Maggio 17, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona: le analisi della saliva sono migliori dei tamponi nasali per Covid-19

Chiunque contragga il Covid-19 può trasmettere la malattia anche prima della comparsa dei sintomi. Solo allora il test può sapere se qualcuno ha il virus. Ovviamente gioca un ruolo importante nel modo in cui si ottiene il materiale per questo test. Questo è ciò che hanno scoperto i ricercatori dell’Università del Maryland, negli Stati Uniti. Per fare ciò, hanno confrontato i test dei tamponi nasali (i cosiddetti tamponi mid-turbine, 2 cm di profondità, abbreviati MTS) con campioni di saliva.

Campioni regolari di tampone e saliva nei casi sospetti

Il team ha effettivamente iniziato a testare volontari sani nel maggio 2020. Per fare ciò, hanno prelevato campioni di saliva settimanalmente per rilevare un possibile Covid-19. In volontari asintomatici risultati positivi al virus, i ricercatori hanno scoperto che questi pazienti in genere sviluppavano sintomi dopo un giorno o due. Il coautore Donald K.

Per fare ciò, il team ha esaminato i dati di uno studio che accompagnava i contatti stretti di persone con casi confermati di Covid-19. 58 di questi contatti hanno fornito campioni di saliva e tampone nasale ogni due o tre giorni durante il periodo di quarantena. Tutti i campioni sono stati generati utilizzando la reazione a catena della polimerasi della trascrittasi inversa [RT-PCR] È stato testato in tempo reale”, ha detto Milton, “per rilevare SARS-CoV-2 e quantificare la quantità di RNA virale nei campioni. Abbiamo quindi analizzato come questi risultati sono cambiati nei giorni prima e dopo l’insorgenza dei sintomi”.

Il risultato: inizialmente la saliva è dodici volte più precisa

C’erano tassi simili di rilevamento del virus nella saliva e nel tampone nasale, ma la sensibilità variava in modo significativo nel tempo dalla comparsa dei sintomi. Durante i primi due giorni, la saliva aveva una probabilità 12 volte maggiore di rilevare virus e un numero di copie di RNA 3,2 volte maggiore rispetto a MTS. I ricercatori vedono i risultati del loro lavoro come molto importanti, soprattutto con l’emergere di nuove varianti con tempi di incubazione più brevi, che possono essere rilevati nella saliva piuttosto che nei tamponi nasali, in particolare “nello screening su larga scala nelle scuole e nei luoghi di lavoro come un modo per migliorare i tassi di screening e la diagnosi precoce”, afferma Milton.

READ  Il virologo Christian Drosten teme 100.000 nuovi decessi per coronavirus

Inoltre, ci sono altri vantaggi secondo lo studio. Il campionamento della saliva è più facile della penetrazione nasale profonda, che richiede anche l’intervento di professionisti qualificati, può causare disagi al paziente e rappresenta un pericolo maggiore per il personale medico durante la raccolta del campione. Questo perché può portare a tosse e starnuti e alla diffusione di particelle virali a seguito del contatto con passaggi nasali sensibili.

Limitazioni: piccolo gruppo, altri studi con risultati diversi

Tuttavia, secondo i ricercatori, ci sono alcuni fattori che limitano le conclusioni dello studio. Pertanto, i contatti arruolati in questo studio che alla fine sono risultati positivi per SARS-CoV-2 hanno sviluppato in alcuni casi infezioni lievi e transitorie. Alcune di queste infezioni lievi potrebbero non essere state rilevate da protocolli di test meno frequenti e potrebbero non rappresentare un rischio di trasmissione. Solo 14 contatti sono risultati positivi, che è una dimensione del campione molto piccola. Studi precedenti hanno raggiunto conclusioni diverse. Il team dell’Università del Maryland vede ancora il lavoro come un riferimento importante per i campioni di saliva. Per lo studio, questo è stato possibile solo con test PCR complessi. Pertanto, la ricerca futura dovrebbe concentrarsi sullo sviluppo di test rapidi della saliva con elevata sensibilità e specificità.