Maggio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Civetteria con dubbio sui vaccini: visita di laboratorio allo stabilimento di vaccini morti Valneva

A metà strada tra l’ex mercato centrale del bestiame di Vienna e la tomba di Wolfgang Amadeus Mozart si trova la più grande concentrazione austriaca di istituti e aziende nel campo delle cosiddette scienze della vita. St. Marx è il nome della zona. Diverse migliaia di professionisti lavorano qui.

All’indirizzo Biocenter 3, stipato tra le case di potenziali concorrenti e partner di collaborazione, si trova un edificio a forma di cubo di Valneva. È il centro dello sviluppo del produttore di vaccini franco-austriaco, che vuole lanciare in primavera sul mercato europeo l’unico “vaccino morto” e che probabilmente convincerà almeno il penultimo scettico. La Germania ha ricevuto undici milioni di dosi.

Il vaccino morto convince ancora gli scettici?

Secondo i sondaggi, circa un terzo dei tedeschi che non hanno ancora mancato un polo precauzionale contro una grave infezione da corona non rifiuta fondamentalmente di essere vaccinato. Ci sono preoccupazioni particolarmente dilaganti tra loro che i prodotti Biontech/Pfizer, Moderna e AstraZeneca, che sono stati approvati per circa un anno, riceveranno vaccini testati troppo brevemente per gli effetti collaterali.

Si preferisce assumere un “vaccino morto”, risuona in tutti i tipi di forum. La sua tecnologia è vecchia, collaudata. L’utente di Facebook prevede che il suo consenso aumenterà il tasso di vaccinazione al 90 per cento “in pochissimo tempo”.

VLA2001, nome in codice del prodotto Valneva, nasce su una linea di produzione (i bioingegneri chiamano “piattaforma”) per vaccini già approvati contro altre malattie infettive. Il candidato all’approvazione è un “vaccino virale completo inattivato”, afferma Thomas Lengelbach, presidente di Valneva, 58 anni.

Orgoglioso del “modo tradizionale”

L’articolazione concettuale di Lingelbach è più di una semplice denominazione aziendale interna. Perché la parola “vaccino morto” è diventata un pasticcio nelle ultime settimane. Scientificamente, è considerato obsoleto. Inoltre, non esiste un “vaccino vivo” contro questa epidemia Corona virus, cioè non utilizza agenti patogeni deboli, come il morbillo.

READ  Le misurazioni MRI sono state ricevute da icometrix per le persone con sclerosi multipla...

Per inciso, le istruzioni per la costruzione di parti del patogeno nei vaccini mRNA sono “morte” come i geni che i vaccini vettoriali AstraZeneca e Janssen sfuggono nel corpo. L’ultimo vaccino approvato dal produttore statunitense Novavax – che dovrebbe arrivare in Germania questo mese – contiene anche repliche di particelle virali a cui reagisce il sistema immunitario.

Solo a Vienna Quindi stai seguendo il “percorso tradizionale”, secondo Lingelbach. Il principale vantaggio di questi vaccini è che sono caratterizzati da “ottima tollerabilità e sicurezza”. Dopotutto, un vaccino contro l’infezione tropicale dell’encefalite giapponese, che è sulla piattaforma da tempo, è stato approvato dall’età di soli due mesi. VLA2001 rappresenta il vaccino “ideale” per la fase avanzata di una pandemia, perché le persone preferiscono utilizzare prodotti con un “profilo comprovato”.

“Il nostro candidato è un vaccino a virus intero inattivato”

È come se Lingelbach, che è dell’Assia, è un ingegnere laureato specializzato in ingegneria dei bioprocessi e ha ricoperto diversi incarichi come direttore dei farmaci, volesse basare la sua attività sullo scetticismo sui vaccini. Lo smentisce, dice il responsabile dell’azienda, commentando i numerosi ed entusiastici messaggi che Valneva riceve ogni giorno “Non dobbiamo interferire in questa discussione”.

In ogni caso, le ultime statistiche sugli effetti collaterali della campagna di vaccinazione Corona in corso in Germania non danno motivo di sollevare preoccupazioni. Dopo 130 milioni di dosi, il Paul Ehrlich Institute responsabile di 1919 morti vicino al primo, secondo o terzo morso con Biontech & Co. Solo in 78 di essi è possibile o probabile una relazione causale.

Quanto bene protegge il vaccino Valneva?

Ma come funziona VLA2001? Presso l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ad Amsterdam Non esiste ancora una procedura di approvazione, ma esiste un processo chiamato “riesame continuo”, che è un tipo di procedura rapida di domande e risposte tra l’autorità e il richiedente. Anche Biontech e Pfizer godono di questo privilegio da più di un anno.

