Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Catene di approvvigionamento in primo piano: nonostante le cifre forti di Tesla: questi problemi riguardano ancora i pionieri delle auto elettroniche | newsletter

• Tesla convince con personalità forti
• Preoccupazioni per le catene di approvvigionamento
• Aumento dei prezzi delle materie prime

Tre anni fa, Tesla è riuscita solo a evitare il fallimento e, allo stesso tempo, il gruppo Elon Musk è un punto di riferimento per l’industria delle auto elettriche. Il gruppo americano ha registrato un discreto margine di profitto del 19% nei tre mesi fino alla fine di marzo. Secondo i calcoli dell’esperto del settore Ferdinand Dudenhofer, Tesla è la casa automobilistica più redditizia al mondo dopo la casa di lusso Ferrari. Inoltre, rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso, le vendite sono aumentate dell’81% a 18,8 miliardi di dollari e l’utile netto di un incredibile 658% a 3,3 miliardi di dollari. I numeri erano molto migliori di quanto gli analisti si aspettassero.

Nuove fabbriche aperte

Nonostante Tesla abbia recentemente alzato i prezzi di alcuni suoi modelli, la domanda è ancora molto alta. Tuttavia, soddisfare questa richiesta non sarà facile per il gruppo, nonostante la presenza di nuovi produttori.

A marzo, Tesla ha aperto la sua prima fabbrica di automobili europea a Grünheide, vicino a Berlino. Tuttavia, ci vorrà del tempo prima che la produzione inizi effettivamente. Anche se si prevede che circa 500.000 veicoli elettrici all’anno usciranno dalla catena di montaggio a lungo termine, il CEO Elon Musk ha recentemente ammorbidito le previsioni, ma ci sono voluti 12 mesi per raggiungere 5.000 veicoli a settimana dopo l’inizio della produzione. Sarà necessaria anche pazienza per il nuovo stabilimento che è stato aperto ad Austin, in Texas, ad aprile. Tesla ha urgente bisogno di una nuova capacità di produzione poiché lo stabilimento principale in California ha raggiunto i suoi limiti di capacità.

READ  Record alto all'orizzonte: il DAX continua a salire

Preoccupazioni per la posizione di Shanghai

Oltre ai due nuovi stabilimenti di Grünheide e Austin e dello stabilimento principale in California, Tesla ha solo un altro stabilimento, che si trova a Shanghai. Per molto tempo, la Cina ha attraversato relativamente indenne la pandemia della corona, ma il Regno di Mezzo sta attualmente lottando con la peggiore ondata di infezioni dall’inizio dell’epidemia. La città economica di Shanghai è di gran lunga la più colpita. Poiché la Cina è uno degli ultimi paesi al mondo ad aderire alla strategia di eliminazione del coronavirus emergente, milioni di persone sono già state costrette al blocco per prevenire qualsiasi infezione. Alla Tesla, ciò ha ridotto la produzione nel suo stabilimento automobilistico di Shanghai nel primo trimestre. Nel frattempo le operazioni lì sono riprese, ma la situazione deve continuare ad essere monitorata da vicino, ha affermato in occasione della presentazione del bilancio.

colli di bottiglia della catena di approvvigionamento

Inoltre, l’industria automobilistica di tutto il mondo sta subendo interruzioni nelle catene di approvvigionamento a causa della pandemia di Corona. Negli ultimi trimestri, ha spiegato Tesla, questi colli di bottiglia sono stati il ​​fattore che ha frenato maggiormente la sua produzione.

La società statunitense ha avvertito che questi problemi potrebbero persistere durante tutto l’anno. Ad esempio, ci sono preoccupazioni sulla futura disponibilità di chip e materie prime critiche come il litio per le batterie.

Aumento del prezzo delle materie prime

I problemi di conduzione legati alla corona causano anche costi significativamente più elevati per le materie prime, ad esempio nichel, alluminio e palladio, che vengono utilizzate nei componenti Tesla. Questo sviluppo è stato rafforzato dall’imposizione di sanzioni di vasta portata alla Russia per il suo attacco all’Ucraina. Ad esempio, il prezzo del nichel è salito a un nuovo record, poiché la Russia è uno dei maggiori esportatori di nichel insieme all’Indonesia e alle Filippine. Finora il gruppo americano è almeno riuscito a trasferire sui propri clienti l’aumento dei costi delle materie prime, operando così in modo molto redditizio.

READ  Tira fuori più di 15 spezie in taglia XXL: anche Kaufland ha smesso di vendere

redazione finanzen.net

Prodotti gru selezionati su Ferrari NVCon i knockout, gli investitori speculativi possono partecipare in modo sproporzionato ai movimenti dei prezzi. Basta selezionare la leva desiderata e ti mostreremo i prodotti giusti su Ferrari NV

La leva dovrebbe essere compresa tra 2 e 20

Non ci sono dati

Altre notizie su Ferrari NV

Crediti immagine: David Calvert/Per il Washington Post tramite Getty, Katherine Wells/Shutterstock.com