Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciclismo: Dane Jonas Vingegaard vince il 109° Tour de France

Gli sport Ciclismo

Dane Jonas Vingegaard ha vinto il 109° Tour de France

Vingegaard vince il Tour de France

Dopo il suo viaggio trionfante a Parigi, Jonas Weinggaard ha vinto il 109° Tour de France, il danese ha festeggiato il suo primo successo assoluto al Tour de France. Il belga Jasper Philipsen ha prevalso sui famosi Champs Elysees.

26 anni dopo Bjarne Riis, la Danimarca ha ancora una volta un vincitore del tour. Jonas Weinggaard depone Tadej Pogacar, che prontamente annuncia vendetta. Per i tedeschi è un giro di occasioni mancate, anche se Simon Geschke sta raccogliendo punti di simpatia.

yUnas Vinggaard si è regalato un bicchiere di champagne durante il suo tour d’onore prima che migliaia di suoi connazionali lo celebrassero in rosso e bianco sugli idilliaci Champs-Elysees. Il ragazzo magro della fabbrica di pesce di Gotland ha raggiunto l’obiettivo dei suoi sogni dopo 3.343,8 chilometri domenica.

26 anni dopo la vittoria ormai contaminata di Bjarne Reiss, la dinamite danese è tornata in testa ancora una volta al Tour de France di Parigi. “Sono state tre settimane fantastiche, un sogno”, ha detto Vingegaard dopo aver tolto l’apparentemente indomabile campione Tadej Pogacar.

Jonas Vingegaard ha raggiunto un’altezza incredibile in pochi anni

Fonte: Pool via REUTERS

Il tour, terminato domenica con la vittoria di Jasper Philipsen al Royal Sprint contro Dylan Groenwegen e Alexander Kristof, ha visto un uomo precedentemente afflitto da insicurezza e nervosismo trasformarsi in un vincitore sovrano. Sulle Alpi e sui Pirenei non ha rivelato punti deboli e ha sempre sentito il desiderio di saperne di più. “Voglio vincere di più”, ha detto il 25enne, che si è dimostrato anche un grande atleta nell’attesa in montagna dopo la caduta di Pojacar. “Abbiamo un buon rapporto. Non siamo amici, ma ci rispettiamo”.

“Non male”

Quindi il Tour può aspettarsi altri duelli più grandi. Perché Pogacar – questa volta con più di tre minuti di ritardo – è vendicativo. “Molte persone vogliono vedere un altro vincitore. Lo scambio di posto non è una brutta cosa. Ho trovato un avversario più forte. Questo mi dà un incentivo per essere migliore il prossimo anno”, ha detto lo sloveno, che aveva due anni in meno di lui e la cui squadra è stata esposta a diversi casi di Corona.

Giro di Francia

Campioni del Tour de France 2022: Jonas Weinggaard (D) Wut van Aert e Tadej Pojaccar (L)

Fonte: dpa / Thibault Camus

Leggi anche

Vingegaard e il suo team Jumbo Visma, che includeva un vincitore in tre fasi e Wout van Aert, hanno schiacciato la concorrenza. Anche Simon Geschke ha sentito questo, poiché il suo sogno di diventare il primo re tedesco delle montagne a Parigi è stato infranto negli ultimi Pirenei. Nel frattempo, le lacrime dell’uomo con la barba piena si asciugarono. “Penso di aver messo in scena un bello spettacolo. Mi sembra di aver guadagnato molti fan. Ovviamente non ho fatto nulla di sbagliato nelle ultime settimane”, ha detto Geschke, che è stato soprannominato “Winner of Hearts” dal connazionale Nils Polito.

Leggi anche

Jan Ulrich ha spinto le parole, il nostro impiegato con la mano dietro la schiena

Per la fazione tedesca più giovane dei Nove Moschettieri, è stata una serie di occasioni mancate per 20 anni. Leonard Camna era a soli 11 secondi dalla maglia gialla a Megève e il tedesco del nord ha mancato la vittoria di tappa La Blanche des Belles-Villes per meno di 100 metri. Tra i vincitori tra i tedeschi c’era invece Kamna, che si è ritirato dopo il secondo giorno di riposo a causa del freddo.

Evita il fiasco

Per la prima volta dal 2019, non c’è stata alcuna vittoria di tappa tedesca. I padroni di casa non avrebbero potuto fare di meglio, hanno festeggiato solo la terza e ultima giornata ed hanno evitato il più grande fallimento dal 1999. La piccola Danimarca lo ha festeggiato. Con il vento in poppa del suggestivo Grand Départs, avvenuto opportunamente a Copenaghen, ci sono state quattro vittorie di tappa di Vingegaard, dell’ex campione del mondo Mads Pedersen e Magnus Cort Nielsen.

Leggi anche

CYCLING-FRA-TDF2022-STAGE15

Non è il primo boom del ciclismo del paese dall’estremo nord. Gli ultimi due tempi si sono conclusi con grande delusione. Reiss in seguito ha ammesso di aver ricevuto il doping nella sua vittoria sulla scia dello scandalo delle comunicazioni e Michael Rasmussen è stato privato della maglia gialla verso la fine del 2007 e mandato a casa per aver falsificato la sua posizione agli agenti di controllo antidoping. In seguito ha anche ammesso di aver assunto steroidi.

Secondo Vingegaard, i tempi sono cambiati. “Siamo assolutamente puliti. Tutti noi. Posso parlare per l’intera squadra. Nessuno di noi prende nulla di proibito”, ha detto il nuovo sponsor del Tour. Rasmussen, ora giornalista del Tour, ha parlato di una “domanda senza senso”. il conducente attivo sa chi ammetterebbe qualcosa davanti alla telecamera.

Il tour non registra un caso di doping dal 2015, ma quest’anno ci sono stati 17 casi di infezione da corona. Come nella società, ora questo è normale a causa dell’allentamento delle restrizioni. Il quattro volte campione del Tour Chris Froome e il tedesco Max Walshed hanno assistito alla conclusione del tour in casa solo davanti alla televisione.

READ  Come analizza Wolff la crisi Mercedes?