Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Covid: le donne in gravidanza vaccinate riducono il rischio di natimortalità

Le possibili complicazioni dell’infezione da Covid-19 nelle donne in gravidanza includono il parto morto. Ciò è dovuto all’infezione della placenta con il virus, che la rende incapace di svolgere la sua funzione di fornire ossigeno al feto.

Gli scienziati del Massachusetts General Hospital negli Stati Uniti d’America hanno ora studiato se il vaccino Corona può proteggere contro il parto morto.

Sono tutti non vaccinati

Il risultato: in tutti i casi segnalati di cosiddetta placenta accreta Covid, che ha portato a natimortalità o morte neonatale, le madri non sono state vaccinate. La conclusione è che la vaccinazione può salvare la vita non solo per il bambino ma anche per la madre. È possibile che entrambi i fattori virali e immunitari siano responsabili dello sviluppo della placenta accreta.

“Dopo aver esaminato la relazione tra natimortalità e vaccinazione materna, abbiamo scoperto che la vaccinazione sembra proteggere dai nati morti associati a Covid-19”, ha affermato l’ospedale.

Le donne in gravidanza con COVID-19 hanno un rischio maggiore di natimortalità e parto prematuro rispetto alle donne non infette. Hanno anche un rischio significativamente più elevato di gravi cicli di Covid-19. I dati più recenti di uno studio del registro austro-tedesco parlano di un aumento di questo rischio con un picco alla 30a settimana di gravidanza.

Questo può avere conseguenze anche a lungo termine per un bambino nato dopo l’infezione da virus Covid: le feci esaminate per i bambini hanno mostrato che i vettori infiammatori in essa presenti possono portare a malattie autoimmuni.