segnalati i cui malfunzionamenti non ci sono stati segnalati o che non sono stati utilizzati attivamente per molto tempo”, continua Payone. “Le richieste individuali dei nostri clienti che ancora ci raggiungono vengono gestite mediante l’impiego di tecnici in loco o con il supporto delle nostre unità di servizio regolari”.

Anche il fornitore di servizi Concardis è l’opposto tagesschau.de che sono stati curati. Hanno “risolto le interruzioni in tutti i nostri terminali H5000 gravemente colpiti per i nostri clienti commerciali”. In circa il 95% dei casi, le stazioni sono state sostituite con dispositivi più moderni. L’aggiornamento software fornito da Verifone è stato utilizzato solo in singoli casi e in precedenza era diffuso il passaggio a una procedura di addebito diretto elettronico (ELV), che i clienti dovevano firmare. Entrambi sono stati “utilizzati dai nostri clienti commercianti solo per risolvere problemi in alcuni casi individuali in cui il commerciante gravemente colpito dall’errore non voleva (ancora) uno scambio di terminali dedicato”.

READ  L'albero del pane si attacca a te stesso: una ricetta per il forno

Non tutte le stazioni interessate

Secondo Concardis, ci sono stati problemi con 4.000 delle circa 8.300 stazioni H5000, cioè quasi la metà. Tuttavia, il fornitore di servizi di pagamento ha ora sostituito quasi tutti i dispositivi al 95%. Anche in futuro, è possibile intraprendere azioni correttive in qualsiasi momento, poiché ci sono ancora abbastanza sostituti in stock: “Con 40.000-50.000 stazioni, le nostre scorte sono ancora ben rifornite. Abbiamo una capacità sufficiente per trattare con i commercianti interessati che stanno valutando la possibilità di cambiare stazioni, per sostenerle”.

Concardis fornisce anche indicazioni specifiche su come risolvere tecnicamente il problema: “I robot utilizzati appositamente per un incidente analizzano in modo completamente automatico in quanto esiste un’altissima probabilità di incidente. Il nostro distributore riceve le informazioni, controlliamo la migliore macchina moderna e le inviamo a lui gratis”. Una volta che la nuova stazione arriva al rivenditore, di solito possono semplicemente collegarla e avviarla con Plug and Play e rispedire il vecchio dispositivo, anche gratuitamente. “Se è ancora necessaria assistenza, è possibile contattare il personale di servizio e un team di professionisti tramite la hotline di servizio”, afferma Concardis.

L’HDE richiede un’attenta manipolazione

Un’indagine su 800 esercizi commerciali al dettaglio ha rivelato che il diffuso guasto dei terminali di pagamento ha avuto conseguenze per i rivenditori interessati. Pubblicato dalla German Retail Association (HDE) all’inizio di questo mese. Secondo questo, il 22% delle aziende intervistate ha segnalato interruzioni per diversi giorni e tre quarti di loro hanno dovuto lamentarsi di vendite perse. Tra le altre cose, sono state colpite Aldi Nord, Edeka o la filiale Edeka di Netto.

READ  Günstig Benzin e Diesel tanken! Zu DIESEN Uhrzeiten risparmia Sie

“Le interruzioni verificatesi alcune settimane fa in molti dei terminali di pagamento erano di una dimensione senza precedenti”, afferma Stefan Genth, Direttore generale di HDE. Questo è stato più di un semplice fastidio per molte attività al dettaglio interessate. “Le vendite sono andate perse qui e i clienti a volte erano molto turbati”. Ha chiesto agli operatori dei terminal di affrontare in modo trasparente le cause e di garantire che questo completo fallimento non si ripeta in futuro. Genith ha proposto migliori sistemi di emergenza o misure di sicurezza interna per questo.

Il disturbo di solito dura per più di una settimana

Come ha mostrato il sondaggio HDE, le interruzioni sono durate almeno quattro giorni per l’83% delle persone colpite. Il 70% degli intervistati ha affermato di dover rimanere senza la stazione per più di sette giorni. Dopotutto, i clienti a volte possono pagare utilizzando metodi alternativi, inclusi l’acquisto in conto corrente, l’addebito diretto o PayPal. Alcuni rivenditori hanno utilizzato terminali di altri produttori.

Dallo scoppio della pandemia di Corona, i pagamenti senza contanti sono aumentati in Germania. La quota delle vendite dei pagamenti con carta nella vendita al dettaglio di mattoni e malta è aumentata dal 50,5% nel 2019 al 58,8% lo scorso anno, Come rivelato da uno studio condotto dall’EHI Commerce Research Institute di Colonia all’inizio di maggio.