Novembre 29, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona Stream: RKI riporta di nuovo il valore massimo di occorrenza – Politica

Il tasso di infezione a livello nazionale di sette giorni è aumentato di nuovo e ha raggiunto il picco per il quinto giorno consecutivo. Il Robert Koch Institute (RKI) ha dato l’occorrenza settimanale di 263,7. Da lunedì ci sono stati nuovi valori massimi di incidenza. Il valore di giovedì era 249,1. Una settimana fa il valore era 169,9 (mese precedente: 65,8).

Le autorità sanitarie tedesche hanno segnalato 48.640 nuovi casi di coronavirus a RKI in un giorno. Si tratta del secondo valore più alto dall’inizio dell’epidemia. Il numero di nuove infezioni aveva raggiunto un livello record il giorno precedente a 50.196. Una settimana fa, il valore era di 37.120 visite.

Secondo le nuove informazioni, in tutta la Germania sono stati registrati 191 decessi entro 24 ore. Una settimana fa ci sono stati 154 morti. L’RKI ha contato 4.942.890 infezioni rilevate con Sars-CoV-2 dall’inizio dell’epidemia. Il numero di pazienti con coronavirus ricoverati nelle cliniche per 100.000 residenti entro sette giorni è stato fissato da RKI giovedì alle 4,65 (mercoledì: 4,61). Il massimo precedente era di circa 15,5 vicino a Natale un anno fa. Il numero di persone che sono morte o hanno avuto un’infezione confermata da SARS-CoV-2 è salito a 97.389. (12.11.2021)

RKI consiglia di annullare eventi più grandi

Alla luce dell’alto numero di infezioni da corona, il Robert Koch Institute chiede di evitare i contatti. “RKI consiglia urgentemente di annullare o evitare grandi eventi, se possibile, ma anche di ridurre tutti gli altri contatti non essenziali”, afferma il rapporto settimanale. L’istituto descrive l’attuale sviluppo come “estremamente preoccupante”. Si teme un’escalation se le misure non portano rapidamente a una riduzione dei trasferimenti: l’RKI prevede, ad esempio, l’uso di mascherine, il rispetto delle distanze minime, la riduzione dei contatti e della ventilazione. Queste misure sono importanti anche per chi è stato vaccinato e si è ripreso, anche per incontri in condizioni 3-G e 2-G. (12.11.2021)

Beamtenbund avverte: i controlli casuali più alti possibili per la seconda e la terza generazione

Il capo del sindacato ufficiale dbb, Ulrich Silberbach, ha allentato le aspettative con ampi controlli statali sulle rigide regole del coronavirus in autunno e in inverno. “Finirà con controlli casuali, di più semplicemente non è possibile”, ha detto Silberbach dell’agenzia di stampa tedesca dpa a Berlino. “Ora i team di crisi vengono riconfigurati di nuovo e ho sentito dire da molti dipartimenti che non sanno nemmeno dove possono controllare il 3G o il 2G”.

READ  Matthias Maurer deve aspettare: il pericolo di annegare gli astronauti - advisor

Il presidente del sindacato ha affermato che i colleghi sono ancora una volta delusi dalla politica. “I dipendenti pubblici devono scaricarlo di nuovo.” Le autorità sanitarie e di regolamentazione, la supervisione commerciale, la polizia, i servizi di emergenza e gli operatori sanitari sono in attività da più di un anno e mezzo. Anche la situazione nelle scuole è costantemente tesa.

“Tutti sono mentalmente e fisicamente leader nell’ultimo groove”, ha detto il capo dbb. Per la maggior parte di loro non c’era alcuno sbocco. Il settore pubblico soffre attualmente di una carenza di oltre 300.000 dipendenti. (12.11.2021)

Il 3G in Austria aumenta il tasso di vaccinazione

Un significativo inasprimento delle regole per le persone non vaccinate ha portato a un aumento significativo del numero di vaccinazioni corona in Austria. Secondo i dati ministeriali, nei primi 10 giorni successivi all’introduzione della regola 3-G negli ambienti di lavoro sono stati registrati oltre 420.000 punti di sutura. Nei 10 giorni precedenti erano circa 157.000. Dall’8 novembre è stata applicata anche la regola 2G, che esclude le persone non vaccinate da gran parte della vita pubblica.

Un gran numero di vaccinazioni (235.000) Le vaccinazioni di richiamo sono state completate dal 1 novembre. Per la prima volta, 123.000 persone sono state protette dal virus Corona tramite iniezione. Secondo le cifre, 64mila cittadini hanno ricevuto una seconda dose. La quota di vaccinazione in Austria è attualmente di circa il 65 percento della popolazione totale, che è leggermente peggiore del valore tedesco.

La pressione sui non vaccinati non farà che aumentare. Il periodo di transizione durante il quale i dipendenti non vaccinati possono indossare una maschera FFP2 per tutto il giorno in alternativa termina il 15 novembre. I datori di lavoro sono tenuti a verificare in modo casuale se i loro dipendenti sono stati vaccinati, guariti o testati. Le violazioni possono comportare multe fino a 500 euro per i dipendenti e fino a 3.600 euro per le imprese. Dice nella stanza che dalla metà del mese in poi, solo i test PCR sono validi come accesso al posto di lavoro.

Solo i dipendenti che praticamente non hanno più contatti con altre persone, come i camionisti, sono esentati dalla regola 3-G sul lavoro. (12.11.2021)

Registrati qui per ricevere la nostra newsletter gratuita sull’Austria.

