Maggio 25, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con il suo pacco di soccorso, il semaforo è caduto in molte trappole

Guest article: Economisti comportamentali: con il loro pacchetto di aiuti, il semaforo è caduto in molte trappole

A causa dell’elevata inflazione, il governo federale ha deciso di adottare misure su larga scala, per le imprese e le famiglie. È comprensibile che con una risposta così rapida in una situazione difficile, non tutto stia andando in modo ottimale, ma vale la pena dare un’occhiata più da vicino alle misure, perché mostra anche come fattori psicologici, soprattutto in Germania, portino spesso a politiche poco mirate .

Per i collegamenti in questa pagina, FOCUS Online potrebbe ricevere una commissione dal rivenditore, ad esempio con segnato. Maggiori informazioni

O no aura E ora la guerra in Ucraina: l’economia tedesca e molti cittadini gemono per le conseguenze finanziarie di questo doppio smacco. Aumentano i prezzi del gas naturale, del gasolio e della benzina, così come del grano e di altri generi alimentari. Di conseguenza, l’inflazione sale a livelli senza precedenti.

Il governo federale ha deciso di adottare misure su larga scala – per le imprese e le famiglie. È comprensibile che con una risposta così rapida in una situazione difficile, non tutto stia andando in modo ottimale, ma vale la pena dare un’occhiata più da vicino alle misure, perché mostra anche come fattori psicologici, soprattutto in Germania, portino spesso a politiche poco mirate .

Per le aziende, “troppo grande per fallire” gioca un ruolo

Diamo prima un’occhiata al pacchetto di aiuti per le imprese. Dal punto di vista economico avrebbe sicuramente senso aiutare le imprese in emergenza se una crisi non potesse essere tutelata, ad esempio perché nessuno si aspettava una crisi, o se i core business dell’economia potessero trovarsi in difficoltà in qualche altro modo (“più grande” di fallire”).

A proposito di esperti

Il Dr. Mei Wang è Professore di Economia Comportamentale presso la WHU – Otto Beisheim School of Management, una delle principali business school tedesche.

Il dottor Mark Oliver Rieger è un matematico e professore di finanza tedesco. Dal 2010 è Professore Ordinario di Banca e Finanza presso l’Università di Treviri.

Il governo utilizza l’argomento del “fallimento troppo grande” per quanto riguarda le linee di credito a breve termine KfW Offerta alle aziende energetiche. Puoi capirlo da un punto di vista economico. Nelle azioni aggiuntive, tuttavia, l’argomento della crisi inaspettata gioca un ruolo, ma resiste davvero alla prova?

Le imprese beneficiano di aiuti di Stato

Il rapido aumento dei prezzi di alcune materie prime non era affatto unico in quanto non ci si aspettava che le imprese si proteggessero da tali fluttuazioni di prezzo. Nel 2007/2008, ad esempio, si sono verificati aumenti di prezzo simili. Se lo stato aiuta in tali situazioni, le aziende sono incoraggiate a fare meno gestione del rischio in futuro e preferiscono utilizzare le riserve detenute in questo modo altrove, ad esempio per realizzare profitti maggiori. Non devi essere un socialista per pensare che sia un male.

Inoltre, le misure di sgravio corrispondenti riguardano solo le imprese dei settori ad alta intensità energetica e commerciale e alcune misure si concentrano su settori molto specifici, in particolare chimica, vetro e acciaio. Concretamente, questo significa che lo Stato decide quali aree sono particolarmente colpite. Ovviamente, non sarà sempre così.

Tuttavia, significa anche che alcuni settori protetti dallo Stato hanno meno pressioni all’adattamento rispetto ad altri: non sarà fattibile per un’azienda di questi settori trovare il modo di risparmiare gas, ad esempio, rispetto ad aziende di altri settori. Ciò potrebbe significare che i risparmi non vengono risparmiati dove è più facile, ma dove lo stato aiuta meno.

I pagamenti una tantum non sono efficaci, ma ne siamo in parte responsabili

Ma più problematiche delle misure di sostegno alle imprese sono quelle per alleggerire il peso dei cittadini: è qui che può entrare in gioco la proverbiale irrigazione. Dipendenti e figli ricevono un importo fisso una tantum per compensare l’aumento dei costi di riscaldamento. Quindi è chiaro che solo una piccola parte di esso arriva effettivamente dove ha senso, cioè con coloro che altrimenti dovrebbero congelarsi.

La tua vita quotidiana consiste solo nel risparmio?

