Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Come l'Italia – solo senza sole, spiaggia e Mediterraneo”

“Come l'Italia – solo senza sole, spiaggia e Mediterraneo”

Non è uno di quelli che credono nella sua professione. Daniel Stelter è un economista che analizza sempre la situazione economica in modo acuto e spietato, sia come consulente, editorialista o podcaster. In un'intervista alla “Schwäbische Zeitung” l'economista guarda al prossimo anno la Germania come destinazione economica e descrive le sue principali preoccupazioni al riguardo.

Sig. Stelter, qual è la situazione in Germania a fine 2023? Sei preoccupato?

A chi non importa della Germania oggigiorno? I fallimenti degli ultimi decenni, le priorità disallineate della politica attuale e il difficile contesto internazionale hanno creato una situazione mista in cui ci si dovrebbe certamente preoccupare per la Germania.

Cosa c'è che non va?

Un esempio molto buono, ma davvero pessimo, sono i recenti risultati del penny. Un tempo soprattutto il Baden-Württemberg era all'avanguardia nel campo dell'istruzione. Ora la federazione ha registrato il calo più marcato tra gli stati. La Germania è complessivamente in declino per quanto riguarda l’istruzione.

Più cantieri?

Facciamo fatica a integrare gli immigrati. Abbiamo infrastrutture scadenti, burocrazia eccessiva, prezzi dell’energia molto alti e molti altri problemi. È chiaro che ci mancano la forza e la volontà per risolvere radicalmente i nostri problemi.

Come potrebbe essere possibile, soprattutto quando si tratta di istruzione?

Da tempo incontriamo grandi difficoltà nell’integrare e sostenere i bambini provenienti da contesti educativamente svantaggiati nel nostro sistema scolastico. La risposta politica a ciò ha continuato ad abbassare gli standard di prestazione nel corso degli anni. Questa crescita è stata accelerata dalla massiccia immigrazione negli ultimi dieci anni. A differenza di altri paesi, non abbiamo un processo di selezione per gli immigrati. Invece gli immigrati scelgono noi. Se ti concentri sull’immigrazione qualificata, in seguito otterrai bambini e lavoratori più qualificati. Se, come nel nostro caso, si prendono in considerazione soprattutto gli immigrati non istruiti, il problema si complica.

Cosa fare?

Bisognerebbe investire di più nell’istruzione. Tutti i bambini immigrati devono andare immediatamente all'asilo e imparare il tedesco. Non è stato fatto nulla al riguardo. Ora stiamo vedendo il risultato di questi fallimenti. Correggere questi errori è molto difficile.

I politici capiranno la necessità di agire?

Se si legge l'accordo di coalizione di governo a semaforo, i temi giusti vengono già affrontati: digitalizzazione, migliore immigrazione e così via. Ma le risposte del governo centrale a queste sfide sono spesso ideologiche. Quindi dobbiamo ridistribuire di più, aumentare il debito o modellare la politica climatica in un certo modo. Non c’è nessuno che riconosca che la Germania è soggetta a restaurazione.

Perché?

Manca lo stress della sofferenza. Se le aziende chiudessero o trasferissero la produzione dalla Germania, ciò non sarebbe considerato una cosa negativa perché c’è già una carenza di manodopera a causa della popolazione. Ciò significa che la disoccupazione in Germania non è aumentata. Inoltre, copriamo tutti i difetti con i soldi e facciamo finta che tutto vada bene.

Ma la situazione è poi così grave se la disoccupazione non è aumentata affatto?

Sì, perché stiamo sistematicamente distruggendo le basi della nostra prosperità. Un problema centrale è che le cose in passato hanno sempre funzionato in qualche modo. Ma non riusciamo a riconoscere che la situazione questa volta è completamente diversa rispetto a 20 anni fa. Allora i baby boomer avevano circa 40 anni, ora sono 60. Ciò significa che hanno potuto davvero iniziare, ma ora sono tutti sul punto di andare in pensione. Inoltre, la concorrenza globale è diventata più intensa.

Viviamo al di sopra delle nostre possibilità?

Se si considera esclusivamente il livello del debito della Germania, no. Abbiamo meno debito della maggior parte dei nostri vicini europei. Ma ci sono enormi responsabilità nascoste che non manteniamo: promesse di pensioni future, future pensioni, futura assistenza sanitaria. Se si tiene conto di ciò, negli ultimi decenni abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità.

Dovremmo risparmiare adesso?

Anche questo non ha senso. Perché altri paesi con cui condividiamo la nostra valuta hanno vissuto ben al di sopra delle proprie possibilità. Se salviamo ora, questi paesi non lo faranno ancora. Quindi, se altri – compresa la BCE – continuano a fornire denaro, non ha senso elaborare un bilancio adeguato.

È un appello ad allentare il tetto del debito?

Sì, dobbiamo allentare il tetto del debito perché non si stanno realizzando risparmi in tutta l’area dell’euro. Chi si salva da solo è uno stolto. La cosa amara è che i politici hanno avuto abbastanza soldi negli ultimi 20 anni. Ma non ha investito nella digitalizzazione, nell’istruzione e nelle infrastrutture, bensì in doni elettorali e questioni sociali. Se guardiamo allo stato sociale, abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità – e continuiamo a farlo. Soprattutto, il governo deve ora spostare le proprie risorse, allontanandole dalla spesa sociale e indirizzandole verso investimenti critici. Ma ciò potrebbe non essere sufficiente, motivo per cui potresti finire per contrarre più debiti.

