Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corridoio del carbone proposto alla COP28 – Baerbock respinge il progetto di risoluzione

Corridoio del carbone proposto alla COP28 – Baerbock respinge il progetto di risoluzione
  1. Home page
  2. Politica

La nuova bozza di risoluzione della conferenza sul clima di Dubai prevede solo una riduzione dell’uso dei combustibili fossili, e seguono dichiarazioni apocalittiche. Berbock reagisce bruscamente.

Aggiornamento dell’11 dicembre, 21:08: Nuovi sviluppi da Dubai. Dopo le dure critiche cui è stato sottoposto il testo della proposta di risoluzione in occasione della Conferenza mondiale sul clima, ora è possibile prolungare i negoziati. Il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Verdi) ha spiegato lunedì che “è difficile raggiungere un risultato entro domani a mezzogiorno”. Questo non è un problema per la delegazione europea: “Abbiamo tempo e siamo disposti a restare ancora un po’”, ha spiegato Baerbock, che in precedenza aveva espresso il suo disappunto per la bozza di risoluzione.

Il presidente della COP28 Sultan Ahmed Al Jaber ha sollecitato decisioni rapide dopo la presentazione della nuova bozza. L’obiettivo era quello di terminare la conferenza martedì alle 11:00 ora locale (8:00 CET). Tuttavia, alcuni vicini alla presidenza della COP hanno affermato che il progetto di testo potrebbe essere visto come una “apertura degli scacchi” e potrebbe portare a ulteriori negoziati.

Aggiornato dall’11 dicembre, 18:52: La conferenza globale sul clima si conclude con un’umiliazione: dopo la modifica del corridoio del carbone, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock (Verdi) ha definito il progetto di documento finale “deludente”. “In generale, questo non è sufficiente e gli elementi fondamentali non sono accettabili per noi come Unione europea”, ha detto lunedì sera. Soprattutto, il testo mancava di strumenti concreti di attuazione per raggiungere il percorso di 1,5 gradi. Si tratta dell’obiettivo concordato a Parigi nel 2015 di limitare il riscaldamento globale fino a 1,5 gradi rispetto all’epoca preindustriale.

Problemi con il progetto di risoluzione Cop28: Germania e UE respingono il documento – Baerbock è deluso

Primo rapporto dell’11 dicembre, 17:18: Dubai – Solo “riduzione” invece di “uscita”: la nuova bozza del testo finale per la conferenza globale sul clima di Dubai è molto più moderata di quanto inizialmente previsto. In una versione precedente, l’uscita dal carbone, dal petrolio e dal gas veniva menzionata come una delle diverse opzioni. La risposta delle organizzazioni ambientaliste è stata deludente, così come quella dei paesi particolarmente minacciati dalla crisi climatica.

Questo è ciò che ha fatto l’attivista climatica Louisa Neubauer Alleanza dei segnali stradali Preso in precedenza. All’inizio dei negoziati, il governo federale ha fatto “grandi dichiarazioni in cui affermava di voler raggiungere un accordo che rendesse giustizia all’accordo di Parigi e non creasse nuove scappatoie per le compagnie petrolifere”, ha detto Neubauer di Fridays for Future. RND-Giornali di lunedì 11 dicembre.

E ora ci sono reazioni deludenti. John Silk, capo negoziatore per le Isole Marshall, minacciate dall’innalzamento del livello del mare, ha detto che non erano venuti a Dubai per “firmare una condanna a morte”. “Non andremo in silenzio alle nostre tombe acquatiche.”

La ministra verde degli Esteri Annalena Baerbock al vertice sul clima di Dubai © Hannes P.Albert/dpa

Gli ambientalisti sono “sbalorditi” dalla decisione della COP28

Martin Kaiser, direttore esecutivo di Greenpeace Germania, si è detto “davvero sorpreso” dal fatto che la presidenza degli Emirati Arabi Uniti abbia presentato un testo che “serve i desideri e gli interessi dell’industria del petrolio e del gas, ma non delle persone che ci lavorano”. Il progetto di risoluzione non è assolutamente vincolante, soprattutto per quanto riguarda l’eliminazione graduale dei combustibili fossili, richiesta da più di 100 paesi. “Se le cose andassero in questo modo, ciò potrebbe portare al fallimento di questa conferenza”, ha avvertito Kaiser.

Ora tocca al ministro degli Esteri Annalena Burbock (I Verdi) e i loro colleghi dell’UE, insieme alle nazioni insulari e ai paesi più colpiti, per garantire “che questa natura non vincolante del documento venga rimossa e che si ottenga un’uscita vincolante dalla combustione di carbone, petrolio e gas”. “

I verdi attorno al ministro degli Esteri Baerbock a Dubai sono rimasti delusi

Jan Kovalzig, esperto di Oxfam, ha parlato di una “formula molto debole” per abbandonare i combustibili fossili. Anche altri obiettivi auspicabili – triplicare le energie rinnovabili e raddoppiare l’efficienza energetica – non saranno visti come un obiettivo, ma semplicemente come una possibile misura. “La COP28 non dovrebbe finire in questo modo”, ha avvertito.

L’obiettivo di un grado e mezzo concordato a Parigi nel 2015 rischia di essere buttato dalla finestra con questo progetto “malgrado si affermi il contrario in altre parti del testo”. Kowalczyg ha invitato l’Unione europea a non accettare in nessun caso la dichiarazione, a respingere a gran voce questo testo insieme ai suoi alleati dei paesi in via di sviluppo e a chiedere miglioramenti significativi.

Il deputato europeo dei Verdi Michael Bloss ha affermato che le peggiori previsioni saranno confermate. “Gli interessi fossili stanno stroncando sul nascere ogni speranza di mantenere un riscaldamento di 1,5 gradi”. La prospettiva di porre fine all’era fossile della sabbia è attualmente oggetto di una conferenza sul clima a Dubai. L’Europa e i suoi governi dovranno far fallire questa conferenza senza un chiaro impegno a porre fine all’uso di carbone, petrolio e gas. (Francia/AFP/AFP)