Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Comando del trasporto aereo europeo: condividere gli aerei

unndreas Schick è un maestro di 170 aerei. Aerei molto grandi, infatti, potevano trasportare elicotteri d’attacco e mezzi corazzati. Ma quando la brigata dell’Air Force guarda fuori dalla finestra del suo quartier generale a Eindhoven, sta guardando solo un parcheggio, alberi e un aereo da combattimento dismesso.

Thomas Gotchaker

Corrispondente politico per l’Unione Europea, la NATO ei paesi del Benelux, con sede a Bruxelles.

Ci sono due Hercules minivan e aerei cisterna dietro gli alberi, nella parte militare dell’aeroporto, ovviamente, ma tutto il resto è ben distribuito in tutta Europa. Schick ha macchine a Wunstorf, Bassa Sassonia, a Orleans in Francia, a Saragozza in Spagna, vicino a Roma, in un totale di quindici sedi. In effetti, nessuno di loro gli appartiene. Tuttavia, lo dirige in tutto il mondo per la maggior parte del tempo.

Questa è una delle caratteristiche speciali dell’European Air Transport Command di cui è responsabile il tuo assegno. “Gli stati possono riprendere il controllo completo di ciascuno dei loro aerei in qualsiasi momento, e questo è molto importante per loro”, ha detto l’ufficiale sessantenne all’inizio dell’introduzione. Naturalmente, dice, si cerca di minimizzare le ragioni di ciò. Né capita spesso che un paese mostri un “cartellino rosso”. Ma è una questione di principio. I sette paesi rappresentati a Eindhoven esercitano la più grande cooperazione militare esistente in Europa. Tuttavia, godevano ancora della sovranità.

“Raccolta e condivisione”

È un’esperienza che si svolge qui ogni giorno, con 200 bravi dipendenti in un edificio moderno inondato di luce. I militari lo chiamano “messa in comune e condivisione”: i paesi uniscono e condividono le loro capacità. Ogni aeromobile porta un’insegna nazionale e si trova su una base nazionale. Ma quando si tratta della macchina utilizzata, gioca solo un ruolo secondario. Il ruolo principale che ricopre: chi ha l’aereo più adatto per un particolare trasporto, è disponibile in questo momento? Spesso sono altrettanto importanti nella pratica: chi otterrà il permesso di volare e atterrare più velocemente?

Newsletter F+ – I migliori giorni della settimana su FAZ.NET

il sabato alle 9

registrazione


Christian Jünch lancia una carta contro il muro per spiegarlo. Si tratta di trasferirsi dall’Afghanistan. Che ha tenuto la posizione di testa per settimane in estate. La carta mostra quanto tempo impiega ogni paese a rilasciare un “permesso diplomatico”, un permesso per un aereo governativo. È routine in Europa, non al di fuori di essa. In un paese ci vogliono cinque giorni, nei successivi dieci, in un giorno fino a 15. Nel caso di merci pericolose, armi e munizioni, il tempo di attesa può facilmente raddoppiare.

READ  Ucraina!: Il Ministero degli Affari Esteri si prepara a evacuare i tedeschi - Politica all'estero