Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Copia effetti su Samsung QD-OLED | caldo in linea

In passato, a volte si osservavano evidenti effetti di burn-in sui televisori con schermi OLED. D’altra parte, questi si verificano raramente sui dispositivi più recenti, e ciò è dovuto anche a varie contromisure da parte dei produttori.

Tuttavia, se guardi video sulla TV con lo stesso contenuto di immagini ad alto contrasto, ad esempio loghi o, ad esempio, tagesschau24 con i cursori visualizzati in basso, probabilmente noterai anche danni da burn-in sui nuovi televisori OLED dopo un po’: le ombre appaiono in quei punti dell’immagine, che in precedenza avevano il logo o i cursori luminosi per molto tempo. Il colpevole è la maggiore erosione dello strato organico proprio in questi luoghi. Tuttavia, c’è una grande differenza tra gli schermi WOLED di LG e i QD-OLED di Samsung.

Altro dalla rivista c't

Altro dalla rivista c't

Altro dalla rivista c't

Con i WOLED di LG, la luce “bianca” viene creata impilando strati organici che si illuminano di rosso, blu, verde, giallo e verde, risultando in un colore bianco generale. I filtri colorati in questa struttura di livelli che brillano di bianco restituiscono il colore indietro: per i subpixel rossi, ad esempio, le componenti blu e verdi della luce bianca vengono filtrate in modo che rimanga il rosso.

La luce bianca in un WOLED è generata da strati luminosi organici impilati di colore rosso, verde, blu, giallo e verde. I filtri colorati, a loro volta, filtrano la luce bianca rossa, verde e blu dai subpixel RGB.

Se una finestra o un logo rimangono sullo schermo per un periodo di tempo più lungo, a questo punto gli strati organici si consumano, e questo è in varia misura a seconda del colore. Pertanto, l’area bruciata non solo diventa leggermente più scura, ma acquisisce anche una sfumatura colorata.

Nei nuovi QD-OLED, Samsung utilizza solo strati luminosi blu organici. La luce diventa multicolore solo grazie allo strato aggiuntivo di punti quantici: le nanoparticelle in esse contenute sono chiamate sorgenti di fotoluminescenza, che producono luce rossa e verde quando irradiate con luce blu. Quindi qui nulla viene filtrato, ma trasformato, motivo per cui in linea di principio i QD-OLED dovrebbero brillare di più. La posizione del colore dei sottopixel rosso e verde è determinata solo dai punti quantici e l’intensità della luce (luminosità) dello schermo solo dall’intensità della luce dello strato luminoso blu organico.

QD-OLED contiene strati organici che si illuminano di blu, da cui i punti quantici generano la luce rossa e verde dei subpixel RGB.

Se un logo o una cornice luminosa rimane nell’immagine per un periodo di tempo più lungo, ciò esercita una pressione sullo strato organico, come nel caso di WOLED. Anche il QD-OLED si consuma, ma non c’è alcuna sfumatura di colore, solo una luminosità leggermente inferiore. Questa parziale diminuzione dell’intensità della luce può essere compensata in modo relativamente semplice applicando più corrente alle aree interessate. Negli OLED, viene costantemente registrato per ogni pixel la durata e la luminosità e quindi regolato secondo un algoritmo: coloro che hanno dovuto brillare particolarmente a lungo hanno più potenza.

Tali calcoli erano già presenti ai tempi degli schermi al plasma, quando anche lo strato di fosforo veniva eroso dai continui bombardamenti. LG utilizza anche tali algoritmi nei suoi WOLED, ma può solo eliminare la luminosità dell’attenuazione, non qualsiasi dominante di colore.

L’erosione dello strato organico influisce sulla vita degli schermi sia nei WOLED che nei QD-OLED. Tuttavia, la vita utile, almeno per i dispositivi WOLED, è ora molto più lunga di quanto non fosse nei primi giorni dei grandi televisori OLED. La maggior parte dei produttori di TV oggi offre una garanzia pluriennale per i propri dispositivi senza preoccupazioni.

Sono anche in grado di farlo perché non azionano gli schermi al massimo, quindi qualsiasi usura o strappo sullo strato organico può essere facilmente compensato con più forza. Anche le cosiddette misure di pulizia contribuiscono a una maggiore durata. A proposito, usano gli algoritmi di cui sopra, tra le altre cose.

Leggi qui cosa puoi fare per ridurre il rischio di ustione:

A causa dell’inesperienza, non sappiamo ancora come si comportino i QD-OLED in termini di durata. Ma si può presumere che il più grande produttore di TV del mondo non metterà a repentaglio la sua reputazione con la nuova tecnologia di visualizzazione. Pertanto, è probabile che i televisori QD-OLED abbiano una lunga durata.

La prima macchina con la nuova tecnologia QD-OLED di Samsung è il Dell Alienware AW3423DW. c’t 3003 mostra i punti di forza e di debolezza del monitor da gioco AW3423DW nel video.


(Regno Unito)

alla home page

READ  Overclocking: Ryzen 9 7950X sta già stabilendo record