Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

C’è un altro problema con Voyager 1: solo dati spazzatura provenienti dallo spazio interstellare

C’è un altro problema con Voyager 1: solo dati spazzatura provenienti dallo spazio interstellare

C’è un altro problema tecnico a bordo della sonda Voyager 1 della NASA, motivo per cui il dispositivo più lontano dalla Terra attualmente non trasmette dati scientifici e tecnici. L’agenzia spaziale americana lo ha ora reso noto e ha chiarito che il riavvio del sistema difettoso la scorsa settimana non ha risolto l’errore. Potrebbero essere necessarie diverse settimane prima che il team sviluppi un nuovo piano. Ciò è dovuto anche alla necessità di cercare e sfogliare istruzioni per l’uso vecchie di decenni per poter prevedere le possibili conseguenze di un nuovo ordine.

annuncio

Si è verificato il problema Secondo l’annuncio Su uno dei tre computer a bordo della Voyager 1. Il Flight Data System (FDS) è responsabile, tra le altre cose, di raccogliere dati da strumenti scientifici e di assemblarli con informazioni tecniche in pacchetti che vengono trasmessi alla Terra. Tuttavia, il computer ha recentemente iniziato a inviare schemi ripetuti di zero e uno, indicando che il dispositivo è in qualche modo “bloccato”. Anche dopo il riavvio, il dispositivo non inviava dati utilizzabili. Ciò rende la risoluzione dei problemi più complessa.

La sonda Voyager 1 e la sua sonda gemella Voyager 2 furono lanciate nel 1977 e riuscirono a sfruttare una rara costellazione in cui i quattro pianeti più grandi del sistema solare erano particolarmente vicini l’uno all’altro. Entrambi visitarono Giove e da esso trassero slancio verso Saturno, dove i loro percorsi si divisero: la Voyager 1 fu lanciata dal livello del sistema solare e la Voyager 2 verso Urano e Nettuno. Originariamente era stata pianificata una missione di soli quattro anni, ma ora sono in viaggio da 46 anni e sono ancora attivi. Il programma Voyager è stato per lungo tempo uno dei più grandi successi della NASA. Più recentemente, i gemelli Voyager hanno raggiunto lo spazio interstellare: poiché all’epoca si verificarono molti guasti alle sonde spaziali, ce n’erano due ciascuno che contavano.

I problemi sono aumentati ultimamente perché i sensori sono molto vecchi. Inoltre, almeno i dipendenti della NASA responsabili dello sviluppo e delle operazioni iniziali sono in pensione. Molti semplicemente portavano a casa le loro scatole di documenti. Alcuni di loro sono ancora lì nei garage, ma prima devono essere ritrovati lì. Ciò si è reso necessario l’anno scorso quando la Voyager 1 ha improvvisamente inviato dati misteriosi dallo spazio interstellare. Il lavoro non è facilitato dall’enorme distanza della sonda: il segnale impiega ormai 22,5 ore per arrivare, quindi la risposta non sarà disponibile prima di due giorni.


(mah)

Alla home page