Febbraio 8, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cerca gli esopianeti. Nuovo telescopio per scoprire la seconda Terra con la vita.

Rappresentazione per lo più speculativa di un esopianeta Trappist 1e. Un nuovo telescopio potrebbe scoprire se assomiglia davvero a questo.

NASA

Abbiamo solo un pianeta abitabile – in effetti, questa ipotesi è quasi certamente errata. La NASA ora vuole cercare alternative alla Terra.

Nel 2022, il James Webb Telescope ha deliziato sia il pubblico che gli esperti. Le prime straordinarie immagini di galassie lontane sono diventate sensazioni virali, mentre gli scienziati hanno goduto di un’analisi spettrale dettagliata.

Ma la NASA sta già lavorando ai prossimi telescopi spaziali. A una conferenza dell’American Astronomical Society, l’agenzia spaziale statunitense ne ha uno Prima anteprima Dato un progetto particolarmente ambizioso, il Osservatorio sui mondi abitabiliall’Osservatorio tedesco sui mondi abitabili.

Undici miliardi di esopianeti attendono di essere scoperti

Come suggerisce il nome, la missione principale del telescopio sarà la ricerca di esopianeti dove la vita potrebbe essersi formata e persistere. Secondo i calcoli, solo nella Via Lattea ci sono undici miliardi di tali pianeti abitabili. In effetti, non dovrebbe essere difficile trovarne alcuni dopo.

Ma sebbene più di 5.000 esopianeti siano stati scoperti da vari telescopi terrestri e spaziali, di solito sappiamo molto poco su come sono. Perché la luce più forte della stella nel sistema principale dell’esopianeta di solito rende impossibile la registrazione visiva del pianeta.

L’atmosfera di un pianeta extrasolare può essere studiata

Tuttavia, attualmente è possibile, per vie traverse, scoprire di quali elementi potrebbe essere composta l’atmosfera degli esopianti. Perché quando la luce proveniente dalla stella natale di un esopianeta attraversa la sua atmosfera mentre si dirige verso un telescopio, alcuni colori dello spettro vengono filtrati più di altri.

READ  6 alimenti che riempiranno le tue riserve di vitamina D prima di cadere

Poiché è noto quali elementi cambiano luce e come, si possono trarre conclusioni sulla composizione dell’atmosfera. Ad esempio, il JWST è stato in grado di rilevare l’anidride carbonica nell’atmosfera dell’esopianeta WASP-39 b, a 700 anni luce di distanza.

La spettroscopia può essere utilizzata per determinare la composizione dell'atmosfera di un pianeta extrasolare.
La spettroscopia può essere utilizzata per determinare la composizione dell’atmosfera di un pianeta extrasolare.

NASA

Pronto per gli aggiornamenti

I dettagli tecnici dell’HWO per la maggior parte devono ancora essere determinati. Tuttavia, secondo i requisiti di progettazione, dovrebbe essere in grado di scansionare almeno 25 esopianeti più vicini al nostro sistema solare alla ricerca di segni di vita. Inoltre, il telescopio deve essere in grado di filtrare una luce fino a 10 miliardi di volte più forte di quanto la stella superi il suo pianeta.

Inoltre, l’HWO deve essere aggiornabile, anche se deve trovarsi nel punto lagrangiano L2 – 1,5 miliardi di chilometri dalla Terra – come il JWST. I robot devono essere in grado di recarsi all’HWO e aggiornarlo regolarmente con la tecnologia più recente o eseguire riparazioni.

Per ora, la NASA prevede di iniziare a gestire l’HWO nei primi anni ’40. Soprattutto, si vogliono evitare enormi ritardi e maggiori costi nel JWST. Questo avrebbe dovuto iniziare nel 2007 e costare $ 1 miliardo invece dei $ 10 miliardi che alla fine saranno necessari.