Maggio 19, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come analizza Wolff la crisi Mercedes?

(Motorsport-Total.com) – Quando la Mercedes annuncia dopo il quinto e il sesto posto nella terza sessione di qualifiche della stagione di aver “sovraperformato” e normalmente dovrebbe trovarsi in P8/9, allora gli eterni ottimisti iniziano lentamente a rendersi conto: 2022 per il nona stagione, la vittoria è Almeno un campionato del mondo è sempre più improbabile.

Toto Wolff si rende conto che la Mercedes starà lontana dalla Coppa del Mondo 2022

Ingrandisci

Cominciò a intravedere uno scorcio di Toto Wolff. Anche dopo la terza sessione di prove libere di Melbourne (la gara è domenica dalle 7:00 in diretta di Formula 1), ha detto che il campionato del mondo “non dovrebbe mai essere cancellato”, perché: “L’abbiamo visto alla Red Bull: un doppio fallimento e hai zero punti”. Questo può succedere anche agli adulti in testa”.

Perché anche se F1 W13 E Performance è finora indietro rispetto a Ferrari e Red Bull, il punteggio sembra amichevole a metà strada. Nel campionato costruttori la Mercedes è seconda con 38 punti, un punto dietro la Red Bull e 40 dietro la Ferrari. E nella classifica piloti, George Russell è a 23 punti dal leader Charles Leclerc.

Con 21 gare rimaste, è qualcosa su cui prendere piede. Wolff dopo la FT3 a Melbourne: “Anche l’anno scorso non siamo stati assolutamente competitivi fino a metà anno. Allora stavamo ancora lottando per il campionato. Questa è una gara, non solo una scienza. E quello che facciamo è importante per gli anni a venire”.

Wolff dice: è quasi impossibile vincere la Coppa del Mondo

Dopo le qualifiche, in cui Leclerc ha portato al primo posto davanti a Max Verstappen, il capo del team Mercedes si è sentito più realistico: “Alla fine della giornata, probabilmente non saremo in grado di lottare per il titolo mondiale quest’anno perché è quello che Wolff dice dentro Intervista a “Cielo”. (AD: Prendi subito il tuo biglietto Sky e guarda il Gran Premio d’Australia 2022 dal vivo domenica con Lewis Hamilton quinto!)

La realizzazione fa male. Dopo l’amara sconfitta ai Mondiali di Abu Dhabi 2021, il piano principale era che Hamilton vincesse il suo ottavo titolo nel 2022 e superasse Michael Schumacher per la classifica di tutti i tempi. Non sembra così con 16 punti in due gare. Hamilton sta prendendo la situazione “davvero positivamente”: “Non è il suo ultimo anno”, dice Wolff.

Hamilton (37) ha un contratto fino alla fine del 2023. Anche se non funziona nel 2022, ha comunque almeno una possibilità di segnare Schumacher. “Dobbiamo solo vedere questi giorni e questi fine settimana come un test per portare la macchina così lontano da esserci sicuramente l’anno prossimo”, afferma Wolff.

READ  F1 Live Tape: decisione per la Coppa del Mondo per caso?

Intervista al giocatore leggendario a 0:9 dall’Austria

Queste sono sfumature completamente nuove, avendo sempre pregato che la Mercedes non volesse cancellare prematuramente la lotta per il Campionato del Mondo 2022. Nel frattempo, anche lo stesso Wolff fa riferimento a una leggendaria intervista televisiva rilasciata da un calciatore austriaco quando gli viene chiesto se stia pian piano stringendo amicizia con l’idea di rinunciare al titolo.

E la nazionale austriaca ha perso 9-0 contro la Spagna in una partita a Valencia nel 1999. Nel primo tempo era già 0:5. Quando nel primo tempo è stato chiesto al difensore centrale Toni Pfeffer cosa fosse ancora possibile, ha risposto: “ Non vinceremo mai, questo è Amoy mangia”. Allo stesso modo: questo gioco non può essere vinto ad alto livello.

Wolff: “Se guardi la situazione da un punto di vista sportivo, direi che le quote sono 20:80. D’altra parte, il motorsport, tutto ciò che può accadere negli sport motoristici. Le squadre possono tirare e noi improvvisamente possiamo capovolgere l’interruttore e la probabilità dice il corridore dentro di me: 40: 60. Ma matematicamente, le probabilità sono peggiori”.

“Siamo solo alla terza gara del fine settimana della stagione. Non rinunceremo a quel titolo. Ma questo, devi essere realistico, è il nostro status quo per quello che è. Siamo sette decimi in meno, Wolff fa notare il punteggio di qualificazione, e anche lo abbellisce ancora. Involontariamente: infatti, mancava un secondo intero nelle qualifiche di Melbourne.

Wurz: non vincere prima di “metà anno”

Troppo per aspettarsi una rapida inversione di tendenza. “Ci vorrà sicuramente fino alla metà dell’anno”, teme l’esperto ORF Alexander Wurz. Wolf scuote la testa: “Devo cambiare ora l’orizzonte dei tempi e non sperare in miracoli a breve termine. […] Non si tratta di una sessione di fine settimana o di una gara. Ora è il momento per le prossime settimane, due mesi, di fare davvero un passo avanti”.

Anche con il pacchetto attuale, senza un aggiornamento importante, puoi continuare a lavorare sulla sospensione della ruota posteriore, ad esempio, per “mettere di nuovo più pressione sulle gomme posteriori”, afferma Wolff, identificando uno dei problemi. Mercedes era un “cannibale”. I tempi che desideri sono adesso.

