Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa è successo all'MH370? Un parente racconta i suoi dubbi in un documentario della ZDF

Cosa è successo all'MH370?  Un parente racconta i suoi dubbi in un documentario della ZDF
  1. Home page
  2. mondo

Insiste

Nel 2015 è stato ritrovato per la prima volta il relitto dell'aereo scomparso MH370. Ciò conferma che è accaduta una tragedia a un parente, ma conferma anche altri sospetti.

Monaco – In realtà si trattava di un volo di routine da Kuala Lumpur a Pechino. Ma l'8 marzo 2014, il volo Malaysia Airlines 370 con 239 persone a bordo è scomparso dai radar senza lasciare traccia.

Il Boeing 777 non è mai arrivato a destinazione. La misteriosa scomparsa dell'aereo è considerata uno dei più grandi misteri della storia dell'aviazione. Perché fino ad oggi non c'è traccia. Ci sono molte teorie su ciò che potrebbe essere successo. L'esperto di aviazione non crede all'incidente ma ad un tentativo di omicidio mirato. Tuttavia, un parente ritiene che la CIA fosse coinvolta nel controllo dei membri della famiglia nella loro ricerca di risposte. In ZDFinfo– Il documentario “Volo MH370 – Lost Over the Sea” racconta la storia della lunga ricerca infruttuosa e dei suoi dubbi.

L'8 marzo 2014, il volo Malaysia Airlines 370 con 239 persone a bordo è scomparso dai radar senza lasciare traccia © Fazri Ismail

Alla ricerca dell'MH370: un parente ha il vago sospetto di essere stato assunto come agente della CIA

Anche in occasione del decimo anniversario, non vi è alcuna certezza su ciò che potrebbe essere accaduto a bordo dell'MH370 l'8 marzo 2014. Ad oggi, rimane un'angosciosa attesa di risposte per i parenti. Centinaia di parenti si rifiutano di rinunciare alla speranza senza prove di un incidente. Secondo le autorità malesi le ricerche e le indagini proseguiranno.

Come molte altre persone colpite, il francese Ghislain Watrillos, che ha perso la moglie e i due figli sul volo scomparso, ha condotto le proprie ricerche e in seguito si è unito ad altre persone colpite. Ha parlato con innumerevoli piloti, analisti di dati, esperti satellitari e controllori del traffico aereo, ma nulla lo ha aiutato nella sua ricerca. Poiché Sarah Pajk, una delle vittime, diventava sempre più portavoce dei membri della famiglia, soprattutto nei media americani, il sospettato sospettava sempre più che potesse essere un agente della CIA ingaggiato per controllare le famiglie.

Cerca l'MH370: primo relitto trovato a La Reunion

Baijk, che ha detto di aver perso il suo compagno sull'aereo, ha preso in carico le famiglie. Si è interessata all'organizzazione, ha creato una pagina Facebook e ha avviato una campagna di raccolta fondi. Spesso al francese non era chiaro come avrebbe potuto ottenere tutti questi risultati.

Quando, 508 giorni dopo la scomparsa dell'aereo, furono rinvenuti i primi rottami dell'aereo sull'isola francese della Riunione, Watrilos accettò che non ci fosse più speranza per la sua famiglia e riorganizzò la sua vita. Non era stato in grado di farlo prima. Ma poi Paich si è ritirato sempre di più, è emigrato a Panama e non si è più occupato della questione. Invece, l'avventuriero americano Blaine Gibson si unì alla famiglia e partecipò attivamente alla ricerca del relitto. Ha già trovato diversi relitti in Mozambico e in Madagascar – e stranamente, secondo il francese, lì c'è sempre stata una troupe televisiva. Quindi Gibson finiva costantemente nelle notizie. Per il francese era chiaro: Gibson era con le famiglie per sostituire Sarah Buick.

“È stato mandato dagli americani” – un parente che crede fortemente nella sua teoria

Ce lo hanno mandato gli americani. Blaine viene incaricato dalla CIA di prendersi cura dei parenti. “Sembra pazzesco, ma per me è una certezza”, ha detto il francese. ZDF-Ingresso.

Secondo il ZDF Sarah Boeck attualmente vive a Panama e non è disponibile per le interviste. Ha negato fermamente tutte le accuse. (Volkswagen)