READ  Uno studio su Corona smentisce il consiglio di Kikel

Tuttavia, secondo Lingelbach, lo studio “decisivo” che Valneva ha presentato all’EMA differisce da questo duo. Non si basa su un numero di cinque cifre di argomenti, ma piuttosto su 4000 buoni partecipanti. Anche il gruppo di confronto non era vaccinato ma ha ricevuto Vaxzevria da AstraZeneca. Dopotutto, VLA2001 si è dimostrato superiore al vaccino Oxford in termini di formazione di anticorpi protettivi. In studi precedenti, questo ha ottenuto un effetto fino all’85%.

Naturalmente, il comportamento anticorpale non è l’unica “risposta” che il sistema immunitario umano fornisce a un vaccino. I cosiddetti linfociti T del gruppo dei globuli bianchi sono almeno altrettanto importanti. Ma a questo punto sono sorti dei dubbi, come ha affermato lo studioso di New York Florian Kramer. I vaccini inattivati ​​”di solito non sono adatti a stimolare una risposta dei linfociti T”, afferma Kramer.

Il principio dei vaccini inattivati

Questo potrebbe essere il motivo per cui esiste un altro vaccino di questo tipo, Coronavac dalla Cina, dove la media mobile esponenziale è sospesa da tempo. in un Chile E negli Emirati Arabi Uniti Coronavac si stava già indebolendo la scorsa primavera. Solo di recente il virologo della Berlin Charité Christian Drosten ha convalidato Coronavac come “debolmente efficace” contro la variante omicron. Tuttavia, anche la componente politica ed economica può svolgere un ruolo. Da parte sua, la Cina non ha ancora approvato il pionieristico vaccino Biontech/Pfizer “Comirnaty”, sebbene Biontech stia lavorando con il gruppo cinese Fosun Pharma.

Valneva Lingelbach, presidente dell’azienda, risponde alle critiche di Kramer secondo cui il prodotto cinese non contiene gli stessi booster utilizzati dallo sviluppo di Vienna per stimolare i linfociti T. In effetti, VLA2001 contiene due potenziatori, uno dei quali – nome in codice CpG 1018 – ha dimostrato di mostrare questo effetto, secondo gli studi. L’altro è un composito di alluminio. Materiali di questo tipo sono stati al centro delle critiche degli oppositori dell’anti-vaccinazione nell’era pre-Corona. Tuttavia, non è stata ottenuta alcuna prova conclusiva del loro presunto danno.

READ  Corona in NRW: i casi continuano ad aumentare e 58 nuovi decessi

Inoltre, sembra che Valneva, il cui prezzo delle azioni è sceso di recente, sia in conflitto con il governo britannico. A settembre ha annullato un ordine per 100 milioni di dosi di vaccino. Sulla base di quel poco che si può imparare, i dubbi sull’efficacia o sulla sicurezza del prodotto non dovrebbero essere la causa. Invece Londra accusa Valneva di ampliare lo stabilimento in Scozia Ritardare a pagare gli arretrati e quindi violare il contratto.

ordine mondiale

Nonostante se e cosa faccia – non è ancora chiaro quanto bene VLA2001 funzioni contro l’omicron – Lingelbach rimane ottimista, dicendo che al St. A country in the world abbiamo fatto il nostro lavoro per convincere le persone a vaccinarsi di nuovo”. ancora, lusingando con scetticismo sulla vaccinazione, questa volta con un pizzico di pragmatismo.

L’immunosoppressore tradizionale di Vienna, di cui l’azienda farmaceutica IDT Biologika, con sede a Dessau-Roslau, è principalmente responsabile della produzione di massa negli ultimi decenni, si oppone a molti progetti per reinventare la vaccinazione. È probabile che un piano per adattare meglio i vaccini esistenti a una variante di omicron sia l’esercizio più semplice.

Vaccinazione con spray nasale?

Ad esempio, molti ricercatori e aziende farmaceutiche in tutto il mondo stanno promuovendo vaccini che possono essere somministrati tramite spray nasale. AstraZeneca, ad esempio, sta guidando questo sviluppo. Un consorzio universitario tedesco sta lavorando a un prodotto che mira a fornire le proteine ​​del vaccino attraverso il naso nel corpo utilizzando virus innocui del vaiolo bovino.

Se Omikron assumesse la base della corona come previsto, questo approccio potrebbe essere particolarmente interessante. Secondo i risultati preliminari, questa variante si riproduce meglio nelle vie aeree superiori che nei polmoni. Sbarazzarsi del virus – può rendere questa epidemia meno spaventosa.