READ  In caso di sovraccarico sulle unità di terapia intensiva - L'aeronautica deve trasportare i pazienti Corona - politica interna

Il segretario al lavoro Hill cerca il consenso della terza generazione con le imprese e i sindacati

Il segretario federale del lavoro Hubertus Heil (SPD) vuole introdurre all’unanimità regole 3G sul posto di lavoro per contenere la quarta ondata di coronavirus con le imprese e i sindacati. Il politico SPD afferma: “Per un’attuazione coerente delle regole di terza generazione sul posto di lavoro, non vedo l’ora di parlare con i datori di lavoro e i sindacati tedeschi. Possiamo garantire una protezione efficace e più vaccinazioni solo se i dipendenti, le aziende e lo Stato lavorano insieme” Rheinische Post Secondo un rapporto preliminare. Le misure adottate finora non sono state sufficienti per ridurre l’incidenza dell’infezione. Pertanto, è giusto mantenere i requisiti operativi di protezione dalle infezioni. Inoltre, solo coloro che sono stati vaccinati, che sono guariti e che sono stati testati potranno andare a lavorare in futuro. Ciò è necessario perché il tasso di vaccinazione è ancora insufficiente e il numero di non vaccinati rimane alto, quindi trucchi. (12.11.2021)

L’EMA apre la strada a due farmaci per il Covid-19

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha emesso una raccomandazione per due farmaci Covid-19. Entrambi i farmaci sono destinati all’uso nelle prime fasi dell’infezione e si basano su anticorpi monoclonali antivirali. Nello specifico, si tratta del trattamento anticorpale Ronapreve dell’azienda farmaceutica svizzera Roche e del farmaco Regkirona (Regdanvimab) del produttore sudcoreano Celltrion.

Gli esperti dell’EMA hanno esaminato e valutato tutti i dati dei produttori provenienti da studi sull’efficacia e sui potenziali effetti collaterali degli agenti. La decisione finale ora spetta alla Commissione Ue, ma è una questione di forma. Finora, nell’Unione Europea è stato approvato un solo farmaco per il trattamento dei pazienti affetti da Covid-19.

Il trattamento Ronapreve dovrebbe essere in grado di somministrare alle persone di età superiore ai dodici anni che hanno il coronavirus e hanno un alto rischio di un decorso grave. In Germania, questa combinazione di anticorpi è già utilizzata in casi speciali per i pazienti affetti da corona. Il trattamento Regkirona ha lo scopo di curare gli adulti con Covid-19 ma che non hanno ancora bisogno di ossigeno.

Entro la fine dell’anno verranno seguiti altri farmaci Covid-19. “Oggi stiamo facendo un passo da gigante verso il nostro obiettivo di avere fino a cinque nuovi trattamenti approvati nell’UE entro la fine dell’anno”, ha affermato il commissario europeo per la salute Stella Kyriakides. (11.11.2021)

READ  Spray nasale per l'Alzheimer? I farmaci sono testati sull'uomo

Corona minaccia i mercatini di Natale

Alla luce del forte aumento del numero di contagi da coronavirus, il dibattito sui mercatini di Natale di quest’anno sta guadagnando slancio. Il primo ministro sassone Michael Kretschmer ne ha chiesto l’abolizione. Il politico della CDU è stato citato da RTL e NTV, nonché dal politico della CDU. “Non puoi immaginare di stare al mercatino di Natale, bere vino e tutto negli ospedali è finito mentre combatti per le ultime risorse”.

Il primo ministro bavarese Markus Söder (CSU) ha affermato che i mercati “teoricamente” potrebbero esserci, ma ciò richiederebbe una regolamentazione nazionale uniforme. I requisiti minimi per una maschera sono minimi, ma un eventuale divieto di alcol non è stato ancora regolamentato.

Gli stati e le municipalità federali stanno ancora affrontando questo problema in modo incoerente. In Baviera, ad esempio, la città di Rosenheim opera senza mercatini di Natale, su raccomandazione del ministero della salute locale. Cancellati anche tutti i mercati nelle contee di Fürth e Miesbach; La regione di Mesbach è una delle regioni con i più alti tassi di infezione in Germania. In Turingia lo storico mercatino di Natale di Wartburg è stato cancellato. La Fondazione Wartburg di Eisenach ha affermato che non si vuole infiammare l’attuale situazione intorno a Covid-19 con grandi assembramenti di persone.

A Duisburg, invece, dovrebbe succedere, ma lì si applicherà la regola del 2-G: solo le persone che sono state completamente vaccinate contro il coronavirus o che sono guarite possono visitare il mercatino di Natale; Le eccezioni sono i bambini di età inferiore ai 13 anni, le donne in gravidanza e le persone per le quali la vaccinazione non è raccomandata per motivi medici.

Lo Schaustellerbund tedesco respinge l’obbligo della maschera. “Non ci sono requisiti di maschera nelle zone pedonali in Germania, quindi questo non dovrebbe valere nemmeno per il mercatino di Natale”, ha affermato il presidente dell’associazione Albert Ritter del gruppo di media Funke. Quando è in dubbio se le regole sulla distanza debbano essere rispettate consumando vino nei mercati, ad esempio, dice: “I mercatini di Natale non sono i più popolari a Maiorca”. Si potrebbe anche considerare di escludere dai mercati le persone non vaccinate. In caso di disdette dovute all’aumento degli infortuni, i bonus ponte dovranno essere prorogati oltre la fine di dicembre. (11.11.2021)