Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con questi accordi l’Italia vuole fermare gli immigrati dal Nord Africa

Con questi accordi l’Italia vuole fermare gli immigrati dal Nord Africa
  1. Pagina iniziale
  2. Politica

Creato da:

Il primo ministro italiano Meloni vuole offrire forniture di gas ai paesi di origine del Nord Africa se l’immigrazione sarà controllata più strettamente. C’è lo stato di emergenza in Italia mentre l’immigrazione sale.

Questo testo è falso IPPEN.MEDIA Come parte di una collaborazione con Riepilogo professionale della tabella Europa Prima – lo ha pubblicato per primo Europa.table Il 20 aprile 2023.

ROMA/BERLINO – Dall’11 aprile l’Italia è in stato di emergenza migratoria. Lo ha imposto il governo di destra di Giorgia Meloni dopo che in tre giorni sono sbarcati in Italia più di 3.000 profughi. Il provvedimento, che sarà attuato in tutto il Paese per sei mesi, conferisce al governo poteri straordinari per accelerare il processo di accoglienza o espulsione dei migranti.

L’Italia offre contratti per il gas contro i controlli sull’immigrazione: profughi da Imafen a Salerno © IMAGO/Antonio Balasco

Il primo ministro Maloney vuole dimostrare che sta parlando della questione migratoria. Ma la sua preoccupazione va oltre: vuole attirare l’attenzione e la pressione dell’UE su una responsabilità condivisa per i migranti nella regione del Mediterraneo. Dopotutto, con appena 40.000 richiedenti asilo all’interno dell’UE, l’Italia ha il quarto numero più alto di domande, dietro a paesi significativamente più grandi come Germania e Francia. A causa della sua costa mediterranea, il paese è la prima destinazione nell’UE per molti migranti, anche se si trasferiscono in altri paesi.

Italia: linea dura su migrazione prima Meloni

A livello nazionale, c’è di più nel calcolo di Maloney che dimostrare se stesso ai suoi elettori. Giovanni Orsina, politologo della Louis University, ha ricordato che anche il governo di sinistra di Paolo Gentiloni ha cercato di arginare il flusso di migranti firmando un accordo con il governo libico nel 2017. La Meloni non è arrivata a violare il diritto internazionale respingendo i migranti nel Mediterraneo.

programma.media newsletter

Ottenere 30 giorni di accesso gratuito Per informazioni più esclusive Programma. Brief dell’esperto dei media – Giudizio decisivo nel mondo degli affari, della scienza, della politica, dell’amministrazione e delle organizzazioni di volontariato.

Allo stesso tempo, il rapporto geopolitico con i Paesi nordafricani non è complicato solo per l’Italia: “C’è una competizione informale tra Paesi europei per ottenere contratti energetici con Paesi come Algeria e Libia”, spiega l’esperto di migrazione dell’università Nando Sikona. Birmingham. C’è tutta una serie di interessi politici che in linea di principio non hanno nulla a che fare con l’immigrazione, ma sono comunque legati ad essa.

Italia e Mediterraneo: compromessi tra energia e migrazione

La combinazione di questioni migratorie e necessità di fonti energetiche si sta attualmente manifestando nel cosiddetto Piano Matte in Italia, che Meloni vuole presentare a ottobre. Il progetto prende il nome da Enrico Mattei, il fondatore del colosso energetico Eni. La nuova strategia del governo Meloni per il Mediterraneo punta a fare dell’Italia una potenza e frenare l’immigrazione clandestina. «Nel progetto Mattei si parla sia di accordi sulle risorse energetiche sia di accordi con i Paesi africani su come gestire le migrazioni», dice Sikona.

Il primo viaggio dell’anno di Meloni lo ha quindi portato in Algeria a fine gennaio, seguito da un’altra visita ufficiale in Libia pochi giorni dopo. Meloni è andato in Etiopia la scorsa settimana. Da questi tre Paesi partirà il progetto Mattei con l’aiuto di Eni. Si tratta soprattutto di gas, con cui l’Italia vuole rendersi più indipendente dalla Russia. Questi accordi avevano anche lo scopo di rafforzare l’influenza dell’Italia nei paesi africani.

Anche l’Italia ha bisogno di immigrati

Il politologo Orsina critica l’Italia per aver tentato di trasferire il problema migratorio in Libia o in Tunisia. C’è ipocrisia qui in tutta Europa: “Certi tipi di rifugiati non sono realmente necessari in pubblico”. Cikona insiste: “L’Europa ha bisogno dei migranti, non dal punto di vista umanitario”. Bassa natalità e crisi delle pensioni.

L’ultimo documento di programmazione economica e fiscale dell’Italia, pubblicato la scorsa settimana, mostra lo stesso. Ciò dimostra che minore è il numero di immigrati, maggiore è il debito pubblico italiano. “L’ironia è che un governo di destra riconosce che gli immigrati sono necessari”, dice il politologo Orsina. “Ma non dimentichiamo che questo è un discorso astratto e che il processo di integrazione degli immigrati richiede tempo”.

Meloni: “Facciamo lavorare di più le donne”

Tuttavia, nelle apparizioni pubbliche, come l’apertura del prestigioso Salone del Mobile di martedì, Meloni insiste sul fatto che il problema del lavoro non sarà risolto dalla migrazione – ma che le donne lavorano di più e le famiglie italiane sono incoraggiate ad avere figli: “Facciamo facciamo lavorare di più le donne, poi investiamo sulla natalità».

Poi le domande che sono rilevanti sono: che tipo di immigrati vuole l’Europa, come vuole integrarsi e quali soldi vengono utilizzati per l’integrazione degli immigrati? Durante la sua visita in Polonia lunedì, il presidente italiano Sergio Mattarella ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di una nuova politica di asilo nell’UE che vada oltre le vecchie regole già preistoriche”.

da Isabel Cuesta Camacho per l’Europa. Programma