Maggio 22, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cambiare la situazione nella NATO: consegna dei carri armati di Kiev

DottIl segretario generale della NATO ha affermato che la guerra della Russia contro l’Ucraina è in una “fase cruciale” Jens Stoltenberg Martedì. Le forze d’invasione cercheranno quindi di “catturare completamente il Donbass e stabilire un ponte di terra verso la Crimea occupata”. Ci vorranno “alcune settimane” per riorganizzare e armare le forze russe per questo, e poi ci sarà una “grande offensiva”. “Durante questa finestra di opportunità, è molto importante che gli alleati della NATO forniscano supporto in modo da poter fornire alle forze ucraine armi e attrezzature”, ha affermato Stoltenberg. I ministri degli esteri della NATO dovranno parlarne quando si incontreranno a Bruxelles mercoledì e giovedì sera.

Thomas Gotchaker

Corrispondente politico per i paesi dell’Unione Europea, della NATO e del Benelux, con sede a Bruxelles.

Il Segretario generale della NATO non ha voluto commentare in modo più specifico l’assistenza con le armi necessarie ora, anche dopo ripetute inchieste. Per ragioni pratiche, sarebbe meglio che gli alleati consegnassero le cose piuttosto che discuterne pubblicamente, ha detto, parlando in generale di “sistemi di qualità superiore”. Allianz è in una posizione difficile su questo tema. Vuole stare fuori dalla guerra, ma allo stesso tempo è la piattaforma su cui si coordinano gli alleati. Più di due terzi dei membri stanno ora fornendo “assistenza letale”, ha affermato martedì l’ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO Julian Smith. Quando la scorsa settimana il ministero della Difesa britannico ha organizzato una sorta di conferenza sugli armamenti, hanno partecipato 35 paesi. Tra loro c’erano stretti partner della NATO come l’Australia, che sono stati anche invitati alla riunione dei ministri degli esteri.

READ  Il futuro CEO di Siko spiega il piano della Russia per l'Ucraina

Indicazioni della Segreteria di Stato

Gli inglesi erano più visibili di Stoltenberg. I partecipanti si sono impegnati a fornire all’Ucraina “sistemi di difesa aerea e costiera più forti, capacità di artiglieria e anti-artiglieria, veicoli corazzati e protetti”. Tutto questo in aggiunta alle armi anticarro e antiaeree che sono state consegnate nelle prime settimane. Per la prima volta, Kiev ora riceve armi pesanti e quelle che possono essere usate per contrattaccare. I riferimenti del ministro degli Esteri tedesco sono coerenti con questo. Ha detto che il governo federale sta ora valutando la possibilità di fornire sistemi d’arma che “non abbiamo mai consegnato prima”. Annalena Barbuk Lunedì. Viene anche esaminato “se i problemi tecnici sorti durante la consegna e l’uso delle ‘armi tedesche’ non potessero essere risolti dopo tutto”.

Newsletter F+ – I migliori giorni della settimana su FAZ.NET

Sabato 9:00

registrazione




Che cosa significhi in termini concreti, tieni Brobock per sé. Ma gli alleati lo indagheranno a Bruxelles. Ai diplomatici tedeschi è stato chiesto spesso nei corridoi della NATO negli ultimi giorni: “Perché non consegnate nessun carro armato?” Almeno sono stati in grado di sottolineare che il governo federale ha permesso a una compagnia ceca di vendere 56 carri armati dalle scorte della Germania orientale all’Ucraina. provenivano da Forze armate È stato prima ceduto alla Svezia e poi trasferito a tale società; Quindi l’esportazione doveva essere approvata dal Consiglio di sicurezza federale. La Germania può anche fornire veicoli corazzati per il trasporto di personale Marder di seconda mano, che sono parcheggiati nello stabilimento di Rheinmetall; Ma prima dovrà essere risolto.

Secondo quanto riferito, la Repubblica Ceca ha fornito all’Ucraina carri armati principali T-72 sovietici e veicoli da combattimento di fanteria BVP-1. La televisione ceca ha mostrato le immagini di un treno carico di cinque veicoli di ogni categoria. Il ministro della Difesa ceco ha rifiutato di confermare il passaggio di consegne in parlamento, ma ha affermato che il governo sta facendo tutto il possibile per aiutare l’Ucraina con attrezzature “leggere e pesanti”. Molti ex stati membri del Patto di Varsavia hanno ancora veicoli di quei tempi nei loro magazzini. Questo vale anche per il sistema di difesa aerea pesante S-300. La Slovacchia ha annunciato che l’avrebbe ceduta a Kiev se gli alleati avessero protetto il suo spazio aereo. La Bundeswehr ora sta facendo questo con Patriots, ma la NATO ha sentito che il governo slovacco non è ancora pienamente soddisfatto di questa protezione.