Aprile 18, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cooperazione strategica: gli Stati Uniti forniscono all’Australia sottomarini nucleari

Cooperazione strategica: gli Stati Uniti forniscono all’Australia sottomarini nucleari

Stato: 14/03/2023 03:22

Gli Stati Uniti vogliono consegnare all’Australia fino a cinque sottomarini a propulsione nucleare. Mira a controbilanciare l’accumulo cinese nella regione. A lungo termine, entrambi i paesi vogliono anche sviluppare un modello congiunto con la Gran Bretagna.

L’Australia vuole acquistare fino a cinque sottomarini nucleari dagli Stati Uniti e, a lungo termine, costruire una nuova generazione di sottomarini nucleari insieme a Stati Uniti e Gran Bretagna.

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha parlato in un incontro con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il primo ministro britannico Rishi Sunak a San Diego, in California, del “più grande investimento singolo nella capacità di difesa australiana di tutta la nostra storia”.

Biden ha affermato che gli Stati Uniti hanno assicurato la stabilità nella regione indo-pacifica per decenni. Un’alleanza di sottomarini nucleari con Australia e Gran Bretagna “aumenterà le prospettive di pace per decenni”. “Questi sottomarini sono a propulsione nucleare e non dotati di armi nucleari”, ha sottolineato.

Considera come parte di un’alleanza di sicurezza

L’accordo sottomarino fa parte dell’alleanza di sicurezza Aukus Indo-Pacific che Australia, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno formato un anno e mezzo fa in risposta al crescente dominio della Cina nella regione.

In particolare, l’Australia vuole acquistare tre sottomarini armati convenzionalmente di classe Virginia dagli Stati Uniti. È prevista anche un’opzione per l’acquisto di altri due sottomarini. I sottomarini statunitensi dovrebbero essere consegnati negli anni ’30.

Inoltre, Australia, Stati Uniti e Gran Bretagna vogliono costruire insieme una nuova generazione di sottomarini nucleari. Anche queste dovrebbero essere a propulsione nucleare, ma armate convenzionalmente. Il progetto, che si basa su un modello di sottomarino britannico, si chiama SSN-Aukus. La Gran Bretagna dovrebbe consegnare il primo di questi sottomarini alla Marina britannica alla fine degli anni ’30 e l’Australia il suo primo sottomarino alla Marina australiana all’inizio degli anni ’40.

L’estradizione americana aveva irritato la Francia

I tre paesi hanno stabilito l’alleanza Aukus nel settembre 2021. Ora Biden, Albanese e Sunak si sono incontrati in una base navale a San Diego e hanno annunciato l’accordo sui sottomarini nucleari. In una dichiarazione congiunta, hanno affermato che l’alleanza è impegnata per un “Indo-Pacifico libero e aperto” caratterizzato da “sicurezza e stabilità”.

L’Australia vuole modernizzare la sua flotta con sottomarini a propulsione nucleare. L’accordo è molto importante per l’Australia perché il paese stesso non ha le competenze per costruire sottomarini nucleari. I sottomarini a propulsione nucleare possono percorrere lunghe distanze e sono difficili da localizzare per il nemico. Nel corso della fondazione di Aukus, l’Australia ha annullato un accordo sottomarino multimiliardario a lungo pianificato con la Francia. Ciò ha portato a reazioni rabbiose da parte del governo francese e ha temporaneamente messo a dura prova le relazioni tra Parigi e Washington.

Con l’accordo Aukus, Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia vogliono contrastare la crescente influenza della Cina nel Sud Pacifico. La regione sta diventando sempre più un’arena di competizione tra Cina e Stati Uniti. Pechino sta cercando da tempo di stabilire una maggiore presenza militare, politica ed economica nel Sud Pacifico. La Cina ha fortemente criticato l’alleanza Ocos. Il governo di Pechino lo descrive come “pericoloso” e un tentativo di mettere all’angolo la Cina.

Stati Uniti, Regno Unito e Australia accettano l’accordo sui sottomarini

Nina Barth, ARD Washington, 14 marzo 2023 5:58