Dicembre 7, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona: qui per la prima volta gli indigeni del Perù sentono parlare del virus – notizie all’estero

Una barca porta una scatola frigo blu contenente 800 dosi di un vaccino cinese contro di essa Coronache vengono raffreddati con ghiaccio secco. Alla fine di ottobre 2021, i residenti di una remota comunità nella fitta foresta pluviale amazzonica hanno sentito parlare per la prima volta di Covid-19…

Popoli “dimenticati” epidemia! Come si proteggono da Corona le persone che non sanno nemmeno che il virus esiste?

Nessuno è stato lì per anni. Ora, il personale del sistema sanitario statale e della Croce Rossa Internazionale – accompagnato dai giornalisti dell’agenzia di stampa Reuters – si è diretto alla comunità di Urarina. È una gita in barca di tre giorni da Iquitos, la città più grande del mondo inaccessibile su strada.


Le persone nella foresta pluviale vivono in uno stato di isolamento dal resto del mondo. Quando arrivano gli aiutanti, i residenti chiedono benzina su una piccola barcaFoto: Sebastian Castaneda/Reuters


11 ottobre 2021: una scatola di vaccini contro il coronavirus viene caricata da una barca all'altra dal personale medico

11 ottobre 2021: una scatola di vaccini contro il coronavirus viene caricata da una barca all’altra dal personale medicoFoto: Sebastian Castaneda/Reuters

“Non sapevamo nulla di Covid-19. Questa è la prima volta che ne sentiamo parlare”, afferma il leader della comunità Mariano Quisto del villaggio di Mangoal, nella vasta ma scarsamente popolata regione di Loreto, nel nord del paese. .

I residenti del suo villaggio vivono di caccia e pesca, vivendo in case di legno su palafitte senza elettricità. Le persone qui hanno pochi contatti con il mondo esterno e la loro lingua si è evoluta in secoli di isolamento.

Secondo le informazioni ufficiali, un totale di 5.800 persone appartengono al gruppo originario di Urarina. Non a tutti sono stati risparmiati gli effetti dell’epidemia: almeno cinque residenti sono morti di Corona, racconta Gilberto Enoma, capo dell’organizzazione “Viburcha”, che si batte per i diritti di Orarina.


Il team di vaccinazione si è recato nella foresta pluviale amazzonica per educare le persone della comunità indigena Urarina sulla pandemia di coronavirus e fornire cure mediche.

Il team di vaccinazione si è recato nella foresta pluviale amazzonica per educare le persone della comunità indigena Urarina sulla pandemia di coronavirus e fornire cure mediche.Foto: Sebastian Castaneda/Reuters


Anche il leader della comunità Mariano Quisto ottiene una vaccinazione contro il corona

Anche il leader della comunità Mariano Quisto ottiene una vaccinazione contro il coronaFoto: Sebastian Castaneda/Reuters

Il viaggio a monte mette in luce le sfide della vaccinazione delle comunità indigene remote e le lacune nell’assistenza sanitaria in generale per queste popolazioni. Molti parrocchiani si sono lamentati di questo.

Non ci sono medici nel villaggio, ma mal di testa, diarrea, malaria, congiuntivite… Il leader della comunità Quisto: “Non sappiamo come prenderci cura dei nostri pazienti. Questa è la nostra preoccupazione”.

Le comunità indigene, specialmente nella regione amazzonica, hanno uno dei tassi di vaccinazione più bassi del Perù, afferma Julio Mendegor, responsabile dei gruppi indigeni remoti presso il ministero della salute del paese. Meno del 20 percento di tutte le vaccinazioni è completo. Per fare un confronto: in tutto il paese sono circa la metà della popolazione.


Il dottor Nyosun Goran Abaza visita una ragazza

Il dottor Nyosun Goran Abaza visita una ragazzaFoto: Sebastian Castaneda/Reuters


Educare al coronavirus nella foresta pluviale: un'impiegata della Croce Rossa Internazionale parla con le donne della comunità indigena Urarina

Educare al coronavirus nella foresta pluviale: un’impiegata della Croce Rossa Internazionale parla con le donne della comunità indigena UrarinaFoto: Sebastian Castaneda/Reuters

Le squadre di vaccinazione di Amazon si recano dai loro pazienti per almeno quattro o cinque ore. Per raggiungere Mangual occorrono fino a 26 ore in tre giorni, lungo fiumi che a volte si prosciugano o sono bloccati da alberi decidui.

“Ho deciso di farmi vaccinare per non ammalarmi”, dice una donna di Urarina che non vuole rivelare il suo nome perché la società raramente parla con estranei. “Perché è possibile che i mercanti che vengono in visita portino con sé la malattia e la trasmettano”.

Il team di vaccinazione tornerà a novembre per somministrare più dosi.

READ  Corona è completamente fuori controllo