Ottobre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Corona aumenta il rischio di diabete di tipo 2 e aumenta il rischio di sviluppare il diabete del 28% anche dopo un decorso lieve di Covid-19

Un’altra scoperta tardiva del coronavirus: l’infezione da coronavirus aumenta il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, anche con un decorso lieve di Covid-19, rivela uno studio tedesco. Di conseguenza, il rischio di contrarre la malattia nei pazienti guariti dalla corona è del 28% superiore rispetto alle persone infette da altri virus respiratori. Ciò conferma l’evidenza che SARS-CoV-2 può distruggere le cellule produttrici di insulina nel pancreas.

C’è sempre stato un dubbio su questo Coronavirus SARS-CoV-2 Può causare altri effetti ritardati oltre a Long-Covid. C’era già un aumento all’inizio della pandemia di Corona rapporti di casi A proposito di pazienti precedentemente sani che hanno improvvisamente sviluppato livelli di zucchero nel sangue anormali e diabete dopo essere sopravvissuti a COVID-19. Da allora i test sulle colture cellulari e i risultati dell’autopsia hanno confermato la presenza dell’infezione da corona danno alle cellule beta Nel pancreas – cellule che secernono l’ormone insulina nel sangue.

Un buon kit di test include 35.800 pazienti corona tedeschi

Ma con quale frequenza si verifica il diabete a causa del coronamento? Qual è il rischio rispetto all’infezione da altri virus respiratori? I ricercatori guidati da Wolfgang Rathmann dell’Università Heinrich Heine di Düsseldorf hanno ora studiato questo. Per il loro studio, hanno valutato i dati sanitari di un totale di otto milioni di pazienti trattati in oltre 1.700 studi medici in tutta la Germania da marzo 2020 a gennaio 2021.

Utilizzando questi dati, hanno confrontato la frequenza del diabete di nuova diagnosi in 35.865 pazienti con Covid-19 dopo essere sopravvissuti all’infezione e nello stesso numero di persone che hanno contratto un altro virus respiratorio. Tutti i pazienti avevano in precedenza livelli di glucosio nel sangue normali ed erano comparabili in condizioni e fattori di rischio preesistenti. L’intensità delle sessioni di allenamento per lo più leggere era paragonabile in entrambi i gruppi.

READ  Palla di fuoco sulla Papua Nuova Guinea: confermato l'impatto di una meteora interstellare

28 per cento in più di casi di diabete

Analisi comparative hanno mostrato che i pazienti hanno sviluppato un nuovo diabete di tipo 2 più frequentemente dopo aver contratto il Covid-19 rispetto ad altre infezioni virali. Con Covid-19, erano 15,8 persone ogni 1.000, con un altro virus che ne aveva 12,3 ogni 1.000, secondo il rapporto di Rathman e del suo team. Convertito, ciò significa che il rischio di sviluppare il diabete dopo aver contratto il coronavirus è circa il 28% superiore a quello di contrarre l’influenza o il raffreddore.

“Di conseguenza, Covid-19 aumenta il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2”, hanno scritto i ricercatori. Questo vale anche per un ciclo moderato. “Dato che quasi mezzo miliardo di persone in tutto il mondo ha già sofferto di infezione da SARS-CoV-2, questi sono risultati importanti”, commenta Betty Raman, un medico dell’Università di Oxford che non è stato coinvolto nello studio. “L’aumento dell’incidenza del diabete dopo infezioni lievi è particolarmente sorprendente”.

Ci sono ancora domande senza risposta

Rathmann e colleghi ipotizzano che una serie di fattori svolgano un ruolo in questo effetto corona tardivo. Ciò include il danno alle cellule beta correlato al virus, ma anche la maggiore risposta infiammatoria del sistema immunitario alle infezioni. Ma non possono essere esclusi anche fattori indiretti come il sovrappeso o il mancato esercizio durante la pandemia.

Inoltre, non è chiaro se il diabete che si verifica dopo il Covid-19 rimarrà sempre o migliorerà di nuovo nel tempo. Questo perché i dati dei pazienti sono stati registrati solo per una media di tre mesi. Secondo la squadra, sono necessarie ulteriori indagini. Tuttavia, consigliano alle persone con un decorso lieve di Covid-19 di monitorare il diabete e i livelli elevati di zucchero nel sangue dopo che l’infezione è finita.

READ  mondo coperto d'acqua

In ogni caso, sono ora necessari ulteriori studi per esaminare più nel dettaglio l’incidenza del diabete dopo la malattia di Covid-19 e i fattori di rischio che vi concorrono. Dovrebbe anche essere studiato se e in che misura l’infezione da coronavirus possa avere questo effetto ritardato nelle persone vaccinate. (Diabete, 2022; doi: 10.1007/s00125-022-05670-0)

Fonte: diabete