Per Wurz, data la sua posizione da titolare dopo tre sessioni di qualificazione nella stagione 2022, la Mercedes è un “giocatore esterno assoluto. Devono trovare la strada per aggirarlo. È un nuovo lavoro. Sono sempre stati i migliori per otto anni – e ora sono improvvisamente in una posizione diversa”. Ma penso che se la squadra può svilupparsi rapidamente, bene e in modo mirato, allora Mercedes”.

READ  Dichiarazione speciale controversa: l'Australia rifiuta l'ingresso a Djokovic

C’era molto ottimismo dopo l’introduzione del W13 con le “zero capsule”, i pod laterali che non esistono più. E il concetto di side-box rimane indiscusso: “Sulla carta, è incredibilmente veloce e buono. In realtà, l’auto non funziona meccanicamente e dinamicamente”, spiega Wolf Emme Intervista a “Cielo”.

Collegamento della pista della galleria del vento non funzionante

“La nostra macchina è veloce sulla carta, ma non si traduce in azione in pista. Quello che vediamo in termini di prestazioni in galleria del vento e nelle nostre simulazioni non si traduce affatto nel mondo reale. Questa è una novità situazione per noi che dobbiamo capire”.

Non ci sono strade prestabilite: “Si impara solo con la macchina in pista. In questo modo possiamo cercare di capire questa disconnessione. Non abbiamo altra scelta. Dobbiamo guardare ai weekend di gara come test dal vivo. Provare cose che a volte non lo sono. t veloce come il tempo. .e accetta con la necessaria umiltà che gli altri hanno fatto davvero un buon lavoro.

Perché una cosa è chiara: anche se Russell ha recentemente affermato che il 90 percento di tutti i problemi della Mercedes viene risolto quando la W13 passa sotto il controllo delle “focene” e non salta più come un pazzo coniglietto pasquale, rendendo il comportamento di guida completamente imprevedibile, altri ha anche “focene” – e sono ancora più veloci.

“Questo è un buon punto,” Wolf annuì. “Il nostro rimbalzo è peggiore in quanto lo prendiamo anche nelle curve veloci. Possiamo vedere dove stiamo perdendo prestazioni. Se sovrapponiamo i dati, siamo abbastanza competitivi nel settore uno. E anche nel settore due. Ma alla curva 9/ 10 e round 12 stiamo strappando l’intero divario.” …quasi un secondo su due curve.”

Wolf: “The Pig” da solo non richiede un secondo

“Possiamo scatenare improvvisamente un secondo con ‘rinculo’ in modo sovrumano? No, assolutamente no. Ma c’è molto altro potenziale di miglioramento. Ad esempio il peso. Dobbiamo migliorare tutto, come in Formula 1. E capire il macchina migliore allo stesso tempo Sono ottimista sul fatto che alla fine ci arriveremo.

“Non posso prevedere se riusciremo a farlo in due gare o in cinque o solo alla fine della stagione. Ma dobbiamo rimanere umili. Il mio orizzonte temporale è cambiato. Non sto più solo pensando di una gara di questo fine settimana o di una stagione. Sto pensando ai prossimi dieci anni. Ci saranno anche anni peggiori. Questa è una di quelle cose in questo momento”.

READ  Operazione d'urgenza alla testa: il percorso del campione del mondo di ciclismo dopo essere caduto in coma

La Red Bull, tra tutte, lo acclama: “Hanno guidato la loro macchina giorno per giorno con l’aggiornamento nei test del Bahrain”. Nonostante tutto, la chiave è la “caccia alle focene”. Questo è difficile da emulare in fabbrica perché ci sono limiti alle frequenze a cui opera la galleria del vento, rivela Wolf.


Perché infuriare Sainz e il triste palo di Alonso!

Carlos Sainz è convinto che la Ferrari gli abbia rubato la pole. Con Alonso faceva l’idraulica. E così alla fine ha prevalso Leclerc. Altri video di Formula 1

“E in pista, l’auto fa qualcosa di completamente diverso”, sospira. “Ha bisogno di un nuovo modo per analizzare i nostri dati meteorologici. È un nuovo modo per collegare le simulazioni al mondo reale. Dobbiamo prima capirlo. Ma abbiamo gli strumenti e le persone per capirlo. Tuttavia, non l’abbiamo trovato fuori.”

Motore: solo Mercedes numero 3?

Tuttavia, Wolff non ha dubbi sul fatto che la Mercedes sia ora solo la numero 3 dietro Ferrari e Honda in termini di trasmissione. Le impostazioni delle ali, le “focene” e simili hanno finora distorto molto le valutazioni della velocità massima, nega.

Ma è anche chiaro: “Molte brave persone hanno lasciato la Mercedes”, afferma l’esperto di “Sky” Ralf Schumacher, il che significa, ad esempio, l’ex capo motore Andy Coyle o circa 50 dipendenti che sono stati derubati dalla Red Bull Powertrains. Schumacher: “Ovviamente erano molto importanti. Potrebbe volerci del tempo prima che la squadra riesca a rimettersi in sesto”.

Ma Wolff pensa che sia ridicolo per mezzo secondo venire solo dal motore: “Non è tanto. Riguarda anche la resistenza aerodinamica. Penso che la Ferrari abbia fatto un grande passo dal 2021 al 2022. Un passo, abbiamo’ L’ho messo insieme negli ultimi 10 anni, ma non c’è così tanto tra noi, Honda e Renault”.

Di conseguenza, sono le piccole cose in molte aree che si accumulano. “Abbiamo disputato tre gare senza progressi”, ha detto Lewis Hamilton, perplesso. “Ci vuole tempo per costruire nuove parti. Per quanto ne so, non abbiamo nulla di entusiasmante in cantiere al momento. Vorrei poter essere più ottimista sulla prossima gara, ma non posso”.