Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come l’acqua si muove nell’universo: lo studio rivela nuovi dettagli

Come l’acqua si muove nell’universo: lo studio rivela nuovi dettagli
  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Un disco di materiale formato attorno alla stella V883 Orionis, dove si formano pianeti, comete e asteroidi. (rendering dell’artista) © ESO / L. Calzada

Come ha fatto l’acqua a raggiungere la terra? Un nuovo studio trova l’anello mancante e traccia il viaggio dell’acqua attraverso l’universo.

Charlottesville – Come è arrivata l’acqua a terra? La questione è vecchia, ma non ancora del tutto risolta. I ricercatori notano che l’acqua si conserva quando le giovani stelle si formano in nubi dense nello spazio. La relazione tra comete e pianeti è già stata osservata. Ma manca ancora il collegamento: come fa l’acqua ad arrivare dalle giovani stelle alle comete?

“Possiamo vedere il percorso dell’acqua attraverso l’universo come un percorso”, spiega l’astronomo John Tobin.”Conosciamo il punto finale, che è l’acqua sui pianeti e nelle comete. Ma vogliamo tracciare il percorso fino agli inizi dell’acqua .” nel diario natura pubblicato.

Come l’acqua nell’universo si sposta dalle stelle alle comete e ai pianeti

“Finora siamo stati in grado di collegare la Terra alle comete e le protostelle al mezzo interstellare. Ma non siamo stati in grado di collegare le protostelle alle comete”, afferma il ricercatore, il cui studio ha ora cambiato le cose. Lavorando con un gruppo di ricerca, Tobin ha dato un’occhiata più da vicino alla protostella V883 Orionis nella costellazione di Orione. La stella originata dalla Terra dista circa 1.300 anni luce ed è circondata da un disco di materiale da cui alla fine si formano comete, asteroidi e pianeti.

“V883 Orionis è l’anello mancante in questo caso”, spiega Tobin. Il ricercatore è sicuro: “Ora possiamo far risalire le origini dell’acqua nel nostro sistema solare al tempo prima della formazione del sole”. Con l’aiuto del telescopio ALMA in Cile, il gruppo di ricerca di Tobin fa esaminare l’acqua gassosa nel disco circostante Protostar.

Il viaggio dell'acqua nell'universo: una nuvola di gas, in cui è presente anche l'acqua, collassa in una stella.  Attorno a questo si forma una nuvola di materiale, che contiene anche acqua.  Pianeti, asteroidi e comete si formano in questa nuvola: è così che l'acqua migra attraverso lo spazio.  (mostra d'artista)
Il viaggio dell’acqua nell’universo: una nuvola di gas, in cui è presente anche l’acqua, collassa in una stella. Attorno a questo si forma una nuvola di materiale, che contiene anche acqua. Pianeti, asteroidi e comete si formano in questa nuvola: è così che l’acqua migra attraverso lo spazio. (rendering dell’artista) © ESO / L. Calzada

Un nuovo studio traccia il percorso dell’acqua attraverso l’universo

Infatti, l’acqua porta una firma chimica che spiega il percorso dell’acqua dalle nuvole, da cui si formano le stelle, ai pianeti. “La composizione dell’acqua nel disco è molto simile a quella delle comete nel nostro sistema solare”, spiega Tobin in uno comunicazione E continua: “Questo conferma l’idea che l’acqua nei sistemi planetari abbia avuto origine miliardi di anni fa, prima della formazione del sole”, conclude il ricercatore.

bollettino satellitare

Iscriviti alla newsletter dello spazio gratuito e rimani informato.

Tuttavia, l’osservazione dell’acqua si è rivelata molto difficile, ricorda la coautrice Margot Lemker dell’Osservatorio di Leida nei Paesi Bassi. “La maggior parte dell’acqua nei dischi che formano il pianeta è congelata come il ghiaccio, quindi normalmente non è visibile a noi”, spiega il ricercatore. D’altra parte, si può osservare l’acqua gassata, ma si trova principalmente nella parte interna del disco, dove è più calda – e il disco polveroso si intromette.

Protostar V883 Orionis aiuta a risolvere il mistero dell’acqua

Ma uno studio pubblicato di recente mostra che il disco attorno a V883 Orionis è insolitamente caldo. La stella riscalda il disco “a una temperatura in cui l’acqua non è più congelata ma gassosa, permettendoci di osservarla”, dice Tobin.

Il suo coautore Merel van ‘t Hoff riassume i risultati dello studio nel messaggio Insieme: “Ciò significa che l’acqua nel nostro sistema solare si è formata molto prima del sole, dei pianeti e delle comete”. I ricercatori sapevano già che c’è molto ghiaccio d’acqua nello spazio interstellare. “I nostri risultati mostrano che quest’acqua è stata risucchiata direttamente nel sistema solare durante la sua formazione”, ha detto l’astronomo dell’Università del Michigan. “Questo è eccitante perché indica che anche altri sistemi planetari avrebbero dovuto ricevere quantità significative di acqua”. (scheda)