Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cattive notizie per Monaco: la prossima azienda di Benko è sull’orlo della bancarotta: lui stesso è ancora molto ricco

Cattive notizie per Monaco: la prossima azienda di Benko è sull’orlo della bancarotta: lui stesso è ancora molto ricco

Monaco – La profonda caduta di René Benco – Il suo impero sta rapidamente crollando. Ora entra nel vortice anche l’immobiliare di lusso di Signa. Come ha riferito venerdì lo Spiegel, anche la società affiliata di Benko, Signa Prime, si sta preparando a dichiarare fallimento. Di conseguenza, entro due settimane è prevista la dichiarazione di fallimento.

In Signa Prime, la più importante divisione del tirolese René Benko, le azioni di Signa sono raggruppate negli immobili più esclusivi: tra questi figurano la vecchia Accademia nella zona pedonale di Monaco, e l’ex grande magazzino Hertie (Hermann-Tietz-Haus) sul la strada principale. La stazione ferroviaria o KaDeWe a Berlino e l’Elbtower ad Amburgo. A Signa Prime appartengono anche le azioni del grande magazzino di lusso Oberpollinger a Monaco.

Il grande magazzino di lusso Oberpollinger è gestito da KaDeWe Group GmbH. Benkos Signa Prime possiede azioni di Oberpollinger.
©Imago/Sven Simon
Il grande magazzino di lusso Oberpollinger è gestito da KaDeWe Group GmbH. Benkos Signa Prime possiede azioni di Oberpollinger.

Di IMAGO/Sven Simon

“}”>

Il valore è sulla home page dell’azienda Il valore del patrimonio immobiliare di lusso ammonta attualmente a 20,4 miliardi di euro. Con la procedura di autoamministrazione fallimentare i dirigenti di Cigna sperano di salvare la holding Cigna Prime e i suoi miliardi. Se questo non funziona, c’è il rischio di liquidazione.

Dopodiché, secondo Spiegel, ci saranno poche possibilità di riorganizzare la holding, che ha un debito di 5 miliardi di dollari. Le aziende verranno smembrate e, secondo l’esperienza, i valori si ridurranno del 90%. La situazione finanziaria è molto difficile, soprattutto perché la settimana scorsa sono scadute obbligazioni per un valore di 200 milioni di euro.

Passeggiata natalizia nella zona pedonale: Kaufingerstraße e Nehauser Straße sono le vie dello shopping con il maggior numero di pedoni.  Così come quelle con il maggior numero di negozi (catene di negozi).

Il centro di Monaco sta vivendo un cambiamento radicale: fino all’80% dei negozi…



X

Hai aggiunto l’articolo alla tua lista di controllo.

Alla lista di controllo




Il centro di Monaco dovrà rosicchiare a lungo l'eredità di René Benko.

Terremoto Benko: un esperto prevede che tutti gli stabilimenti di Monaco verranno chiusi dopo il fallimento…



X

Hai aggiunto l’articolo alla tua lista di controllo.

Alla lista di controllo




La Signa Holding del miliardario René Benko è diventata insolvente.

È tutto finito! Come lo Stato tedesco si innamorò di Banko



X

Hai aggiunto l’articolo alla tua lista di controllo.

Alla lista di controllo




Vecchia Accademia di Monaco: l’azienda deve 259 milioni di euro

L’impero di Signa di Benko è cresciuto in modo esponenziale grazie a molti capitali presi in prestito. Secondo le informazioni di The Pioneer, circa 30 miliardi di euro vengono investiti in aziende da donatori esterni. Si tratta di prestiti degli azionisti, cambiali o una combinazione di capitale proprio e debito. Tra i finanziatori ci sono anche molte banche e assicurazioni.

Il cantiere incompiuto della Alte Akademie nella Neuhauser Straße: i lavori sono fermi da settimane.
Il cantiere incompiuto della Alte Akademie nella Neuhauser Straße: i lavori sono fermi da settimane.
©Imago/Sven Simon
Il cantiere incompiuto della Alte Akademie nella Neuhauser Straße: i lavori sono fermi da settimane.

