Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona e l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea nuova regola: Parigi blocca i residenti britannici nell’Unione Europea

Corona nuova regola e uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea
Parigi isola i residenti britannici dall’Unione Europea

Poiché le regole della Brexit soddisfano le normative Corona, la Francia vieta il passaggio a tutti i britannici residenti in altri paesi dell’UE. Così, l’Eurotunnel chiude la Manica. A Parigi si dice che gli inglesi siano trattati come cittadini di paesi terzi.

A causa delle più severe regole di ingresso della Corona per i cittadini di paesi terzi in Francia, molti britannici non possono più guidare attraverso la Francia verso i loro luoghi di residenza in altri paesi dell’UE. Come annunciato mercoledì sera da Eurotunnel, i britannici che risiedono in un paese dell’UE al di fuori della Francia non potranno più viaggiare in Francia su un treno a motore con lo stesso nome sotto la Manica. In base alle nuove normative, i britannici saranno considerati cittadini di altri paesi, anche se risiedono stabilmente nell’Unione europea. La compagnia di traghetti P&O Ferries ha anche annunciato su Twitter che solo i britannici con sede in Francia potevano attraversare la Manica ed entrare in Francia.

Il ministero dell’Interno di Parigi ha affermato che le restrizioni si basano sui regolamenti di ingresso aggiornati l’ultima volta il 18 dicembre. Ha senso solo trattare i britannici come tutti gli altri cittadini di paesi terzi e “non lasciarli passare in un altro paese dell’UE”.

Centinaia di britannici che volevano tornare nelle loro case nell’Unione europea dopo le vacanze di Natale sono stati colpiti dallo stress. “Sono davvero confusa”, ha detto la professoressa Fiona Naveen Jones, che vive in Belgio da 14 anni. “Non ho più il diritto di tornare a casa”. La sua impressione è stata che la pandemia di coronavirus fosse usata come scusa per qualcosa che “rappresenta in realtà il problema della Brexit”.

Nuove difficoltà nell’anniversario dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea

Da quando hanno lasciato l’Unione europea, Francia e Gran Bretagna hanno affrontato una serie di questioni. In particolare, la politica della pesca e della migrazione causa disaccordi tra i paesi vicini.

Poiché altre regole cambiano nell’anniversario della Brexit, i britannici affrontano diverse difficoltà: in mattinata le associazioni britanniche hanno avvertito di un’imminente carenza di cibo dall’Unione europea alla Gran Bretagna. Dal 1° gennaio, gli importatori sono tenuti a dichiarare in anticipo e integralmente alla dogana britannica le proprie spedizioni dall’Unione Europea. A causa delle difficoltà commerciali, il governo di Londra ha inizialmente sospeso il regolamento dopo la Brexit. Ci sono stati severi controlli al contrario per un anno quando il Regno Unito ha lasciato l’unione doganale dell’UE e il mercato interno. Da allora si sono verificati frequenti problemi negli scambi tra l’Unione europea e il Regno Unito.

READ  Corona in Italia: come una grave influenza per chi è stato vaccinato