Qual è il problema?

Se si lascia che i politici si assumano nuovamente ulteriori debiti, spenderanno nuovamente i soldi per cose sbagliate: welfare sociale e politica climatica che hanno poco senso. Una volta allentato il tetto del debito, vedremo come i politici sprecheranno nuovamente denaro.

Il nostro paese ricco non può spendere di più?

Siamo sempre entusiasti di essere un paese ricco. Ma la verità è che non siamo affatto ricchi come pensiamo di essere. Non abbiamo il successo che pensiamo. In molti settori siamo un esempio deterrente per altri paesi.

Per esempio?

Nonostante investimenti pari a 1.000 miliardi di euro, la nostra politica energetica porta a costi più elevati dell’elettricità e a maggiori emissioni di CO2. Nonostante le entrate statali e i tassi di interesse pari a zero fino alla crisi del Corona, la nostra infrastruttura analogica e digitale è in pessime condizioni. Anche se gli insegnanti sono pagati sopra la media, il nostro sistema educativo produce molti svantaggiati.

Recentemente lei ha affermato che la Germania aveva ancora tre anni per riorganizzarsi e salvare la prosperità. Che ne dici?

Ha a che fare con la popolazione. Man mano che i baby boomer si avvicinano alla pensione, le riforme diventano più difficili. Inoltre, le industrie che se ne vanno a causa dei costi energetici potrebbero non tornare mai più. Se non riformiamo radicalmente il sistema educativo, creeremo una generazione giovane che non sarà più in grado di contribuire a una crescita economica positiva. La finestra di opportunità è troppo breve e si chiuderà senza che vengano attuate riforme.

Cosa significa per il nostro Paese?

La Germania non crollerà di colpo. Invece, sperimenteremo un declino costante come in Italia da circa 20 anni: nessuna crescita ed emigrazione delle persone più istruite. Le nostre risorse stanno diminuendo. Già oggi siamo crollati drasticamente, rispetto, ad esempio, agli Stati Uniti. Stiamo rimanendo sempre più indietro in termini di prosperità. Uno studio afferma che tra vent’anni – se le cose continuano così – il divario tra noi e l’America sarà grande quanto il divario tra noi e l’India oggi.

Un altro governo potrebbe fare di meglio?

Va detto che la Cancelliera Angela Merkel non sta facendo un ottimo lavoro e che i semafori ora peggiorano le cose. Ma non è solo colpa della politica, è in gran parte colpa nostra, se noi cittadini permettiamo che tutto ciò accada e annuiamo. I politici vogliono essere eletti e quindi fare promesse significative: noi ne siamo convinti.

Noi cittadini siamo diventati troppo pigri e pigri? Se pensi alle idee della Generazione Z o alle rivendicazioni di alcuni sindacati…

Inutile dire che ero noioso. Ma molti non riescono a capire quanto sia cattivo il nostro Paese e quali massicci cambiamenti di comportamento siano necessari per sostenere la nostra prosperità.

Il denaro dei cittadini presto aumenterà del dodici per cento. Molte persone laboriose trovano questo difficile da capire. La politica non rende più attraente non lavorare?

SÌ. Dobbiamo fornire forti incentivi per intraprendere il lavoro. La pace sociale viene usata come argomento a favore del denaro dei cittadini. Sono fermamente convinto che se i lavoratori si sentono sovraccarichi, ciò metterà in pericolo la pace sociale. Tutti gli aspetti sensati delle riforme Hartz di Gerhard Schröder sono stati purtroppo accantonati dai politici.

Cosa bisogna fare con più urgenza per cambiare le cose?

Gli standard di prestazione nel sistema educativo dovrebbero essere elevati, non abbassati. Si tratta di “competenze di base”, che significa matematica, matematica, matematica e tedesco, tedesco, tedesco. Andrebbe migliorata anche la formazione professionale. Non tutti devono diplomarsi al liceo. Dobbiamo anche considerare l’efficacia e l’efficienza della politica climatica e, infine, smettere di credere che possiamo permetterci tutto. Dobbiamo intraprendere azioni che facciano davvero la differenza.

Inoltre, dobbiamo migliorare le condizioni strutturali riducendo la burocrazia. Il nuovo regolamento prevede la rimozione di cinque vecchi. È importante investire urgentemente nelle infrastrutture e nella digitalizzazione e gestire meglio l’immigrazione affinché arrivino da noi persone qualificate. Dobbiamo sfidare coloro che sono già qui e che partecipano anche al mercato del lavoro.

Come sarà la Germania tra cinque anni?

Nella migliore delle ipotesi, abbiamo una politica di continua attuazione delle riforme. Stiamo andando ancora una volta molto bene nella classifica del Pisa. Abbiamo prezzi energetici bassi. Abbiamo posto fine alla politica radicale nell’approvvigionamento energetico. Due o tre centrali nucleari torneranno in funzione. Abbiamo investito molto nelle infrastrutture e nella digitalizzazione, ridotto la burocrazia e riformato le tasse, mantenendo così un’importante industria nel paese.

E la situazione negativa?

Sfortunatamente, è più probabile che ciò accada. Non è successo molto in questa situazione. Abbiamo enormi disparità di approvvigionamento e enormi problemi di coordinamento nel paese. Le principali industrie che un tempo erano importanti non sono più rappresentate. La Germania divenne poi come l'Italia, solo senza il buon umore degli italiani, il buon cibo, il sole, le spiagge e il Mediterraneo.