Il tasso di inflazione della Germania è più alto di quanto non sia stato in 40 anni. Quindi FOCUS Online chiede: la tua vita quotidiana consiste solo di risparmi? Devi davvero spendere ogni centesimo e cercare costantemente modi per guadagnarti da vivere? Vogliamo raccontare la tua storia. Scriveteci a [email protected] Descrivici in a E-mail Descrivi brevemente la tua situazione e scrivici anche quando potremo contattarti telefonicamente nei prossimi giorni. Molte grazie!

Siamo onesti: la stragrande maggioranza dei cittadini sentirà il dolore dell’aumento dei costi, ma non ne risentirà. Un regalo dello Stato di 300 euro (+100 euro a bambino) è accettato volentieri, ma non serve a prevenire vere sofferenze.

I politici ovviamente non sono così stupidi come la gente ama essere filmata. Allora perché distribuiscono il denaro in modo poco mirato? È qui che entra in gioco la psicologia: supponiamo che il governo paghi solo un’indennità fissa per il riscaldamento a coloro che ne hanno bisogno. Ma chi è “bisognoso” non può essere determinato con precisione. C’è sempre qualcuno che non ottiene l’affare ma ne ha bisogno un po’ più di qualcun altro che lo ottiene.

Sulla base di tali singoli esempi, si potrebbe quindi definire la misura come “ingiusta”. Nella nostra società, dove la giustizia è spesso intesa come giustizia individuale e uguaglianza, questo sarebbe fatale per i politici. Anche noi, come cittadini, siamo in parte colpevoli se i politici evitano questo problema e preferiscono distribuire denaro usando un annaffiatoio.

Trappole psicologiche per aiutare

Un’altra trappola psicologica attende l’abbassamento della tassa sull’energia: il massiccio taglio delle tasse di 29,55 cent/litro compenserà ampiamente il precedente aumento dei prezzi della benzina di circa 30 cent/litro dovuto alla guerra in Ucraina. Ciò elimina in gran parte l’attuale incentivo a risparmiare carburante. Questo è un problema, perché ovviamente sarebbe meglio per tutti noi se i consumi diminuissero.

(annuncio)

Sfoglia il divano In Russia: Come mi sono avvicinato a Putin

Tuttavia, ritirarsi da questo provvedimento sarà più difficile: l’aumento della tassa sull’energia, che porterà poi a un balzo del prezzo della benzina, diventerà del tutto impopolare. Sappiamo dalla psicologia che le persone vedono le perdite molto più potenti dei guadagni. Quindi non sarà facile per i politici porre fine di nuovo a questa misura.

Il trasporto pubblico è affollato: un biglietto da 9 euro può essere sprecato

Lo sconto sui mezzi pubblici in alternativa all’auto sembra offrire una via d’uscita, il biglietto da 9€ non arriva comunque? Purtroppo il biglietto da 9 euro è anche un tipico esempio di provvedimento bonario del governo i cui effetti sono alquanto dubbi: chi usa comunque i mezzi pubblici, risparmia semplicemente e usa di più il treno Per viaggiare E forse più autobus invece che in bicicletta. Se non usi i mezzi pubblici perché non ci sono mezzi di trasporto convenienti per te, non potrai cambiarli anche se l’autobus e il treno diventano improvvisamente quasi gratuiti.

Ciò ridurrà solo il numero di viaggi in auto per coloro che in precedenza evitavano i trasporti pubblici per motivi di costo. Tuttavia, poiché l’offerta non si amplia contemporaneamente, nel peggiore dei casi le prime esperienze con autobus e treni sono negative: se sono completamente affollate grazie ai prezzi bassi.

Infine, al termine dei tre mesi, il prezzo sale al livello precedente, chiaramente percepito come una perdita. La conclusione è che una riduzione dei costi più moderata ma duratura e più soldi per espandere i trasporti pubblici sarebbero sicuramente l’alternativa migliore. Ma sarà più noioso e meno popolare.

Conclusione: non tutto ciò che sembra buono a prima vista è anche ben pensato

In breve: non tutto ciò che sembra buono a prima vista è anche ben congegnato. Molti moderni pacchetti di soccorso seguono il principio degli annaffiatoi: il denaro viene speso, ma non va necessariamente dove è effettivamente necessario.

La psicologia gioca spesso un ruolo cruciale qui, perché alla fine noi elettorato siamo solo umani e non valutiamo ogni azione razionalmente. I politici se lo aspettano e solo media di alta qualità possono aiutare a superare questa situazione sottolineando gli aspetti problematici di azioni governative apparentemente attraenti.

Altri lettori sono interessati anche a:

Aldi, Lidl, Neto: come lo sconto ora trae vantaggio dalla turboinflazione