Di IMAGO/Sven Simon

“}”>

Secondo le informazioni di AZ, la società che ha acquisito in locazione la vecchia accademia e voleva trasformarla in un nuovo edificio per uffici e attività commerciali, ha contratto nei confronti delle banche un debito di 200 milioni di euro. Con un debito aggiuntivo di circa 59 milioni di euro, alla fine del 2021 l’azienda era ancora in difficoltà con le filiali di Signa.

Nonostante il fallimento di Cigna: il patrimonio di René Benco ammonta ancora a circa tre miliardi di euro

Secondo quanto riportato dai media, tra i donatori figurano la Bayerische Landesbank (Bayern LB) e la Camera di rifornimento bavarese, che dovrebbe garantire le pensioni ai dipendenti pubblici. Si prevede che anche la Stadtsparkasse München parteciperà con una somma a tre cifre di due milioni. Le banche non si pronunciano su questo, con il pretesto della protezione dei dati e del segreto bancario.

Il capitale straniero e i suoi buoni collegamenti in politica Non solo l’economia ha permesso al Banco di costruire il suo impero immobiliare. Lo hanno anche reso molto ricco. Nel 2019 la rivista americana Forbes ha stimato la sua ricchezza in cinque miliardi di dollari. A novembre, secondo Forbes, era ancora a 2,8 miliardi.

Il grande mondo dello sport: ingresso alla filiale Sport Scheck della Joseph-Pschorr-Haus nella Neuhauser Straße.

“Un passo amaro”: dopo il fallimento di Cigna – anche SportChic di Monaco…



X

Hai aggiunto l’articolo alla tua lista di controllo.

Alla lista di controllo




Nel maggio dell'anno scorso il mondo di René Benko era ancora in ordine: ha visitato Monaco e ha festeggiato la riapertura dell'Hotel Oberbollinger.  Il negozio di lusso fa parte dell'impero Benko dal 2013.

Impero immobiliare di Monaco in rovina: Rene Benko vende…



X

Hai aggiunto l’articolo alla tua lista di controllo.

Alla lista di controllo




Rene Benko possiede diverse proprietà di lusso a Monaco.  Da allora è stato licenziato dalla sua azienda, Signa Group.

Cosa accadrà dopo il terremoto del Banco: questo dicono gli esperti



X

Hai aggiunto l’articolo alla tua lista di controllo.

Alla lista di controllo




Casa tradizionale di Monaco Pinching: il futuro di SportScheck

Dopo il fallimento del Gruppo Signa La rivista lo ha completamente rimosso dalla classifica. Oltre a Signa Holding, due aziende tedesche hanno dovuto ricorrere al tribunale locale, anche la divisione di commercio sportivo online e SportScheck hanno dichiarato fallimento.

Qualche giorno fa il rivenditore di articoli sportivi ha tirato un sospiro di sollievo: inizialmente poteva continuare a consegnare la merce alle filiali e rivenderla lì. L’ordinanza del tribunale lo rende possibile: “Ciò significa che SportScheck può continuare a funzionare dopo un breve periodo di tempo”, ha detto all’AZ un avvocato specializzato in diritto fallimentare. Tuttavia, tra i dipendenti rimane l’incertezza su ciò che accadrà dopo.

SportScheck sulla Neuhauser Straße: anche il rivenditore di articoli sportivi ha dovuto dichiarare fallimento.
SportScheck sulla Neuhauser Straße: anche il rivenditore di articoli sportivi ha dovuto dichiarare fallimento.
© Imago/Wolfgang Maria Weber
SportScheck sulla Neuhauser Straße: anche il rivenditore di articoli sportivi ha dovuto dichiarare fallimento.

Di IMAGO/Wolfgang Maria Weber

“}”>

Una cosa per ora è certa: il tempo di mettersi in mostra presso la holding viennese Signa Holding è finito. Il direttore della ristrutturazione Christoph Stapf ha eliminato costi milionari, tutti pagati da Cigna. Ciò includeva voli, eventi costosi e feste di caccia organizzate da Benko che aiutavano a mantenere i contatti. Cancellate anche le spese di sicurezza del Banco.