Gennaio 27, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cerca pianeti simili alla Terra: scopri un esopianeta super veloce e super veloce – Wikipedia

Alla fine di una giornata terrestre media, un altro anno è già finito da qualche altra parte: il capodanno ogni sera! Sull’esopianeta GJ 367 b, che dista 31 anni luce dalla Terra, ci sono solo otto ore all’anno, il pianeta relativamente piccolo e molto leggero orbita attorno alla sua stella madre, una nana rossa chiamata GJ 367, in un buon terzo della giornata terrestre. La stella si trova nella costellazione Vela nell’emisfero australe, quindi non è visibile dall’emisfero settentrionale.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Nel nostro sistema solare Mercurio è il pianeta più veloce, ha bisogno solo di 88 giorni per girare intorno al sole, ma rispetto a GJ 367 b è anche una lumaca. L’astro è uno dei pianeti più leggeri conosciuti nella nostra galassia, circa 5.000 esopianeti: è ultraleggero ed estremamente veloce, il che lo distingue dagli altri esopianeti precedentemente conosciuti.

Con una massa pari solo alla metà della massa della Terra, è uno dei pianeti distanti più leggeri – con un diametro di circa 9.000 km, è leggermente più grande di Marte.

Ha partecipato un team di 78 ricercatori

Un team internazionale di 78 ricercatori ha scoperto il pianeta nel 2019 con l’aiuto del telescopio spaziale TESS. I ricercatori sono ora riusciti a misurare il piccolo strumento ad alta velocità attraverso ulteriori osservazioni presso l’Osservatorio europeo meridionale dell’ESO in Cile a un livello di accuratezza precedentemente irraggiungibile e a determinarne le caratteristiche interne.

READ  Uno sguardo a tutti i formati e i contenuti della Stagione 1 • Eurogamer.de

Il gruppo di ricerca è stato guidato da Kristen W. F. Lamm e Szilárd Csizmadia di Istituto di ricerca planetaria Dal Centro aerospaziale tedesco (DLR) di Berlino Adlershof. i tuoi risultati sono stati È stato pubblicato giovedì sulla rivista “Science”..

Uno dei risultati speciali del gruppo di ricerca risiede nell’elevata precisione con cui sono stati in grado di misurare il raggio e la massa della macchina ad alta velocità. Ciò fornisce importanti informazioni sulla sua natura, che a loro volta potrebbero far avanzare la ricerca degli astronomi per una seconda Terra.

Sicuramente un pianeta roccioso

“Dalla determinazione precisa del suo raggio e della sua massa, GJ 367 b può essere classificato con certezza come un pianeta roccioso”, spiega Christine Lamm. Per dimensioni e composizione ricorda ai ricercatori Mercurio, il che lo rende uno dei pianeti terrestri, cioè corpi celesti simili alla Terra.

Secondo le conoscenze dei ricercatori, un pianeta roccioso e di piccola massa ha una densità maggiore della Terra. “L’alta densità indica un nucleo di ferro”, spiega Szilard Sismadia. Anche in questa veste sarebbe simile a Mercurio, che differisce dagli altri corpi terrestri del nostro sistema solare, in quanto il suo nucleo sproporzionatamente grande è costituito da ferro e nichel.

GJ 367 b appartiene al gruppo degli “Ultra Short Period Planets” (USP), che orbitano attorno al loro Sole in meno di 24 ore. “Ne conosciamo già alcuni, ma la loro origine è ancora sconosciuta”, afferma Lamm. “Identificando attentamente le proprietà principali, abbiamo informazioni su come il sistema è configurato e sviluppato”.

Attraverso attente indagini e una combinazione di diversi metodi di valutazione, gli astronomi sono stati in grado di determinare molto accuratamente il raggio e la massa, il che, ovviamente, non è un problema per gli esopianeti: il raggio è il 72% del raggio della Terra e la massa è il 55% della massa della Terra.

READ  Esiste! La TV Samsung QD-OLED con HDMI 2.1 e 144Hz dovrebbe registrare

Il pianeta orbita da vicino attorno alla sua stella madre

Il giovane velocista veloce è molto vicino alla sua stella madre. Di conseguenza, è esposto a radiazioni molto più elevate della Terra. I ricercatori ipotizzano che la radiazione sia 500 volte più forte.

Di conseguenza, la temperatura superficiale sul lato del pianeta rivolto verso la stella può variare tra 1.300 e 1.500 gradi Celsius. A tali temperature tutte le rocce e i minerali si sciolgono. “GJ 367 b non è sicuramente una ‘seconda Terra’”, hanno concluso gli astronomi: Inside.

L’opera è stata realizzata nell’ambito di DFG-Schwerpunktprogramm “Esplorare la diversità dei pianeti extrasolari“, che è coordinato da Berlino da Heike Rauer tramite TU Berlin e supporta 51 progetti di ricerca in Germania. Ci sono già state numerose pubblicazioni. Lo studio è stato pubblicato di recente su GJ 367b.