Luglio 4, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

CEO di Amazon: Donare beni è ancora più costoso che distruggerli

Nel bel mezzo della guerra di vendita in corso intorno al Black Friday e Internet Monday, Ralph Kleiber, capo di Amazon Germania, ha ripetutamente respinto le accuse di massiccia distruzione dei resi. Ha spiegato a Handelsblatt che “nel caso dei beni che possediamo, questo rapporto è nell’ordine del millesimo”. In linea di principio, vengono smaltite solo le cose che “non possono più essere vendute per motivi di igiene o responsabilità del prodotto”. Il gigante dell’e-commerce ha anche donato circa 1,5 milioni di confezioni non vendibili alle banche alimentari locali lo scorso anno.

I resi fanno parte dell’attività di vendita al dettaglio e sono molto diversi a seconda del prodotto, Clipper spiegato: “Naturalmente cerchiamo di vendere la maggior parte della merce resa il più nuova possibile” e smaltire il resto come “merce B a prezzi stracciati”. In generale, “Nessuno si preoccupa dei resi: né il cliente, né l’ambiente, né noi”.

Secondo il manager di lunga data del paese, i partner di vendita del mercato Amazon che hanno meno protezione finanziaria spesso si vedono costretti a distruggere le merci per motivi economici. Kleber si lamenta: “Le disposizioni legali in Germania dicono ancora che l’imposta sulle vendite deve essere pagata sui prodotti donati”. “Ciò significa che le donazioni sono spesso più costose degli scarti”. Molti dei rivenditori più piccoli che immagazzinano merce nei centri logistici di Amazon “semplicemente non possono permetterselo”.

L’esperto finanziario chiede quindi al prossimo governo federale di modificare le disposizioni legali pertinenti. Amazon ha esercitato pressioni sul Tesoro federale per anni. Ne sono un esempio paesi come Belgio, Francia e Gran Bretagna, che hanno da tempo rimosso questo ostacolo. Nel solo Regno Unito, “70 milioni sono stati donati per restituire prodotti di terzi invenduti” in un breve periodo di tempo.

READ  Musk: Con l'accordo su Twitter, c'è molto in gioco per lo stesso Elon Musk

In effetti, spesso è più economico sdoganare le merci in Germania che donarle. Il futuro cancelliere Olaf Schulz, in qualità di ministro delle finanze, voleva attenersi alla tassa sulle donazioni in natura: abrogarla consentirebbe abusi e non sarebbe consentita dal diritto dell’UE, ha confermato almeno nel 2019 un portavoce del politico SPD. Catherine Göring ha chiamato Eckhardt, il leader del gruppo parlamentare dei Verdi, ha esortato le imprese a offrire un’analoga esenzione dall’imposta sulle vendite.

Nell’accordo di coalizione tra SPD, Verdi e Partito d’Azione Democratica di mercoledì, ora si dice: “Lavoreremo con tutti gli interessati, per ridurre lo spreco alimentare in modo specifico del settore, chiarire le questioni di responsabilità e facilitare i crediti d’imposta per le donazioni. “

Per Amazon, anche sbarazzarsi dei prodotti dei partner commerciali sembra essere un affare. Secondo una ricerca di Greenpeace, il gigante commerciale distrugge ogni settimana un carico di merci nuove come riscaldatori radianti, caricabatterie e cartucce di toner in un magazzino privato a Winsen, in Bassa Sassonia. I venditori di terze parti assumono Amazon per sbarazzarsene per evitare costi di stoccaggio o di restituzione.

Amazon raccoglie in base a ciò a cui è possibile accedere dopo la registrazione Listino prezzi per i partner di vendita (“Venditore”) Tariffa di stoccaggio a lungo termine. Per i DVD, ad esempio, se sono stati conservati per più di un anno, attualmente si tratta di circa 0,20 euro al pezzo. I costi aggiuntivi non si applicano se viene richiesta la tempestiva ‘rimozione o smaltimento delle unità’. Per gli “ordini di rimozione locali” per la distruzione, il gruppo addebita tra 0,25 e 3,90 euro, a seconda del peso. A partire da cinque chilogrammi, è dovuto un supplemento. Christian Beach, la cui azienda vende articoli in pelle in tutto il mercato, confermare questa pratica Rispetto a ARD e “Zeit”.

READ  Il refuso "Fat Finger" invia $ 36 milioni di criptovalute ai Nirvana | newsletter

I giornalisti sotto copertura che lavorano con Günther Walraff hanno recentemente rintracciato magliette e cuffie che erano state ordinate a titolo di prova e sono state dotate di tracker quando sono state restituite in Polonia a una fabbrica Amazon vicino a Katowice. Un “distruttore” che lavorava lì ha informato il team che la Germania era il mercato più grande della struttura e che tutti i prodotti sarebbero stati distrutti. Anche questi sono nuovi prodotti.


(tiw)

alla home page