Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cox’s Bazar, Bangladesh: Migliaia di senzatetto dopo un incendio in un campo Rohingya

Cox’s Bazar, Bangladesh: Migliaia di senzatetto dopo un incendio in un campo Rohingya

Stato: 03/05/2023 20:43

Un grave incendio ha lasciato almeno 10.000 persone senza casa in un campo profughi a Cox’s Bazar, in Bangladesh. Inoltre, 2.000 rifugi temporanei sono stati bruciati e cliniche e istituzioni educative sono state distrutte.

Almeno 2.000 rifugi di fortuna sono stati bruciati in un incendio in un sovraffollato campo profughi Rohingya nel sud-est del Bangladesh. Mohammad Shamsudza, un alto rappresentante dell’UNHCR locale, ha dichiarato all’agenzia di stampa tedesca (Dpa) che l’incendio scoppiato nella zona di Cox’s Bazar ha lasciato quasi 10.000 persone senza casa. I vigili del fuoco hanno impiegato diverse ore per domare l’incendio.

Le Nazioni Unite parlano di 12mila senzatetto

L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha nominato circa 12.000 senzatetto su Twitter e ha dichiarato di sostenere le vittime degli incendi con i suoi partner locali. L’incendio ha distrutto anche cliniche e istituti scolastici. Secondo la polizia, la causa dell’incendio inizialmente non era chiara. Finora non ci sono state segnalazioni di morti o feriti.

Più di un milione di musulmani Rohingya sono fuggiti dal Myanmar in Bangladesh negli ultimi decenni, 740.000 solo nel 2017 a causa della violenza diffusa da parte dell’esercito birmano.

Un anno fa, gli Stati Uniti hanno riconosciuto la persecuzione dei Rohingya come genocidio. Anni fa, i rappresentanti delle Nazioni Unite hanno descritto la violenza contro la minoranza come genocidio. All’Aia è in corso il processo per genocidio contro il Myanmar. Da quando l’esercito birmano ha preso il potere, la situazione dei Rohingya ha continuato a peggiorare.

A gennaio, attivisti per i diritti e sopravvissuti in Germania hanno sporto denuncia penale contro l’esercito del Myanmar. Vogliono che i membri dell’esercito nel paese del sud-est asiatico siano ritenuti responsabili di genocidio e crimini contro l’umanità.