Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona: Perché alcune persone vengono infettate e altre no?

Stile

In uno studio controverso all’Imperial College, i ricercatori hanno esposto intenzionalmente 34 persone al coronavirus.

I primi risultati sono ora disponibili: solo 18 persone sono state infettate e 17 hanno manifestato sintomi lievi come tosse, naso che cola, dolori articolari o affaticamento.

Ci sono varie teorie secondo cui alcune delle persone testate non hanno sviluppato l’infezione – ad esempio, potrebbe essere che i linfociti T svolgano un ruolo o una predisposizione genetica.

Alcune persone sono state infettate frequentemente dal coronavirus e altre non sono state infettate affatto. Ci sono casi in cui tutti i membri della famiglia sono infetti. È sopravvissuta solo una persona che viveva nella stessa casa. Oppure il partner con cui condividi il letto è ferito, ma tu stesso non ti ammali.

Il contatto con il virus non sembra essere associato allo stesso rischio di infezione per tutti. Lo dimostrano anche i primi risultati non testati di uno studio condotto dall’Imperial College London. In questo, gli scienziati che lavorano con Christopher Chiu hanno testato 34 persone di età compresa tra i 18 ei 30 anni per l’agente patogeno. In primo luogo, la testata giornalistica”SpecchioHo parlato di lei.

Una piccola quantità di virus, abbastanza alta da causare un’infezione, è stata iniettata nel naso dei volontari. Quindi, tutti i partecipanti sono stati monitorati per due settimane al Royal Free Hospital di Londra. L’inchiesta è controversa. Secondo Spiegel, dopo che l’esperimento è diventato noto nel febbraio 2021, è scoppiato un dibattito etico attorno all’esperimento.

Quasi la metà delle persone è stata contagiata

Tuttavia, i primi risultati sono ora disponibili: 18 persone che sono state testate in seguito hanno contratto il coronavirus. 17 di loro hanno manifestato sintomi lievi come il raffreddore. Alcuni hanno anche sperimentato mal di testa, dolori articolari, febbre o affaticamento. Dodici partecipanti hanno lamentato una perdita dell’olfatto.

READ  La Stazione Spaziale Internazionale: ciò che il nostro astronauta Matthias Maurer ha riparato oggi nello spazio - una guida

Quale potrebbe essere il motivo per cui non tutte le persone testate hanno contratto il virus? “I livelli di virus non erano abbastanza elevati da suscitare livelli rilevabili di anticorpi, cellule T o fattori infiammatori nel sangue”, ha detto l’autore dello studio Chiu al British Daily.GenitoriLa genetica o l’immunità presente a patogeni simili potrebbe anche spiegare perché alcune persone non contraggono il virus.

Immunità dei linfociti T

“I tradizionali coronavirus del raffreddore, di cui esistono quattro varianti, sono simili al SARS-CoV-2, motivo per cui il sistema immunitario è pre-addestrato se si è entrati in contatto con questi virus del raffreddore”, spiega Julian Walz dell’ospedale universitario di Tubinga in SPIEGEL. Da prima”.

Perché le cosiddette cellule T nel nostro corpo sono in grado di riconoscere e combattere i patogeni prima che il virus si diffonda. Questo può prevenire l’infezione. Rispetto agli anticorpi, i linfociti T sono meno specifici e quindi forniscono una protezione a lungo termine contro malattie gravi. Secondo un rapporto del quotidiano “Spiegel”, un gruppo di ricerca guidato da Walz ha rilevato cellule T nell’81% dei campioni di sangue prelevati da 180 persone sane nel 2020, che hanno anche interagito con il virus Corona.

Tuttavia, la qualità e la quantità dei linfociti T varia da persona a persona. “Non si tratta solo della presenza o meno dei linfociti T, ma dipende anche dal numero e dalla qualità dei linfociti T”, afferma Walz. Ciò significa che alcuni sono protetti dall’infezione dei linfociti T e altri no.

La genetica può anche proteggere dal virus

È anche possibile l’immunità genetica al virus. “Ogni essere umano è geneticamente leggermente diverso dagli altri. La differenza sono i cosiddetti polimorfismi a singolo nucleotide, per brevi SNP, nel DNA. Potrebbe non avere effetti evidenti, o potrebbe avere effetti protettivi o dannosi”, afferma la scienziata delle infezioni Hortense Slevogt dell’University Hospital Jena a Spiegel. Tuttavia, secondo gli esperti degli Stati Uniti, tale protezione genetica è rara.

READ  Basso tasso di vaccinazione: in questi punti caldi minaccia un inverno particolarmente brutto

Poiché non è stato stabilito alcun risultato definitivo a causa del numero ridotto di soggetti e dell’assenza di indicazione della variante omicron, gli studi proseguiranno.

Leggi anche

Quasi